Lettere dal Sahara di Vittorio De Seta - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Ilaria Feole dice che Impiccalo più in alto è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 21:10.

Se vi sono piaciuti Forza maggiore e The square , c'è un invisibile di Ruben Östlund che vi consigliamo di recuperare, presentato alla Quinzaine 2011.

Gianni Amelio racconta I nuovi mostri e riflette sull'Italia e sulla commedia all'italiana. Rileggete la locandina del 2005, il film è in streaming su RaiPlay.

Il 3 dicembre arrivano su Prime Video le prime 5 stagioni di questa serie Marvel. Curiosi? Scoprite di che parla nella nostra recensione.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«We want our film to be beautiful, not realistic.»

cinerama
8332
servizi
2865
cineteca
2679
opinionisti
1794
locandine
1004
serialminds
763
scanners
479
Recensione pubblicata su FilmTv 36/2006

Lettere dal Sahara


Regia di Vittorio De Seta

La storia di questo film, la cui lavorazione è iniziata nel 2001, è travagliatissima, e legata per lo più alla inclassificabilità di questa pellicola nel panorama italiano, alla sua quasi impossibile gestione e collocazione in un sistema pseudo-manageriale, e che tende a privilegiare prodotti e format che non azzardino troppo in senso estetico e produttivo. L'ottantaquattrenne De Seta, uno dei maestri del cinema italiano, torna al film di fiction dopo trentatré anni (e l'ultimo suo film uscito in sala era in verità una docufiction di enorme successo, il Diario di un maestro concepito per la Tv). E sorprende che si debba aspettare il ritorno a De Seta per trovare un film che affronti, e dal di dentro, temi di così scottante attualità come l'immigrazione, in modi così liberi e sperimentali, a cominciare dal rigoroso uso del digitale. Il film racconta il drammatico viaggio da Sud a Nord di un giovane senegalese, che dopo un terribile viaggio in nave e il primo impatto con la burocrazia, riesce a fuggire e a lavorare da clandestino in Italia, arrivando dalla Sicilia a Torino. Ma il finale è affidato a un ritorno in Africa, con un saggio che tira il filo di tutta la storia in modi quasi "didattici". A suo modo, Lettere dal Sahara è un'"opera prima"; ci piace pensarlo come un punto d'inizio, con le generosità e gli errori di chi si lancia anima e corpo in un'impresa nuova. A non sapere chi l'ha diretto, lo si direbbe davvero, diciamo, l'esordio di un trentenne africano che cerchi di raccontarsi e raccontarci. La prima parte del film, mossa e poetica, ha una leggerezza da filmmaker che mostra felicemente come il regista abbia lavorato addosso alle cose, sfruttando le tecnologie leggere e l'improvvisazione. Poi, giunti a Torino, vien fuori una certa pesantezza didascalica, e il ritorno in Africa riallaccia il filo nei modi necessari dell'alta retorica. Ma in definitiva, Lettere dal Sahara appare soprattutto un modello produttivo e "di metodo" per molti giovani registi che abbiano voglia e curiosità di guardarsi incontro, interrogandosi sul cosa, il perché e il come filmare.

Lettere dal Sahara (2006)
Titolo originale: Lettere dal Sahara
Regia: Vittorio De Seta
Genere: Drammatico - Produzione: Italia - Durata: 123'
Cast: Marco Balliani, Claudia Muzzi, Djbril Kebe

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy