Al di là della vita di Martin Scorsese - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Matteo Marelli dice che Blackhat è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 02:35.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«We want our film to be beautiful, not realistic.»

cinerama
8277
servizi
2826
cineteca
2656
opinionisti
1776
locandine
1000
serialminds
755
scanners
477
Recensione pubblicata su FilmTv 03/2000

Al di là della vita


Regia di Martin Scorsese

Ci sono anime che lasciano il corpo e non vogliono esserci rimesse. Ci sono corpi che vanno tenuti in attività, per dare il tempo al cuore e al cervello di riprendersi e ricominciare a funzionare per conto proprio. Ci sono individui sospesi nel vuoto, che non sanno se lasciarsi andare per sempre o tentare di ricominciare a vivere. Ci sono i passi perduti della lotta, notte dopo notte, per tirar fuori la vita dalla morte, sulle ambulanze dei paramedici in servizio nella "cucina dell'inferno" di New York City, ridotti ormai a un fascio di nervi come i loro pazienti abituali, barboni infreddoliti, drogati irrimediabili, prostitute adolescenti, testardi aspiranti suicidi. "Al di là della vita": all'inferno e ritorno (forse), com'era "Taxi Driver", del quale ripete quasi testualmente l'inizio, un'ambulanza, invece di un taxi, che percorre le strade maledette strette tra Times Square e il fiume, mentre la voce off del protagonista racconta: «La notte cominciò come un boomerang». Come Travis Bickle, anche Frank Pierce nella sua ambulanza ha visto di tutto. E se Travis si era trasformato in uno psicopatico vendicatore, Frank ha invece assorbito la disperazione di tutte le anime delle quali non è riuscito a salvare il corpo, accentrando su di sé il dolore e il senso di colpa di un mondo perduto. Le rivede sbucare dal selciato, riconosce il loro volto in ogni volto, sente le loro voci. "Al di là della vita", crudo e visionario nello stesso tempo, è un'allucinazione perenne, ma un'allucinazione costruita con i più concreti materiali umani. Scorsese si abbandona alla colpa, la assorbe, la lascia esplodere all'esterno con un furore impotente. Anche lui (con lo sceneggiatore Paul Schrader) pare un'anima in bilico, anche lui sospeso, come Frank, sul cielo di New York, a sostenere uno spacciatore infilzato in una cancellata, mentre le scintille della fiamma ossidrica diventano fuochi d'artificio. Com'è difficile salvare il mondo se non si riesce a salvare neppure se stessi! Ma, come qualcuno dice a Frank: «Non è colpa tua, nessuno ti ha chiesto di soffrire. È stata una tua idea».

Al di là della vita (1999)
Titolo originale: Bringing Out the Dead
Regia: Martin Scorsese
Genere: Drammatico - Produzione: USA - Durata: 111'
Cast: Nicolas Cage, Patricia Arquette, John Goodman, Tom Sizemore

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Al di là della vita» Cineteca (n° 08/2009)
Al di là della vita» Cineteca (n° 26/2017)

Emanuela Martini

Capelli rossi, lettrice forte, brutto carattere (dicono). La prima volta mi hanno portata al cinema che avevo tre anni. Ci stavo dalle 2 alle 8, orario continuato. Praticamente, non ne sono più uscita: adesso ci sto anche dalle 8 alle 20, e a volte pesa. Ma la passione resta e non mi annoio (quasi mai). Onnivora: mi piace tutto (quando mi piace). Autori di culto: Michael Powell e Robert Altman. Serie: Twin Peaks e I Soprano forever. Rimpiango il cinema americano anni ’70 e il metabolismo dei trent’anni. Vivo in un disordine "escheriano", tra libri, oggetti, dvd, foto, abiti e scarpe, con Lucrezia, gatta petulante di 19 anni. Credo allo Stregatto (quello di Alice): qui in giro aleggia il sorriso di Blimp, Sibella e Oreste.


Emanuela Martini

Capelli rossi, lettrice forte, brutto carattere (dicono). La prima volta mi hanno portata al cinema che avevo tre anni. Ci stavo dalle 2 alle 8, orario continuato. Praticamente, non ne sono più uscita: adesso ci sto anche dalle 8 alle 20, e a volte pesa. Ma la passione resta e non mi annoio (quasi mai). Onnivora: mi piace tutto (quando mi piace). Autori di culto: Michael Powell e Robert Altman. Serie: Twin Peaks e I Soprano forever. Rimpiango il cinema americano anni ’70 e il metabolismo dei trent’anni. Vivo in un disordine "escheriano", tra libri, oggetti, dvd, foto, abiti e scarpe, con Lucrezia, gatta petulante di 19 anni. Credo allo Stregatto (quello di Alice): qui in giro aleggia il sorriso di Blimp, Sibella e Oreste.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy