Suole di vento - Storie di Goffredo Fofi di Felice Pesoli - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png

La citazione

«Tutti i luoghi che ho visto, che ho visitato ora so ne sono certo: non ci sono mai stato. (Giorgio Caproni - Esperienza)»

scelta da
Pedro Armocida

cinerama
10226
servizi
4869
cineteca
3643
opinionisti
2446
serialminds
1247
locandine
1153
scanners
531
Recensione pubblicata su FilmTv 41/2021

Suole di vento - Storie di Goffredo Fofi


Regia di Felice Pesoli

Resistere. Studiare. Fare rete. Rompere i coglioni. Così risponde oggi Fofi alla domanda «Che fare?». Aperto da una dichiarazione d’amore per le riviste (perché nascono dal lavoro di gruppo, unica difesa contro il narcisismo), Suole di vento ci racconta un signore che ha attraversato la storia d’Italia in perpetuo movimento, amando i bambini, i giovani, le donne, i poeti, il cinema, spostandosi sempre alla ricerca di un senso della cultura e della vita: «Paradise Now», dice Fofi citando Julian Beck, mettilo in pratica adesso, vivi ora. Gran bel film, lucido, fatto di materiali storici e sociali e della affabulazione del protagonista, seduto in poltrona con il suo sorriso da gatto, o in cammino per Roma, con quel bastone, vezzo e spada da duello più che punto di appoggio.

Suole di vento - Storie di Goffredo Fofi (2020)
Titolo originale: -
Regia: Felice Pesoli
Genere: Documentario - Produzione: Italia - Durata: 80'

Sceneggiatura: Felice Pesoli
Musiche: Cristian Labelli, Massimo Mariani, Tiziano Tononi

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Emanuela Martini

Capelli rossi, lettrice forte, brutto carattere (dicono). La prima volta mi hanno portata al cinema che avevo tre anni. Ci stavo dalle 2 alle 8, orario continuato. Praticamente, non ne sono più uscita: adesso ci sto anche dalle 8 alle 20, e a volte pesa. Ma la passione resta e non mi annoio (quasi mai). Onnivora: mi piace tutto (quando mi piace). Autori di culto: Michael Powell e Robert Altman. Serie: Twin Peaks e I Soprano forever. Rimpiango il cinema americano anni ’70 e il metabolismo dei trent’anni. Vivo in un disordine "escheriano", tra libri, oggetti, dvd, foto, abiti e scarpe, con Lucrezia, gatta petulante di 19 anni. Credo allo Stregatto (quello di Alice): qui in giro aleggia il sorriso di Blimp, Sibella e Oreste.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy