Lettere dal Sahara di Vittorio De Seta - la recensione di FilmTv

La citazione

«Lui adesso vive ad Atlantide / con un cappello pieno di ricordi / ha la faccia di uno che ha capito / e anche un principio di tristezza in fondo all'anima / nasconde sotto il letto barattoli di birra disperata / e a volte ritiene di essere un eroe. (Francesco De Gregori - Atlantide)»

scelta da
Matteo Bailo

cinerama
10359
servizi
4996
cineteca
3687
opinionisti
2470
serialminds
1277
locandine
1160
scanners
535
Recensione pubblicata su FilmTv 36/2006

Lettere dal Sahara


Regia di Vittorio De Seta

La storia di questo film, la cui lavorazione è iniziata nel 2001, è travagliatissima, e legata per lo più alla inclassificabilità di questa pellicola nel panorama italiano, alla sua quasi impossibile gestione e collocazione in un sistema pseudo-manageriale, e che tende a privilegiare prodotti e format che non azzardino troppo in senso estetico e produttivo. L'ottantaquattrenne De Seta, uno dei maestri del cinema italiano, torna al film di fiction dopo trentatré anni (e l'ultimo suo film uscito in sala era in verità una docufiction di enorme successo, il Diario di un maestro concepito per la Tv). E sorprende che si debba aspettare il ritorno a De Seta per trovare un film che affronti, e dal di dentro, temi di così scottante attualità come l'immigrazione, in modi così liberi e sperimentali, a cominciare dal rigoroso uso del digitale. Il film racconta il drammatico viaggio da Sud a Nord di un giovane senegalese, che dopo un terribile viaggio in nave e il primo impatto con la burocrazia, riesce a fuggire e a lavorare da clandestino in Italia, arrivando dalla Sicilia a Torino. Ma il finale è affidato a un ritorno in Africa, con un saggio che tira il filo di tutta la storia in modi quasi "didattici". A suo modo, Lettere dal Sahara è un'"opera prima"; ci piace pensarlo come un punto d'inizio, con le generosità e gli errori di chi si lancia anima e corpo in un'impresa nuova. A non sapere chi l'ha diretto, lo si direbbe davvero, diciamo, l'esordio di un trentenne africano che cerchi di raccontarsi e raccontarci. La prima parte del film, mossa e poetica, ha una leggerezza da filmmaker che mostra felicemente come il regista abbia lavorato addosso alle cose, sfruttando le tecnologie leggere e l'improvvisazione. Poi, giunti a Torino, vien fuori una certa pesantezza didascalica, e il ritorno in Africa riallaccia il filo nei modi necessari dell'alta retorica. Ma in definitiva, Lettere dal Sahara appare soprattutto un modello produttivo e "di metodo" per molti giovani registi che abbiano voglia e curiosità di guardarsi incontro, interrogandosi sul cosa, il perché e il come filmare.

Lettere dal Sahara (2006)
Titolo originale: Lettere dal Sahara
Regia: Vittorio De Seta
Genere: Drammatico - Produzione: Italia - Durata: 123'
Cast: Marco Balliani, Claudia Muzzi, Djbril Kebe

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy