Una relazione di Stefano Sardo - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png

La citazione

«Quando la leggenda diventa realtà, si stampi la leggenda (John Ford)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
10246
servizi
4885
cineteca
3650
opinionisti
2449
serialminds
1251
locandine
1154
scanners
532
Recensione pubblicata su FilmTv 37/2021

Una relazione


Regia di Stefano Sardo

Non capitava da tempo che l’autore di un film italiano si mettesse così a nudo nel raccontare, con toni apparentemente da commedia sentimentale scanzonata, l’abisso tranquillo di una sua relazione amorosa e quello di un’intera generazione. L’operazione di Stefano Sardo, che esordisce alla regia trovando un suo stile (peccato per il tappeto musicale onnipresente), costruita insieme a Valentina Gaia che firma con lui lo script ma anche l’omonimo libro edito da HarperCollins, attraverso il dato autobiografico, fortissimo, allarga immediatamente il campo all’analisi spietata di una generazione di quaranta-cinquantenni che si muove sulla scena della vita come se avesse la metà degli anni. Non ci sono grandi problemi economici alle spalle dei due protagonisti: Tommaso (Caprino), che per la prima volta dà prova delle sue capacità attoriali anche nel canto e in un ruolo che sconfessa i suoi caratteri da maschio alfa, è un musicista, mentre Alice, la poco valorizzata al cinema Elena Radonicich, fa l’attrice. Ma tra loro e anche tra gli amici non ci sono slanci d’amore, d’amicizia né, in definitiva, di vita. Si va avanti un po’ per inerzia. Tanto che i due, dopo più di dieci anni di convivenza, decidono di separarsi ma per gradi, senza strappi, continuando a vivere insieme, almeno fino alla vendita della casa scandita da cartelli che annunciano i 45 giorni che mancano all’evento. Una scelta che mette a dura prova non solo loro stessi ma che interroga persino gli amici di una vita, tra cui c’è anche il personaggio disincantato e ironico interpretato da Libero De Rienzo in una delle sue ultime apparizioni al cinema.

Una relazione (2021)
Titolo originale: -
Regia: Stefano Sardo
Genere: Commedia - Produzione: Italia/Francia - Durata: 105'
Cast: Guido Caprino, Elena Radonicich, Thony, Isabella Aldovini, Tommaso Ragno, Alessandro Giallocosta, Libero De Rienzo, Francesca Chillemi, Enrica Bonaccorti, Daniela Piperno, Stefania De Santis, Diego Tricarico
Sceneggiatura: Stefano Sardo, Valentina Gaia

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Pedro Armocida

Nasco a Madrid nel 1971 quando ancora la Spagna non faceva parte della CE e qualche compagno litigioso alle elementari a Roma mi diceva: “Tornatene nel tuo paese”. Cosa che ho fatto spesso e con gioia. Ufficiale dell’Esercito mancato. Avvocato mancato, mi laureo in Lettere alla Sapienza con tesi sul cinema della Escuela de Barcelona, relatore Giovanni Spagnoletti, che nel Duemila mi chiama a organizzare www.pesarofilmfest.it, di cui dal 2015 sono il direttore artistico. Attualmente scrivo anche per Il Giornale, Ciak, 8½, dirigo le Edizioni dell’Altana e ho curato qualche libro tra cui Esordi italiani. Gli anni Dieci al cinema (2010-2015) (Marsilio) e, insieme ad altri, Romanzo popolare (Marsilio);  Cinema in Spagna oggi (Lindau), Oltre la frontiera. Il cinema messicano contemporaneo (Revolver), Il cinema argentino contemporaneo e l’opera di Leonardo Favio (Marsilio). Sogno un cimitero di campagna e io là. All'ombra di un ciliegio in fiore senza età. Per riposare un poco due o trecento anni. Giusto per capir di più e placar gli affanni.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy