Quattro buone giornate di Rodrigo Garcia - la recensione di FilmTv

La citazione

«Smettete di pensare che la scienza possa aggiustare tutto se le date 3 miliardi di dollari. (Kurt Vonnegut)»

scelta da
Simone Arcagni

cinerama
10324
servizi
4956
cineteca
3675
opinionisti
2463
serialminds
1272
locandine
1158
scanners
534
Recensione pubblicata su FilmTv 41/2021

Quattro buone giornate


Regia di Rodrigo Garcia

Ci sono tanti modi di tornare a casa. A volte il ritorno si può trasformare nell’illusione di una festa, come quello di Anne Hathaway in occasione del matrimonio della sorella nello strepitoso Rachel sta per sposarsi. In altre occasioni ci si fa trascinare solo dalle protagoniste, come nel caso di Glenn Close e Mila Kunis in Quattro buone giornate, tratto da un articolo di Eli Saslow (anche sceneggiatore assieme al regista) pubblicato sul “Washington Post”. Molly, tossicodipendente da circa dieci anni, ritorna dalla madre Deb per l’ennesima volta. La donna accetta di riaccoglierla soltanto se prenderà un nuovo farmaco che la può liberare dalla dipendenza, ma deve mantenersi pulita per quattro giorni. Segreti e bugie di un cinema al femminile che ha spesso caratterizzato la filmografia di Rodrigo García, sin da Le cose che so di lei, la sua prima collaborazione con Glenn Close, che in Quattro buone giornate si sottopone a un’altra pesante (e involontaria) caricatura dopo Albert Nobbs ed Elegia americana. I conflitti sono già annunciati, le motivazioni spiegate. García non tiene nulla sottotraccia, spreca l’incontro della protagonista con i figli e trasforma Mila Kunis, col volto gonfio e i denti rotti, in una di quelle prove fatte apposta per l’Academy, sottoponendola a un tour de force fisico che però spegne la sua espressività, come Charlize Theron in Monster. Un cinema ancora di madri e figlie (come già in 9 vite da donna, Mother and Child), di sofferenze esibite, che segue lo stesso sicuro schema drammaturgico, alla ricerca di emozioni a basso costo con un’esasperazione autoriale alla Iñárritu, ma è solo un James Mangold venuto male.

Quattro buone giornate (2020)
Titolo originale: Four Good Days
Regia: Rodrigo Garcia
Genere: Drammatico - Produzione: Usa/Canada - Durata: 100'
Cast: Mila Kunis, Glenn Close, Stephen Root, Joshua Leonard, Sam Hennings, Michael Hyatt, Carla Gallo, Nicholas Oteri, Audrey Lynn, Carlos Lacamara, Rebecca Field, Nina Millin, Brian Shortall, Rebecca Tilney, Gloria Garayua, Chad Lindberg, Gabriela Flores, Man
Sceneggiatura: Rodrigo Garcia, Eli Saslow

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Simone Emiliani

Direttore artistico di Valdarno Cinema Fedic, collabora con Sentieri Selvaggi, Film Tv, Cineforum e Filmcritica. Tra le varie pubblicazioni, i volumi Walter Hill (scritto con Mauro Gervasini, ed. Falsopiano), Dustin Hoffman (ed. Gremese) e Fughe da Hollywood, scritto con Carlo Altinier (ed. Le Mani).

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy