Proiettile vagante di Guillaume Pierret - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che Il buono, il brutto e il cattivo è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 21:10.

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno.

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«sarà mica la maniera di lavorare… non si lavora così dai… ogni lavoro anche il più banale necessita di un minimo di regia»

scelta da
Andrea Bellavita

cinerama
9425
servizi
3895
cineteca
3240
opinionisti
2222
locandine
1097
serialminds
1028
scanners
514
Recensione pubblicata su FilmTv 34/2020

Proiettile vagante


Regia di Guillaume Pierret

Lino trucca macchine da dio. Una la prepara tipo ariete per una rapina, ma calcola male la spinta e sfonda un intero palazzo, finendo in galera. Uno sbirro arriva e gli propone lo scambio: libertà (condizionata) in cambio della sua arte. Dalla parte dei flic per combattere la sporca guerra del “go fast”: narcos di banlieue organizzati in convogli per trasportare più veloci della luce dal sud della Spagna la droga che arriva loro dal Marocco. Lino ci sta, lavora sodo per nove mesi e si innamora di una poliziotta della squadra, poi finisce nei guai accusato di omicidio, potrà salvarsi la pelle correndo (in macchina) e combattendo. Delizioso B movie senza pretese. Ma poi, perché? Ne ha di pretese: per esempio dimostrare la superiorità di produzioni autoctone (leggi francesi) rispetto agli omologhi spacconi Usa. Restando nello stesso campo da gioco (Netflix) Proiettile vagante è costato un centesimo rispetto a Project Power ma riesce a essere 100 volte migliore, pur con i suoi endemici limiti di scrittura. Uno spettatore un minimo sgamato, per dire, capisce tutto dopo 19 minuti; chi ha visto la serie tv Braquo anche prima, appena entra in campo Nicolas Duvauchelle. La riuscita del film si deve alle scene d’azione e agli inseguimenti in macchina, molto realistici e senza effetti speciali, non un euro speso in post-produzione digitale. Merito del regista esordiente Guillaume Pierret e del protagonista Alban Lenoir, attore & cascatore (per esempio in Io vi troverò) accreditato anche come collaboratore artistico per la realizzazione degli stunt. Se vi piace il genere lasciate stare i fintissimi americani e vive la France.

Proiettile vagante (2020)
Titolo originale: Balle perdue
Regia: Guillaume Pierret
Genere: Azione - Produzione: Francia - Durata: 92'
Cast: Alban Lenoir, Nicolas Duvauchelle, Ramzy Bedia, Stéfi Celma, Rod Paradot, Sébastien Lalanne, Arthur Aspaturian, Patrick Médioni, Alexandre Philip, Stephen Scardicchio
Sceneggiatura: Guillaume Pierret

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Mauro Gervasini

Firma storica di Film Tv, che ha diretto dal 2013 al 2017, è consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia e insegna Forme e linguaggi del cinema di genere all'Università degli studi dell'Insubria. Autore di Cuore e acciaio - Le arti marziali al cinema (2019) e della prima monografia italiana dedicata al polar (Cinema poliziesco francese, 2003), ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare su cinema francese e di genere.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy