La piazza della mia città - Bologna e Lo Stato Sociale di Paolo Santamaria - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che La promessa è il film da salvare oggi in TV.
Su Sky Cinema Suspense alle ore 22:30.

La Berlinale conferma: il suo fondatore è stato un consigliere nazista

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«We want our film to be beautiful, not realistic.»

cinerama
9502
servizi
3974
cineteca
3277
opinionisti
2242
locandine
1102
serialminds
1043
scanners
517
Recensione pubblicata su FilmTv 37/2020

La piazza della mia città - Bologna e Lo Stato Sociale


Regia di Paolo Santamaria

Ah, che bellezza le piazze: ci si incontra (e scontra), si scambiano baci e si costruisce la democrazia, in «aperta rivolta all’eccesso di intimità». Figurati poi se l’arena in questione è la piazza Maggiore di Bologna: neanche un libro potrebbe tesserne esaustivamente le lodi. Tra un aperitivo e l’altro ci provano purtuttavia i regaz di Lo stato sociale, che insieme a un’altra manciata di bolognesi più o meno DOC raccontano la piazza dello loro città a partire dal concertone del gruppo in loco, il 12 giugno 2018. Ma non solo di Bologna indie si parla: c’è anche quella rossa degli anni 70, quella del DAMS e di Pazienza, di Freak Antoni e degli Skiantos. Proprio il richiamo a questi ultimi, tuttavia, finisce per rimarcare il divario tra le due scene, anziché metterne in luce la presunta filiazione.

La piazza della mia città - Bologna e Lo Stato Sociale (2020)
Titolo originale: -
Regia: Paolo Santamaria
Genere: Documentario - Produzione: Italia - Durata: 83'

Musiche: Lo stato sociale
Montaggio: Luigi Cuomo

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Articoli consigliati


FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy