Mai per sempre di Fabio Massa - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Matteo Marelli dice che Rocco e i suoi fratelli è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 01:10.

È una questione di intesa. Lo sguardo di Jonah Hill su Stevie è simile a quello di Jodie Foster su Fred in Il mio piccolo genio . Entrambi con lo stesso provvisorio smarrimento, la stessa solitudine. Con una differenza: l’attrice, nel suo esordio nella regia, era anche protagonista. Jonah Hill no: si affida anima e corpo al bravissimo protagonista, Sunny Suljic, già sorprendente in Il sacrificio del cervo sacro . E poi ancora strani incroci: Scott Rudin, tra i produttori di Mid90s e anche di Il mio piccolo genio .

Il miglior film hollywoodiano dell’anno l’ha fatto la HBO, naturalmente è una miniserie e non un film, ma della Hollywood perduta (non necessariamente quella classica) riprende l’impostazione e la tradizione di trarre da un bestseller un’opera d’autore colta e insieme popolare, come un tempo erano film quali Ragtime , La scelta di Sophie o Il colore viola .

«Continuare a vivere significa continuare a fare film» dice Máximo Espejo, il regista di Légami! È paralizzato sulla sedia a rotelle, in preda a pulsioni fisiche voraci e inappagabili per la bella protagonista, ma non importa: importa il cinema, che si fa «con il cuore e con i coglioni», e quelli funzionano. Il cinema si deve , anche se non si vede : il cinema si fa anche da ciechi, ed è il caso di Mateo Blanco, che perde la vista e l’amore in un incidente ma torna alla celluloide per ricomporre Gli abbracci spezzati .

Sperimentatore eccentrico con l’umiltà del mestierante o dell’artigiano, Nobuhiko Ôbayashi è divenuto un culto per caso, per la sua instancabile volontà di immaginare, al di fuori da ogni schema. Al nome del regista giapponese in genere viene associato un solo titolo: House (1977). Un caso difficilmente superabile di follia su pellicola, in cui l’immaginazione sale al potere senza che nessun limite - di budget, buon gusto o buon senso - la possa rallentare.

Dopo dieci anni di lavorazione e le prime première europee, i film del progetto DAU vengono resi disponibili al pubblico on demand: addentriamoci in questa opera colossale, analizzando i primi cinque film noleggiabili online.

La citazione

«Povero pensiero... finisce sempre per sfracellarsi contro il muro dei fatti. (Lev Troskij)»

scelta da
Adriano Aiello

cinerama
9540
servizi
4060
cineteca
3315
opinionisti
2266
locandine
1107
serialminds
1065
scanners
519
Recensione pubblicata su FilmTv 39/2020

Mai per sempre


Regia di Fabio Massa

Nell’ossimoro del titolo sta la lettura di Mai per sempre, intreccio di tre storie che mescola commedia sentimentale, mélo e noir: un film di opposti, di umori contrastanti e destini incrociati, che accumula tracce narrative - l’amore tra un meccanico di origini altoborghesi e la compagna ucraina minacciata dall’ex; tra la madre dell’uomo e un losco avvocato; tra un ex carcerato in cerca di redenzione e un’infermiera - per far deflagrare nel finale il mix di generi. La sceneggiatura di Salvi e Olivares gestisce con una certa destrezza la materia, così come a suo modo la regia televisiva del volenteroso Massa, anche interprete principale. Ad appesantire il film sono però i dialoghi didascalici ed esplicativi, dai quali si percepisce l’imprinting di un’idea di scrittura scolastica e mai libera.

Mai per sempre (2019)
Titolo originale: -
Regia: Fabio Massa
Genere: Drammatico - Produzione: Italia - Durata: 90'
Cast: Lucia Batassa, Massimo Bonetti, Tony Campanozzi, Emiliano De Martino, Cristina Donadio, Riccardo Lanzarone, Fabio Massa, Yuliya Mayarchuk, Gianni Parisi, Massimiliano Rossi
Sceneggiatura: Fabio Massa, Demetrio Salvi, Diego Olivares

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Roberto Manassero

Roberto Manassero lavora come selezionatore al Torino Film Festival, è capo-redattore del sito www.cineforum.it e collaboratore delle riviste Film Tv e Doppiozero. Ha scritto un libro su P.T. Anderson, uno su Hitchcock e uno sul melodramma hollywoodiano. Tra i curatori del programma del Circolo dei lettori di Novara, tiene lezioni di cinema in scuole, musei e associazioni cultura.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy