Paolo Conte - Via Con Me di Giorgio Verdelli - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che La promessa è il film da salvare oggi in TV.
Su Sky Cinema Suspense alle ore 22:30.

La Berlinale conferma: il suo fondatore è stato un consigliere nazista

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«Il banco di prova di un'intelligenza di prim'ordine è la capacità di tenere due idee opposte in mente nello stesso tempo e, insieme, di conservare la capacità di funzionare (Francis Scott Fitzgerald)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
9502
servizi
3974
cineteca
3277
opinionisti
2242
locandine
1102
serialminds
1043
scanners
517
Recensione pubblicata su FilmTv 38/2020

Paolo Conte - Via Con Me


Regia di Giorgio Verdelli

Avvocato e jazzista, enigmatico enigmista, pittore di paesaggi atmosferico-emozionali su ritmi e melodie che sfidano lo spazio-tempo: Paolo Conte è un rebus, per dirla con il titolo di una vecchia canzone. Sarà la sprezzatura irresistibile e sorniona che ne contraddistingue la figura, o quella garbata discrezione con cui si è sottratto alla storia. Le chic, le charm. La «confusion mental fin du siècle» dice lui (ma poi chiosa: «I francesi, se li riesci un po’ a frustrare con qualche battuta su cui debbano pensare, vanno matti...»). Sarà - Camilleri in due parole redime la questione - «l’eleganza dell’intelligenza». Non stupisce che Verdelli abbia preservato una reverenziale distanza nell’accostare il soggetto, imprendibile per vocazione, del suo lavoro. Da prassi, innesta il ritratto su materiali d’archivio (il Benigni leggendario di Mi piace la moglie di Paolo Conte, Dalla e De Gregori che rifanno non senza un certo azzardo Gelato al limon...), musica (il cut up dei brani tra esecuzioni storiche e il concerto del 2020 all’Olympia di Parigi) e interviste: tante, tantissime, forse troppe, un mare magnum in cui i momenti meno rilevanti diluiscono contributi più ficcanti. Come quello di Jane Birkin - in duetto con Conte per una Chiamami adesso che, quanto a sensualità, ha ben poco da invidiare ai sospiri di un altro celebre pas de deux... - o del cantautore stesso, che rievoca commosso le lacrime della madre all’ascolto di Azzurro. È tutto qui, Paolo Conte? Probabilmente no. Ma è giusto, in fondo, che continui a trincerarsi dietro l’intramontabile fascino dei suoi paltò.

I 400 colpi

MC
6
MG
6
RS
6
media
6.4
Paolo Conte - Via Con Me (2020)
Titolo originale: -
Regia: Giorgio Verdelli
Genere: Documentario - Produzione: Italia - Durata: 100'

Sceneggiatura: Giorgio Verdelli

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy