I'm Your Man di Maria Schrader - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png

La citazione

«Quando la leggenda diventa realtà, si stampi la leggenda (John Ford)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
10226
servizi
4869
cineteca
3643
opinionisti
2446
serialminds
1247
locandine
1153
scanners
531
Recensione pubblicata su FilmTv 41/2021

I'm Your Man


Regia di Maria Schrader

Sono belli, naturalmente eleganti, colti: un’archeologa tedesca che lavora al Pergamonmuseum di Berlino a una ricerca sulla poesia persiana e un collega inglese, che parla tedesco con un lieve accento british. S’incontrano in un locale per coppie dove si balla, si beve e si chiacchiera e finiscono la serata a casa di lei, dove lui dorme nella stanza degli ospiti (visibilmente, il ripostiglio delle scope). Lì vivrà Tom per tre settimane, quelle destinate all’esperimento al quale Alma ha accettato di collaborare: giudicare l’efficacia di un robot costruito esattamente come l’uomo dei suoi sogni. Tratto da un racconto del 2019 di Emma Braslavsky e diretto da Maria Schrader (attrice e regista, tra gli altri, della serie tv Unorthodox), I’m Your Man racconta la difficile costruzione di un rapporto di coppia tra estranei. Peggio che estranei: appartenenti a “specie” diverse, umana e artificiale. Sospeso tra algida commedia romantica e malinconica fantascienza, in realtà non aggiunge niente alla letteratura e al cinema che hanno scavato nel rapporto uomo-macchina e nella psicologia dei nostri alter ego non tanto futuribili. Ricorda, certo, Macchine come me, ma non arriva alle profondità del romanzo del 2019 di McEwan. Suggerisce invece parecchio sui rapporti contemporanei tra individui isolati in città bellissime e impenetrabili, incapaci di ricostruirsi e lasciarsi andare, insicuri, più che degli altri, di se stessi. Sicuri solo all’interno dei propri rifugi, un museo con il suo ordine, un appartamento con il suo disordine. Scritto con cura, interpretato e fotografato molto bene, I’m Your Man soffre un po’ nella seconda parte, un po’ troppo semplicistica. 

I 400 colpi

PA
6
IF
6
RM
5
EM
6
FM
4
RMO
6
GS
6
media
5.6
I'm Your Man (2021)
Titolo originale: Ich bin dein Mensch
Regia: Maria Schrader
Genere: Drammatico/Sci-fi - Produzione: Germania - Durata: 105'
Cast: Maren Eggert, Dan Stevens, Sandra Hüller, Hans Löw, Wolfgang Hübsch, Annika Meier, Falilou Seck, Jürgen Tarrach, Henriette Richter-Röhl, Monika Oschek
Sceneggiatura: Jan Schomburg, Maria Schrader

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Emanuela Martini

Capelli rossi, lettrice forte, brutto carattere (dicono). La prima volta mi hanno portata al cinema che avevo tre anni. Ci stavo dalle 2 alle 8, orario continuato. Praticamente, non ne sono più uscita: adesso ci sto anche dalle 8 alle 20, e a volte pesa. Ma la passione resta e non mi annoio (quasi mai). Onnivora: mi piace tutto (quando mi piace). Autori di culto: Michael Powell e Robert Altman. Serie: Twin Peaks e I Soprano forever. Rimpiango il cinema americano anni ’70 e il metabolismo dei trent’anni. Vivo in un disordine "escheriano", tra libri, oggetti, dvd, foto, abiti e scarpe, con Lucrezia, gatta petulante di 19 anni. Credo allo Stregatto (quello di Alice): qui in giro aleggia il sorriso di Blimp, Sibella e Oreste.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy