L'ultimo mercenario di David Charhon - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png

La citazione

«Quando chiesero a Marx cos’è la dittatura del proletariato rispose: ”la Comune di Parigi, perché ha abolito l’esercito e la polizia”. Poi vennero i Soviet e Solidarnosc. Questo è il movimento. Non nacquero per caso. (C.L.R. James)»

cinerama
10226
servizi
4870
cineteca
3643
opinionisti
2446
serialminds
1247
locandine
1153
scanners
531
Recensione pubblicata su FilmTv 32/2021

L'ultimo mercenario


Regia di David Charhon

L’ultimo mercenario si piazza nella top 3 dei film più visti su Netflix. Lo annuncia con la giusta enfasi sul suo profilo Twitter il protagonista Jean-Claude Van Damme, con The Bouncer - L’infiltrato di Julien Leclercq (2018) già tornato alla lingua madre, nel frattempo arrugginita (i francesi lo prendono in giro per il suo franglais). L’aitante attore-karateka belga ha 60 anni, inutile fare finta di nulla, deve essersi detto, e se ogni volta che può fa vedere di sapere ancora fare la baldanzosa e inutile spaccata, in qualche scena d’azione di spalle lascia vistosamente spazio alla controfigura (così si spiegano i numerosi camuffamenti con tanto di parrucche). Nonostante l’ironia con la quale affronta il personaggio “se stesso”, il buon JCVD è invischiato in una storia scritta malissimo dallo stesso regista David Charhon con Ismaël Sy Savané. L’attore interpreta Richard Brumère detto “La Brume”, perché sa rendersi invisibile come la foschia, ex super agente segreto francese poi diventato mercenario e infine ritiratosi dagli affari. Solo che circostanze varie finiscono per minacciare suo figlio segreto Archibald e gli tocca tornare in azione, con i danni collaterali del caso. Il tutto in chiave comica. Ebbene sì, questo il registro scelto, sguaiato e fintamente “ggiovane” come certe commedie moleste francesi sanno purtroppo essere, sperando in un pubblico generazionale di bocca buona. Fior di caratteristi (da Patrick Timsit a Eric Judor) trasfigurati dall’idiozia, senza contare le comparsate quasi sacrileghe di Miou-Miou e Valérie Kaprisky. E non pensate che manchi l’ambizione: da Joss il professionista a Blake Edwards (!) si cita di tutto. Malamente.

L'ultimo mercenario (2021)
Titolo originale: Le dernier mercenaire
Regia: David Charhon
Genere: Azione/Commedia - Produzione: Francia - Durata: 110'
Cast: Jean-Claude Van Damme, Alban Ivanov, Samir Decazza, Assa Sylla, Eric Judor, Patrick Timsit, Miou-Miou, Djimo, Nassim Lyes, Valérie Kaprisky, Philippe Morier-Genoud, Michel Crémadès, Ismaël Sy Savané, Yury Sapronov, Aleksey Gorbunov, Fatsah Bouyahmed, Oui
Sceneggiatura: David Charhon, Ismaël Sy Savané

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Mauro Gervasini

Firma storica di Film Tv, che ha diretto dal 2013 al 2017, è consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia e insegna Forme e linguaggi del cinema di genere all'Università degli studi dell'Insubria. Autore di Cuore e acciaio - Le arti marziali al cinema (2019) e della prima monografia italiana dedicata al polar (Cinema poliziesco francese, 2003), ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare su cinema francese e di genere.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy