Your Name Engraved Herein di Kuang-Hui Liu - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Francesco Foschini dice che L'amore infedele - Unfaithful è il film da salvare oggi in TV.
Su Rai4 alle ore 01:15.

Avventure da vedere e rivedere, capolavori dell’animazione e lezioni sul rapporto tra uomo e natura: sono i film dello Studio Ghibli, (quasi) tutti disponibili su Netflix.

È una questione di intesa. Lo sguardo di Jonah Hill su Stevie è simile a quello di Jodie Foster su Fred in Il mio piccolo genio . Entrambi con lo stesso provvisorio smarrimento, la stessa solitudine. Con una differenza: l’attrice, nel suo esordio nella regia, era anche protagonista. Jonah Hill no: si affida anima e corpo al bravissimo protagonista, Sunny Suljic, già sorprendente in Il sacrificio del cervo sacro . E poi ancora strani incroci: Scott Rudin, tra i produttori di Mid90s e anche di Il mio piccolo genio .

Il miglior film hollywoodiano dell’anno l’ha fatto la HBO, naturalmente è una miniserie e non un film, ma della Hollywood perduta (non necessariamente quella classica) riprende l’impostazione e la tradizione di trarre da un bestseller un’opera d’autore colta e insieme popolare, come un tempo erano film quali Ragtime , La scelta di Sophie o Il colore viola .

«Continuare a vivere significa continuare a fare film» dice Máximo Espejo, il regista di Légami! È paralizzato sulla sedia a rotelle, in preda a pulsioni fisiche voraci e inappagabili per la bella protagonista, ma non importa: importa il cinema, che si fa «con il cuore e con i coglioni», e quelli funzionano. Il cinema si deve , anche se non si vede : il cinema si fa anche da ciechi, ed è il caso di Mateo Blanco, che perde la vista e l’amore in un incidente ma torna alla celluloide per ricomporre Gli abbracci spezzati .

Sperimentatore eccentrico con l’umiltà del mestierante o dell’artigiano, Nobuhiko Ôbayashi è divenuto un culto per caso, per la sua instancabile volontà di immaginare, al di fuori da ogni schema. Al nome del regista giapponese in genere viene associato un solo titolo: House (1977). Un caso difficilmente superabile di follia su pellicola, in cui l’immaginazione sale al potere senza che nessun limite - di budget, buon gusto o buon senso - la possa rallentare.

La citazione

«Smettete di pensare che la scienza possa aggiustare tutto se le date 3 miliardi di dollari. (Kurt Vonnegut)»

scelta da
Simone Arcagni

cinerama
9743
servizi
4401
cineteca
3447
opinionisti
2343
serialminds
1140
locandine
1125
scanners
526
Recensione pubblicata su FilmTv 05/2021

Your Name Engraved Herein


Regia di Kuang-Hui Liu

Jia-han e Birdy sono due compagni di classe che scoprono di provare una reciproca attrazione. Jia-han è più deciso a vivere scopertamente la situazione, nonostante la società non sia ancora disposta ad accettarla (siamo a Taiwan, nel 1987, all’indomani dell’abrogazione della legge marziale); Birdy è più incerto e inizia a uscire con una ragazza, incrinando il rapporto tra i due, che andranno incontro alla maturità in modo separato: Birdy sposerà la ragazza del liceo e Jia-han resterà solo. Anni dopo, i due casualmente si incontrano in Canada. Liu Kuang-Hui dirige un malinconico e straziante melodramma sui sentimenti repressi (dalla società, ma anche da se stessi) e lo fa all’indomani (maggio 2019) di una legge che a Taiwan, primo paese asiatico, equipara il matrimonio gay a quello etero. Energico ma pudico, in una prima parte dove esplodono le pulsioni sessuali dei ragazzi e anche le conflittualità che per questo emergono, il film diventa, nel finale ambientato ai giorni nostri, il canto crepuscolare di due persone che hanno sacrificato la loro esistenza con scelte penalizzanti e che anche nell’età matura sembrano incapaci (soprattutto Birdy, ancora restio ad ammettere la propria sessualità) di liberare i sentimenti. In quella camminata conclusiva che porta all’alba, dove ritorna il passato adolescenziale, i corpi restano definitivamente distanti, soffocati non soltanto da una società repressiva. Non senza qualche eccesso retorico ed enfatico, specie sul rapporto con la fede (la figura controversa di padre Oliver), un’opera a tratti ingenua, ma capace di emozionare in modo semplice e sincero.

Your Name Engraved Herein (2020)
Titolo originale: Ke zài ni xindi de míngzì
Regia: Kuang-Hui Liu
Genere: Drammatico/Sentimentale - Produzione: Taiwan - Durata: 118'
Cast: Edward Chen, Tseng Jing-Hua, Fabio Grangeon, Mimi Shao, Jean-François Blanchard, Akira Chen, David Hao-Chi Chiu, Leon Dai, Honduras, Mountain Kao, Lenny Li, Hui-Min Lin
Sceneggiatura: Yu Ning Chu

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy