Resident Evil: Welcome to Raccoon City di Johannes Roberts - la recensione di FilmTv

La citazione

«Non solo Dio non esiste, ma provate a trovare un idraulico durante il week end! (Woody Allen)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
10342
servizi
4977
cineteca
3681
opinionisti
2466
serialminds
1275
locandine
1159
scanners
534
Recensione pubblicata su FilmTv 47/2021

Resident Evil: Welcome to Raccoon City


Regia di Johannes Roberts

All’inizio ci si può cascare, in questo reboot della saga videoludica di Resident Evil, e addirittura pensare che quella lenza di Johannes Roberts (The Strangers: Prey at Night più che gli squalacci di 47 metri) porti a casa il risultato. Lontano dalla versione di Paul W.S. Anderson & Milla Jovovich, suggestiva ma molto infedele, il nostro, fan dichiarato del videogioco Capcom, pare indovinare l’atmosfera putrescente, il senso di minaccia opprimente, la città abbandonata, le presenze sinistre. Certo, come spesso gli capita, pesca a piene mani dagli horror dei bei tempi, Carpenter e i suoi assedi (per esplicita ammissione), Romero e gli zombie, ovvio, persino Stuart Gordon, forse addirittura Fulci. Niente di male: d’altronde, è anche un ritornare alle fonti del Resident Evil videogioco. E questa origin story nasce già rétro, anche nell’ambientarsi nel 1998, idealmente a riappropriarsi del primo RE (mescolato al secondo nei setting, chiosano gli esperti), con Claire Redfield (Scodelario, neppure malaccio) di ritorno nell’inquietante Raccoon City, teatro della sua triste infanzia in orfanotrofio, per mettere in guardia il fratello tontolone sulla prossima apocalisse che la perfida Umbrella Corporation sta architettando. Peccato che presto tutto scivoli nell’insensatezza via via più gratuita, accompagnata da una CGI non si capisce quanto consapevolmente cheap. Roberts si scatena nel saccheggiare le canzoni anni 90, qua e là con qualche gustoso risultato, ma poi ingrana la marcia dei mostri sempre più grandi (e ridicoli) come da contratto nel conto alla rovescia prima del botto finale. Che arriva già con lo spettro di un secondo capitolo pronto a rivaleggiare con questo in cretineria.

Resident Evil: Welcome to Raccoon City (2021)
Titolo originale: Resident Evil: Welcome to Raccoon City
Regia: Johannes Roberts
Genere: Horror - Produzione: Canada/Germania - Durata: 107'
Cast: Kaya Scodelario, Hannah John-Kamen, Neal McDonough, Robbie Amell, Tom Hopper, Donal Logue, Avan Jogia, Avaah Blackwell, Stephannie Hawkins, Lily Gao, Marina Mazepa, Nathan Dales, Chad Rook, Josh Cruddas, Janet Porter, Dylan Taylor, Sammy Azero, Holly de
Sceneggiatura: Johannes Roberts

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Rocco Moccagatta

Studiava giurisprudenza, ma andava più spesso al cinema di quanto avrebbe dovuto. D'altronde il padre l'ha portato per anni al cinema ogni sabato. Di cosa potrebbe dunque lamentarsi? Dopo l'università, fa la cosa giusta e comincia a occuparsi davvero di film, persino professionalmente. Oggi lo insegna pure, il cinema, in IULM e in altre università del regno, soprattutto il cinema classico e il cinema dei generi popolari, la sua passione da sempre. Per campare guarda anche molta televisione, visto che lavora come scenarista e analista dei media presso la factory di media research Neopsis (non si pronuncia Neopsais, eh...). Ha scritto e scrive da tante parti, da Duel/Duellanti a Marla, da Ottoemezzo a L'officiel Homme. Nel tempo, ha scoperto che gli piace molto il cinema italiano di ieri e di oggi e che si può non vergognarsene. Il riconoscimento più prezioso è stato essere ribattezzato "Giancarlo Cianfrusaglie" da Maccio Capatonda.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy