Ema di Pablo Larraín - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che Il buono, il brutto e il cattivo è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 21:10.

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno.

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«Il banco di prova di un'intelligenza di prim'ordine è la capacità di tenere due idee opposte in mente nello stesso tempo e, insieme, di conservare la capacità di funzionare (Francis Scott Fitzgerald)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
9425
servizi
3895
cineteca
3240
opinionisti
2222
locandine
1097
serialminds
1028
scanners
514
Recensione pubblicata su FilmTv 35/2020

Ema


Regia di Pablo Larraín

A Valparaiso, Cile, «tra la cordigliera e l’oceano», Ema è una madre, una sorella, una figlia, un’amante, una moglie, una ballerina. «Ed è il sole», dice Larraín. Perché tutto gira intorno a lei e al suo obiettivo: riprendersi Polo, figlio di un’adozione fallita, restituito ai servizi sociali, affidato a una nuova coppia, borghese, eterosessuale, fedele, sì; ma fino a Ema. Per ricostruire una famiglia, la sua, col bimbo piromane, col compagno coreografo, con le compagne di ballo, con tutti quelli che ama ma di cui non è innamorata, Ema deve riscrivere l’idea di famiglia che conosciamo, essere Terence Stamp in Teorema, distruggere per costruire di nuovo. Se brucia un semaforo, nella prima immagine, è perché il traffico qui scorre secondo regole proprie, si muove al muoversi della sua giovane in fiamme, segue i passi di reggaeton, e il film la ammira, la emula, batte al suo battito, balla con lei, parla il suo linguaggio (che è quello del videoclip ben prima che del cinema d’essai). Guarda oltre se stesso, Larraín, oltre storia e marche d’autore, racconta una donna nuova, la mostra a frammenti (per questo non segue il suo iter cronologicamente: non vuole l’empatia, il dramma, non vuole che la si comprenda e la si riduca a nostra abituale misura) e prova a guardarla riscrivere il mondo, mentre lui mette in gioco il suo cinema: individualista e in grado d’amare una moltitudine, determinata e aperta a tutto e chiunque, informa un film che prova a essere contemporaneo, un’ipotesi di futuro con una nuova morale, contro l’autorità dell’arte, del politicamente corretto, dell’ideologia femminista, del film da festival, dello sguardo d’autore.

I 400 colpi

PMB
7
MC
4
AC
8
FDM
7
SE
7
IF
7
MG
8
RM
8
MM
7
FM
8
RMO
8
GAN
6
LP
7
ES
7
GS
8
RS
5
FT
9
media
7.2
Ema (2019)
Titolo originale: Ema
Regia: Pablo Larraín
Genere: Drammatico - Produzione: Cile - Durata: 107'
Cast: Mariana Di Girolamo, Gael García Bernal, Santiago Cabrera, Paola Giannini, Cristián Suárez, Giannina Fruttero, Josefina Fiebelkorn, Mariana Loyola, Catalina Saavedra, Paula Luchsinger
Sceneggiatura: Guillermo Calderón, Pablo Larraín, Alejandro Moreno

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Articoli consigliati


Ema» Cinerama (n° V0/2019)

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy