Il mostro della cripta di Daniele Misischia - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png

La citazione

«Smettete di pensare che la scienza possa aggiustare tutto se le date 3 miliardi di dollari. (Kurt Vonnegut)»

scelta da
Simone Arcagni

cinerama
10246
servizi
4885
cineteca
3650
opinionisti
2449
serialminds
1251
locandine
1154
scanners
532
Recensione pubblicata su FilmTv 33/2021

Il mostro della cripta


Regia di Daniele Misischia

C’è una volontà, spudorata e ambiziosa, di ricreare le atmosfere del cinema che la generazione nata a cavallo del Sessantotto ha visto in sala, ma anche nelle prime tv private con la qualità del VHS, portandola nel 1988 della provincia italiana più anomala, Bobbio, crocevia di quattro regioni e città natale di Marco Bellocchio, con il figlio Pier Giorgio qui produttore esecutivo, e sfondo del suo primo “horror” I pugni in tasca. Il tentativo filologico (quasi sempre in tutto e per tutto analogico, con Sergio Stivaletti a creare mostri e amputazioni con fiotti di sangue finto) del nuovo film di Misischia via Manetti Bros. (che custodivano in un cassetto la sceneggiatura barocca, ma che non si prende mai sul serio) funziona. Reduce dal claustrofobico e convincente esordio di The End? L’inferno fuori, il regista ha a disposizione fiumi e colline e praterie, campi lunghi e tanti droni, per ricreare l’atmosfera molle della provincia italiana che rimanda a quella americana, I Goonies in primis, con un gruppo di ragazzi a caccia di mostri locali. Il gioco è molto cinefilo e tutto virato sulla commedia horror, sul grottesco delle citazioni, finendo a volte per arrotolarsi su se stesso o apparendo un po’ fuori fuoco, come il piccolo attacco velenoso e vendicativo al cinema di Nanni Moretti, per rimarcare la lontananza da quello del protagonista, che gira horror amatoriali. C’è in effetti qualcosa di troppo programmatico in questa storia a cui molto si perdona, perché gioca in maniera autentica sull’ingenuità dei caratteri, delle situazioni e, con l’introduzione a metà film del personaggio del fumettista interpretato da Lillo, cerca anche una via demenziale inedita nel nostro cinema.

I 400 colpi

PA
7
RMO
7
GS
4
media
6.0
Il mostro della cripta (2021)
Titolo originale: -
Regia: Daniele Misischia
Genere: Commedia/Horror - Produzione: Italia - Durata: 116'
Cast: Tobia De Angelis, Lillo Petrolo, Amanda Campana, Nicola Branchini, Chiara Caselli, Arianna Bonardi
Sceneggiatura: Manetti Bros., P. Logli, A. Pondi, D. Misischia, C. Ciccotti

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Articoli consigliati



Pedro Armocida

Nasco a Madrid nel 1971 quando ancora la Spagna non faceva parte della CE e qualche compagno litigioso alle elementari a Roma mi diceva: “Tornatene nel tuo paese”. Cosa che ho fatto spesso e con gioia. Ufficiale dell’Esercito mancato. Avvocato mancato, mi laureo in Lettere alla Sapienza con tesi sul cinema della Escuela de Barcelona, relatore Giovanni Spagnoletti, che nel Duemila mi chiama a organizzare www.pesarofilmfest.it, di cui dal 2015 sono il direttore artistico. Attualmente scrivo anche per Il Giornale, Ciak, 8½, dirigo le Edizioni dell’Altana e ho curato qualche libro tra cui Esordi italiani. Gli anni Dieci al cinema (2010-2015) (Marsilio) e, insieme ad altri, Romanzo popolare (Marsilio);  Cinema in Spagna oggi (Lindau), Oltre la frontiera. Il cinema messicano contemporaneo (Revolver), Il cinema argentino contemporaneo e l’opera di Leonardo Favio (Marsilio). Sogno un cimitero di campagna e io là. All'ombra di un ciliegio in fiore senza età. Per riposare un poco due o trecento anni. Giusto per capir di più e placar gli affanni.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy