Ghostbusters: Legacy di Jason Reitman - la recensione di FilmTv

La citazione

«Il banco di prova di un'intelligenza di prim'ordine è la capacità di tenere due idee opposte in mente nello stesso tempo e, insieme, di conservare la capacità di funzionare (Francis Scott Fitzgerald)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
10342
servizi
4975
cineteca
3681
opinionisti
2466
serialminds
1275
locandine
1159
scanners
534
Recensione pubblicata su FilmTv 46/2021

Ghostbusters: Legacy


Regia di Jason Reitman

Ritorno al futuro, letteralmente, degli anni 80 e di chi, come il regista Jason Reitman, il set del primo Ghostbusters - Acchiappafantasmi lo ha conosciuto in braccio al padre Ivan, cineasta libero e svitato. Ma l’operazione - perché ovviamente, pecunia non olet, anche di questo si tratta - è molto meno nostalgica e vintage, e quindi programmatica, di quelle di moda oggi - sì, parliamo di Stranger Things & Co., in attesa del sequel di Top Gun -, dal momento che c’è innanzitutto la volontà di trasmettere, in maniera patrilineare (nel film tutto ruota attorno all’eredità del nonno), un immaginario che ha visto spingere il cinema “fantastico” verso l’infinito e oltre. Ci sono l’Amblin touch di Spielberg (come in Lo squalo, anche qui i fantasmi si fanno attendere), Donner, Dante e Zemeckis, ma c’è anche il teen movie di Hughes e Reiner in questo Ghostbuster che in Italia ha, dopo i due punti, la parola “Legacy ”, e in originale “Afterlife”. Ma va bene così, sequel o anche un po’ reboot che sia, questo nuovo Ghosbusters si muove tra l’eredità paterna (aleggia lo spirito sovversivo di Harold Ramis) e la messa in scena dei fantasmi dall’aldilà, appunto, degli anni 80. Lo script, scritto dal regista con Gil Kenan (che, a proposito di Eighties, s’è già misurato con la regia del remake di Poltergeist), dosa bene la nuova storia, con una famiglia con la solita madre single con i due figli, uno interpretato dal Finn Wolfhard di Stranger Things e l’altra dalla fantastica McKenna Grace, e il collegamento con gli Acchiappafantasmi che rispolvereranno finalmente tutto il loro armamentario filologicamente analogico alla faccia di chi dice che è solo fanservice.

I 400 colpi

PA
8
SE
8
AF
6
MG
6
EM
5
FM
10
RMO
7
media
7.1
Ghostbusters: Legacy (2021)
Titolo originale: Ghostbusters: Afterlife
Regia: Jason Reitman
Genere: Commedia/Sci-fi - Produzione: Usa/Canada - Durata: 124'
Cast: Finn Wolfhard, Carrie Coon, Paul Rudd, Mckenna Grace, Sigourney Weaver, Bill Murray, Dan Aykroyd, Ernie Hudson, Logan Kim, Celeste O'Connor, Annie Potts, Oliver Cooper, Sydney Mae Diaz, Marlon Kazadi, Bokeem Woodbine, Paulina Alexis, Sarah Natochenny, Sh
Sceneggiatura: Jason Reitman, Gil Kenan

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Pedro Armocida

Nasco a Madrid nel 1971 quando ancora la Spagna non faceva parte della CE e qualche compagno litigioso alle elementari a Roma mi diceva: “Tornatene nel tuo paese”. Cosa che ho fatto spesso e con gioia. Ufficiale dell’Esercito mancato. Avvocato mancato, mi laureo in Lettere alla Sapienza con tesi sul cinema della Escuela de Barcelona, relatore Giovanni Spagnoletti, che nel Duemila mi chiama a organizzare www.pesarofilmfest.it, di cui dal 2015 sono il direttore artistico. Attualmente scrivo anche per Il Giornale, Ciak, 8½, dirigo le Edizioni dell’Altana e ho curato qualche libro tra cui Esordi italiani. Gli anni Dieci al cinema (2010-2015) (Marsilio) e, insieme ad altri, Romanzo popolare (Marsilio);  Cinema in Spagna oggi (Lindau), Oltre la frontiera. Il cinema messicano contemporaneo (Revolver), Il cinema argentino contemporaneo e l’opera di Leonardo Favio (Marsilio). Sogno un cimitero di campagna e io là. All'ombra di un ciliegio in fiore senza età. Per riposare un poco due o trecento anni. Giusto per capir di più e placar gli affanni.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy