Hugo Cabret di Martin Scorsese - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Matteo Marelli dice che Blackhat è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 02:35.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«E questo è quanto (Casinò - Martin Scorsese)»

cinerama
8277
servizi
2826
cineteca
2656
opinionisti
1776
locandine
1000
serialminds
755
scanners
477
Recensione pubblicata su FilmTv 05/2012

Hugo Cabret


Regia di Martin Scorsese

Pioggia di nomination quest'anno su due film che fanno del modernariato una ragione di vita. Il bianco e nero estetizzante di The Artist e la tecnologia vecchia spacciata per nuova (il 3D) di Hugo Cabret, che rielabora il cinematografo delle origini riscoprendo l'inventore del suo côté fantastico, Georges Méliès. Vinca il migliore o il meno peggio, come si suol dire, ma questo ritorno al passato, per lo meno a livello di immaginario, dovrebbe francamente far riflettere. Poi, le due operazioni sono differenti, ci mancherebbe, e non si può negare al lavoro di Martin Scorsese un rigore filologico affascinante, se non sempre propriamente emozionante. Hugo Cabret 3D è tratto da un libro illustrato di Brian Selznick (La straordinaria invenzione di Hugo Cabret) che il regista era solito leggere alla figlia minore, captandone il livello di meraviglia di fronte alla storia nuda e cruda e alle diavolerie avveniristiche riprodotte nelle illustrazioni. Hugo (Asa Butterfield), rimasto orfano del babbo (Jude Law), vive randagio nella Gare Montparnasse a Parigi, dove dopo la Grande Guerra aveva trovato lavoro come giocattolaio Méliès (Ben Kingsley), caduto in disgrazia. Grazie anche alla figlioccia del cineasta, i due si conoscono finché i destini non si uniscono indissolubilmente. Questo il film in soldoni, perché poi c'è parecchio di più. Ma giocando di sottrazione con una trama che raccoglie rimandi a destra e a manca (da David Copperfield a Jules Verne), Scorsese passa dall'opera mondo all'opera museo, omaggiando il cinema delle origini in un caleidoscopio di invenzioni visive che lascia a volte senza fiato. Méliès è il punto di arrivo di un processo di svelamento dei grandi pionieri del Muto (dagli obbligatori Lumière a Harold Lloyd, il più citato, a Chaplin) che il regista e la sua factory (Thelma Schoonmaker, Dante Ferretti, Robert Richardson, Barbara De Fina...) adeguano a una concezione artigianale aggiornata al Nuovo Millennio. Scorsese si diverte (e appare nei panni del fotografo), perde per strada qualche occasione (il tema della guerra che spazza via il cinema per eccesso di realtà...) ed è a volte algido come Zemeckis. Ma l'impatto sugli occhi, c'è.

Hugo Cabret (2011)
Titolo originale: Hugo Cabret
Regia: Martin Scorsese
Genere: Avventura - Produzione: USA - Durata: 130'
Cast: Asa Butterfield, Chloe Moretz, Sacha Baron Cohen, Jude Law, Emily Mortimer, Ben Kingsley, Christopher Lee, Ray Winstone, Richard Griffiths, Helen McCrory

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.


Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy