Il giudizio di Mario Sanzullo, Gianlunca Mattei - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png

La citazione

«Alice Harford: I do love you and you know there is something very important we need to do as soon as possible. - Dr. Bill Harford: What's that? - Alice Harford: Fuck.»

scelta da
Fabrizio Tassi

cinerama
10226
servizi
4870
cineteca
3643
opinionisti
2446
serialminds
1247
locandine
1153
scanners
531
Recensione pubblicata su FilmTv 39/2021

Il giudizio


Regia di Mario Sanzullo, Gianlunca Mattei

Fin dal titolo quasi kafkiano, l’esordio di Mattei e Sanzullo per Medusa non nasconde le sue ambizioni tutt’altro che modeste. Dietro il conflitto generazionale tra un padre (Fabrizio Nevola) e un figlio (Tobia De Angelis, fratello di Matilda) ai ferri corti, c’è anche una storia di famiglia complicata, sulla quale allunga la sua ombra ambigua un nonno un po’ lestofante (Fortunato Cerlino, ormai onnipresente dopo Gomorra), che l’uno vede in tutte le sue mancanze affettive e umane e l’altro invece tende a idolatrare, forse sognando di ripeterne le gesta. Da qui un simbolico viaggio on the road dei due per andare a visitarlo in carcere dov’è finito, nonostante le diffidenze della moglie e madre (Caterina Murino), mentre il passato bussa alla porta, tramite flashback e sconfinamenti nel presente, manco fossimo in un film di Resnais. C’è, insomma, sentore di metafisica spicciola, e difatti lo stabilimento balneare tappa centrale del periplo si chiama “Soul Beach” (!). Mattei e Sanzullo mettono in campo, con una buona perizia tecnica, va detto, un racconto destrutturato e a zig zag nel tempo, volutamente confusivo e ambiguo, pieno di digressioni e parentesi, fin troppo ostaggio di una voglia di astrazione un po’ universale nei personaggi (e nei dialoghi, spesso criptici). Però, così facendo Il giudizio resta una parabola involuta, nel finale sugellata dal ghigno sulfureo di Cerlino. Che maramaldeggia alla grande, tra prime e seconde mogli (la prima è Sandra Ceccarelli, rediviva), soci che gli vogliono fare la buccia e intrighi pure con il Vaticano, senza che si capisca mai molto. Peccato: il giudizio su Il giudizio non riesce a essere positivo.

Il giudizio (2021)
Titolo originale: -
Regia: Mario Sanzullo, Gianlunca Mattei
Genere: Drammatico - Produzione: Italia - Durata: 103'
Cast: Fabrizio Nevola, Tobia De Angelis, Fortunato Cerlino, Caterina Murino, Sandra Ceccarelli

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Rocco Moccagatta

Studiava giurisprudenza, ma andava più spesso al cinema di quanto avrebbe dovuto. D'altronde il padre l'ha portato per anni al cinema ogni sabato. Di cosa potrebbe dunque lamentarsi? Dopo l'università, fa la cosa giusta e comincia a occuparsi davvero di film, persino professionalmente. Oggi lo insegna pure, il cinema, in IULM e in altre università del regno, soprattutto il cinema classico e il cinema dei generi popolari, la sua passione da sempre. Per campare guarda anche molta televisione, visto che lavora come scenarista e analista dei media presso la factory di media research Neopsis (non si pronuncia Neopsais, eh...). Ha scritto e scrive da tante parti, da Duel/Duellanti a Marla, da Ottoemezzo a L'officiel Homme. Nel tempo, ha scoperto che gli piace molto il cinema italiano di ieri e di oggi e che si può non vergognarsene. Il riconoscimento più prezioso è stato essere ribattezzato "Giancarlo Cianfrusaglie" da Maccio Capatonda.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy