L'amore non si sa di Marcello Di Noto - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png

La citazione

«sarà mica la maniera di lavorare… non si lavora così dai… ogni lavoro anche il più banale necessita di un minimo di regia»

scelta da
Andrea Bellavita

cinerama
10246
servizi
4885
cineteca
3650
opinionisti
2449
serialminds
1251
locandine
1154
scanners
532
Recensione pubblicata su FilmTv 33/2021

L'amore non si sa


Regia di Marcello Di Noto

I tentativi di giocare con i generi nel cinema italiano sono sempre benvenuti. Perché, male che vada, almeno provano ad allargare le maglie strette di narrazioni previste e prevedibili. L’opera prima di Di Noto in questo senso pare debordare rocambolescamente rispetto a qualsiasi genere, trovando nel pastiche tra thriller, mafia movie, pulp e sentimentale la sua originalità, ma anche il suo paradossale limite. Perché non può essere l’accumulazione di elementi eterogenei a dare forza a una narrazione piena di derive, anche se non derivativa. A sostenere l’intero progetto, però, c’è una bella compagine attoriale, da sottolineare per gli universi che riesce a immaginare, con la disillusione del protagonista interpretato da Antonio Folletto e con gli altri mondi, sempre possibili, di Silvia D’Amico.

L'amore non si sa (2021)
Titolo originale: -
Regia: Marcello Di Noto
Genere: Drammatico - Produzione: Italia - Durata: 92'
Cast: Antonio Folletto, Silvia D'Amico, Diane Fleri, Giovanni D'Addario, Simone Borrelli, Vincenzo De Michele, Azzurra Martino
Sceneggiatura: Marcello Di Noto, Pierpaolo Zerilli

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Pedro Armocida

Nasco a Madrid nel 1971 quando ancora la Spagna non faceva parte della CE e qualche compagno litigioso alle elementari a Roma mi diceva: “Tornatene nel tuo paese”. Cosa che ho fatto spesso e con gioia. Ufficiale dell’Esercito mancato. Avvocato mancato, mi laureo in Lettere alla Sapienza con tesi sul cinema della Escuela de Barcelona, relatore Giovanni Spagnoletti, che nel Duemila mi chiama a organizzare www.pesarofilmfest.it, di cui dal 2015 sono il direttore artistico. Attualmente scrivo anche per Il Giornale, Ciak, 8½, dirigo le Edizioni dell’Altana e ho curato qualche libro tra cui Esordi italiani. Gli anni Dieci al cinema (2010-2015) (Marsilio) e, insieme ad altri, Romanzo popolare (Marsilio);  Cinema in Spagna oggi (Lindau), Oltre la frontiera. Il cinema messicano contemporaneo (Revolver), Il cinema argentino contemporaneo e l’opera di Leonardo Favio (Marsilio). Sogno un cimitero di campagna e io là. All'ombra di un ciliegio in fiore senza età. Per riposare un poco due o trecento anni. Giusto per capir di più e placar gli affanni.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy