Crip Camp - Disabilità rivoluzionarie di James Lebrecht, Nicole Newnham - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png

La citazione

«Quando la leggenda diventa realtà, si stampi la leggenda (John Ford)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
10226
servizi
4870
cineteca
3643
opinionisti
2446
serialminds
1247
locandine
1153
scanners
531
Recensione pubblicata su FilmTv 13/2021

Crip Camp - Disabilità rivoluzionarie


Regia di James Lebrecht, Nicole Newnham

Può un campo estivo cambiare il mondo? Ci è riuscito Camp Jened, immerso nella natura dei monti Catskill, luogo di villeggiatura per eccellenza a tre ore da New York, dove i borghesissimi villaggi vacanza a fine anni 60 si trovano sempre più spesso assediati da eventi come Woodstock. Camp Jened, fondato nel 1951 per accogliere ragazzi disabili, vent’anni dopo - quando inizia il doc di Lebrecht e Newnham - assomiglia in tutto e per tutto a una comune hippy: quasi tutti i giovani ospiti, con le disabilità più diverse, fanno qui per la prima volta esperienza d’uguaglianza, libertà e autogestione. Dallo sport («a scuola nessuno ti voleva mai in squadra, a Camp Jened facevi meglio a imbracciare la mazza da baseball e a dare il massimo») ai rapporti sessuali, dalle sedute d’autocoscienza collettiva alle feste sfrenate, il campo cambia per sempre, per i suoi ospiti, l’idea che s’erano fatti di un mondo non a loro misura; tornati a casa, alla nostalgia si sostituisce presto l’attivismo, la necessità di far sì che anche il mondo esterno assomigli sempre di più a quello di Camp Jened. Co-diretto da un ex ospite del campo (il tecnico del suono James Lebrecht), Crip Camp (candidato agli Oscar 2021 come miglior doc) trova la propria forza soprattutto nella rievocazione (anche musicale) di un’epoca in cui tutto sembrava possibile, grazie all’enorme quantità di repertorio sia di quelle estati elettriche sia delle successive manifestazioni per i diritti civili, una lunghissima battaglia coordinata dall’infaticabile Judy Heumann (poi consigliera di Barack Obama, che insieme a Michelle è co-produttore del film) che partendo dai monti Catskill, in effetti, il mondo, per sé e per tutti, l’ha cambiato.

Crip Camp - Disabilità rivoluzionarie (2020)
Titolo originale: Crip Camp
Regia: James Lebrecht, Nicole Newnham
Genere: Documentario - Produzione: Usa - Durata: 106'

Sceneggiatura: James Lebrecht, Nicole Newnham
Musiche: Bear McCreary
Fotografia: Justin Schein

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Alice Cucchetti

Nasce a Busto Arsizio, studia a Bologna, vive a Milano. I suoi genitori le hanno sempre detto di non guardare i telefilm, inevitabilmente indirizzandola verso un consumo appassionato e compulsivo di serialità televisiva. Tra gli autori storici di Serialmente.com e co-fondatrice di Mediacritica.it, ha curato la rubrica Cinetv di "Nocturno" e ha collaborato, tra gli altri, con Best Movie, Best Serial, Abbiamoleprove, Grazia.it, Osservatorio Tv. Ama le canzoni con i finali tristi, gli androidi paranoici, i paradossi temporali, i gatti e il cioccolato. Oltre che sulle pagine di Film Tv, dove cura le rubriche Serial Minds e Telepass, chiacchiera ai microfoni di "Pilota - Un podcast sui telefilm", il programma sulle serie tv di Querty.it.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy