Non cadrà più la neve di Malgorzata Szumowska, Michal Englert - la recensione di FilmTv

La citazione

«Non solo Dio non esiste, ma provate a trovare un idraulico durante il week end! (Woody Allen)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
10342
servizi
4975
cineteca
3681
opinionisti
2466
serialminds
1275
locandine
1159
scanners
534
Recensione pubblicata su FilmTv 45/2021

Non cadrà più la neve


Regia di Malgorzata Szumowska, Michal Englert

Viene dall’Ucraina, da Prypyat. Il giorno del disastro di Chernobyl compiva sette anni. Ora vuole vivere in Polonia. In un’area chiusa in se stessa, un quartiere borghese in cui tutto è uguale, una schiera di villette indistinte, come in un horror a tinte pastello, come in Vivarium: un luogo in cui non esiste alterità, non c’è diverso, c’è solo il gossip tra pari, l’odio educato tra simili, un tutti contro tutti nella palude del privilegio. Lui, immigrato, diverso, uomo radioattivo, è un massaggiatore. Ed è venuto per salvare. Donne dedite all’alcol, madri estenuate, vedove che han compostato il marito, malati terminali sotto MDMA, reduci militari. Si prende cura di loro. Con la ginnastica. Con l’ipnosi. Con la capacità, soprattutto, di portarli in luoghi lontani, da fermi, dalle loro case non sognanti. In un bosco, per esempio, mentre scende la neve. È chiaro che Szumowska - allieva di Wojciech Has e memore del grottesco di Wajda, ossessionata da sempre dalla riscrittura dei corpi dentro il corpo sociale, in questi quadri tra il pop di Stranger Things e la parodia di Tarkovskij - guardi al Teorema di Pasolini. Ma il suo corpo estraneo è differente: non rivoluziona, non cerca catastrofe. Cerca di riformare quelle superficiali vignette borghesi, ascolta e apre nuove visioni su mondi lontani, ovvero su mondi interiori. Tutti lo vogliono, per sentirsi meglio. Nessuno lo ascolta. È un servo: serve. Non cambia nulla alla fine. Non la Polonia e il suo odio, sotto forma di uso strumentale, degli immigrati. Non la società servile di massa. Tra le ceneri ironiche e rassegnate di questo pianeta, lo straniero, lo scarto della Storia, per Szumowska è una poesia. Un miracolo impossibile. Un fiocco di neve.

I 400 colpi

PA
6
PMB
8
IF
6
RM
7
MM
7
RMO
7
GAN
8
LP
5
GS
7
media
6.6
Non cadrà più la neve (2021)
Titolo originale: Sniegu juz nigdy nie bedzie
Regia: Malgorzata Szumowska, Michal Englert
Genere: Drammatico/Grottesco - Produzione: Polonia/Germania/Olanda - Durata: 116'
Cast: Alec Utgoff, Maja Ostaszewska, Agata Kulesza, Weronika Rosati, Katarzyna Figura, Lukasz Simlat, Andrzej Chyra, Krzysztof Czeczot, Maciej Drosio, Olaf Marchwicki, Astrid Nanowska, Wojciech Starostecki, Jerzy Nasierowski, Konstantin Solowiow, Blanka Burzyn
Sceneggiatura: Malgorzata Szumowska, Michal Englert

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy