Il colore delle parole di Marco S. Puccioni - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png

La citazione

«Un colpo solo (Michael Cimino - Il cacciatore)»

cinerama
10246
servizi
4885
cineteca
3650
opinionisti
2449
serialminds
1251
locandine
1154
scanners
532
Recensione pubblicata su FilmTv 12/2010

Il colore delle parole


Regia di Marco S. Puccioni

Un film di volti e di parole che hanno lo stesso colore. Il colore delle parole è un documentario sull'immigrazione che finalmente si concentra sulla voce degli immigrati. Ci aveva già provato, attraverso la finzione, il regista Marco Simon Puccioni, con un piccolo film dal grande respiro come Riparo. Anis era tunisino, Teodoro viene dal Camerum, ma la storia non cambia. Dall'Africa all'Italia, dagli anni 70 a oggi, incasellando i racconti del poeta Teodoro Ngana e di altri tre suoi compagni emigrati a Roma. Il nostro Paese osservato dagli occhi di uno straniero che lo ama appare come un'enorme bolla che vorremmo far scoppiare. Non tanto per i passi indietro fatti nel tempo con una sequela di leggi sull'argomento sempre più sbagliate, né per quel nostro latente razzismo, che è cosa nota. Il colore delle parole è un viaggio nella cultura africana che, messa a confronto con la nostra, non può che farci sentire dentro un degrado sociale, culturale e umano che lascia senza fiato. Sensazione che durerebbe come al solito un attimo. Se, sfruttando i codici più ordinari del cinema del reale, a Puccioni non riuscisse un piccolo miracolo. Arrivare, oltre lo sguardo, alla testa e al cuore.

Il colore delle parole (2009)
Titolo originale: -
Regia: Marco S. Puccioni
Genere: Documentario - Produzione: Italia - Durata: 70'

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Sfoglia lo speciale


Vuoi vedere il film in streaming?

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy