Quattro vite di Arnaud des Pallières - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Matteo Marelli dice che Nato a Casal di Principe è il film da salvare oggi in TV.
Su Rai5 alle ore 22:15.

La Berlinale conferma: il suo fondatore è stato un consigliere nazista

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«Il motivo per cui Dio ci ha dato due orecchie e una bocca è per permetterci di ascoltare il doppio di quanto parliamo (Quincy Jones)»

scelta da
Emanuele Sacchi

cinerama
9502
servizi
3973
cineteca
3277
opinionisti
2242
locandine
1102
serialminds
1043
scanners
517
Recensione pubblicata su FilmTv 34/2020

Quattro vite


Regia di Arnaud des Pallières

Come dice il titolo originale Orpheline, la protagonista dell’ultimo film di Arnaud des Pallières (in sala a quattro anni dalla presentazione al Festival di Toronto), interpretata da quattro attrici diverse in altrettante fasi della vita, è un’orfana a cui non mancano i genitori, ma più sottilmente l’identità e in maniera più evidente un nome e un corpo in cui riconoscersi e farsi riconoscere. «Tu non assomigli alla ragazza che ho conosciuto» le dice l’ex amante e complice in un piano criminale, venuta a regolare i conti dopo cinque anni di prigione. A trent’anni, come a venti e prima ancora a sedici e sei, Renée, Sandra, Karine, Kiki, una volta gettate nel mondo sono sole, sempre in cerca di appigli per resistere al dolore di una vita distinta eppure unica. Non c’è nemmeno un ordine temporale a fare da principio regolatore: Des Pallières e la co-sceneggiatrice Christelle Berthevas, adattando l’esperienza autobiografica di quest’ultima, tra flashback, rivelazioni, arresti, incontri pericolosi nel giro delle scommesse sulle corse di cavalli, fughe adolescenziali, amanti uomini e amanti donne, bambini scomparsi e neonati in arrivo, compongono il puzzle di una donna perduta che restituisce in maniera sofferta e cinematograficamente potente lo smarrimento dell’io nel tumulto della realtà. Con una sostanza drammatica che supera l’astrazione intellettuale, il film riflette così sulla gratuità di ogni atto creativo, affidando ai volti, agli occhi, alla semplice presenza delle meravigliose interpreti (le esperte Adèle Haenel e Adèle Exarchopoulos, l’acerba Solène Rigot e la piccola Vega Cuzytek) il compito di restituire l’insostenibile gravità dell’essere. 

I 400 colpi

MC
5
RM
7
RMO
7
RS
5
media
6.2
Quattro vite (2017)
Titolo originale: Orpheline
Regia: Arnaud des Pallières
Genere: Drammatico - Produzione: Francia - Durata: 111'
Cast: Adèle Haenel, Adèle Exarchopoulos, Solène Rigot, Vega Cuzytek, Gemma Arterton, Jalil Lespert, Nicolas Duvauchelle, Sergi López, Karim Leklou, Robert Hunger-Bühler
Sceneggiatura: Christelle Berthevas, Arnaud des Pallières

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Roberto Manassero

Roberto Manassero lavora come selezionatore al Torino Film Festival, è capo-redattore del sito www.cineforum.it e collaboratore delle riviste Film Tv e Doppiozero. Ha scritto un libro su P.T. Anderson, uno su Hitchcock e uno sul melodramma hollywoodiano. Tra i curatori del programma del Circolo dei lettori di Novara, tiene lezioni di cinema in scuole, musei e associazioni cultura.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy