Nina wu di Midi Z - la recensione di FilmTv

La citazione

«Guardatevi da tutte le imprese che richiedono vestiti nuovi (H.D. Thoreau)»

scelta da
Carolina Crespi

cinerama
10324
servizi
4956
cineteca
3675
opinionisti
2463
serialminds
1272
locandine
1158
scanners
534
Recensione pubblicata su FilmTv 30/2021

Nina wu


Regia di Midi Z

Un’attrice costretta in un ruolo mortificante per divenire famosa, che nasconde il dolore di una ragazza di provincia che per colpa del proprio sogno ha dovuto sottostare a troppi compromessi. Al suo ottavo lungo Midi Z sceglie di abbandonare i consueti lidi - crudi spaccati sul mondo del lavoro e dei migranti - per immergersi nei panni glamour e sordidi insieme di un thriller psico-meta-cinematografico sulla crudeltà dell’industria del cinema. Più che un abbandono, un trasferimento dei medesimi temi sotto altra forma. Al centro resta lo sfruttamento di una lavoratrice, sottoposta a traumi così profondi da portare a una crisi identitaria. Il “coadiuvante” di The Road to Mandalay, l’anfetamina, è qui rimpiazzato dalla polvere di stelle offerta dal divismo, così irresistibile da giustificare l’esistenza di un’industria (cinematografica) fondata sull’abuso. Tuttavia nel cambio di abiti il cinema di Midi Z smarrisce qualcosa. Più che i richiami, inevitabili ma comunque eclatanti, a Mulholland Drive o a De Palma, a nuocere è l’incapacità di condurre l’ambiguità etica in territori borderline. A un tratto Nina Wu sembra quasi suggerirci, disturbandoci, che l’umiliazione sessuale possa divenire parte del processo, rendendo di fatto la performance della protagonista più vissuta e credibile di quanto non fosse al primo provino. Un terreno sdrucciolevole, che Midi Z sfiora appena, prima di ritirarsi in un alveo più confortevole, additando con richiami espliciti nomi abbondantemente messi all’indice - Luc Besson, Harvey Weinstein. Ma così resta troppo poco per evitare di finire nel calderone del “visto prima, visto meglio”, purtroppo.

Nina wu (2019)
Titolo originale: Nina wu
Regia: Midi Z
Genere: Drammatico - Produzione: Taiwan - Durata: 102'
Cast: Ke-Xi Wu, Vivian Sung, Kimi Hsia, Ming-Shuai Shih, Li-Ang Chang, Shang-Ho Huang
Sceneggiatura: Ke-Xi Wu, Midi Z

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Emanuele Sacchi

Nato nella città delle due discoteche e 106 farmacie, presto smarrito nei meandri del rock e del cinematografo. È ingegnere informatico, benché si finga pensatore umanista. Giornalista pubblicista, critico cinematografico e musicale, collabora con FilmTv, MYmovies.itRumore, Filmidee, Asiaexpress ed è direttore della testata web Hong Kong Express (www.hkx.it). È autore di 50x35mm - Soundtrack Rumorose (Homework, 2016), con Stefano Locati di Il nuovo cinema di Hong Kong - Voci e sguardi oltre l'handover (Bietti, 2014) e con Francesca Monti di Richard Linklater - La deriva del sogno americano (Bietti, 2017). Film: Apocalypse Now (ma non Redux). Album: Forever Changes dei Love (anche per il titolo).

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy