Mare chiuso di Andrea Segre, Stefano Liberti - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che Storia di noi due è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 15:40.

Per festeggiare David Cronenberg che verrà premiato con il Leone alla carriera a Venezia 75 abbiamo pensato di rendere disponibili tutti gli articoli archiviati nella nostra collezione Locandine. A partire da La zona morta.

La ricerca di riscatto di un mite toelettatore di cani, la discesa agli inferi di un ex pugile manesco. Il nuovo film del regista di Gomorra torna nella terra di nessuno delle fiabe dark. Premiato come migliore attore al Festival di Cannes il protagonista Marcello Fonte.

Il 18 maggio arriva su Netflix la seconda attesissima stagione di Tredici . Dove eravamo rimasti?

Esiste davvero gente che non ama la musica?

Christophe Honoré quest'anno è al Festival di Cannes con Plaire, aimer et courir vite , in gara anche per la Queer Palm. Vi riproponiamo uno degli Scanners a lui dedicati.

La citazione

«Non è più possibile parlare d'arte escludendo la scienza e la tecnologia. Non è più possibile analizzare i fenomeni fisici escludendo le realtà metafisiche. (Gene Youngblood)»

scelta da
Simone Arcagni

cinerama
8060
cineteca
2865
servizi
2648
opinionisti
1687
locandine
988
serialminds
729
scanners
469
Recensione pubblicata su FilmTv 13/2012

Mare chiuso


Regia di Andrea Segre, Stefano Liberti

La necessità di un controcampo: questo rivendica Mare chiuso. Di fronte alle pseudo verità dette in mantra automatici dalle Tv, la voce di un piccolo documentario. Che si oppone alle dichiarazioni dei Maroni di turno e affronta, vis à vis, le conseguenze degli accordi bilaterali tra Italia e Libia. Ovvero: le imbarcazioni di migranti intercettate in acque internazionali nel Mediterraneo dovevano, fino alla condanna della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo di Strasburgo, essere ricondotte in territorio libico. Dove gli uomini erano accolti da abusi e torture. Nessuna questione, cenno di comprensione: riportati ai carnefici da nuovi carnefici d'occasione. Italiani, dipendenti dello Stato. Mentre lo Stato abbracciava (tentando di edulcorarne la figura mediata) il dittatore Gheddafi. Il cinema di Andrea Segre (accompagnato dal giornalista Stefano Liberti) continua pervicacemente a trattare l'immigrazione, rifiutandosi a riflessioni teoriche o populiste, ma cibandosi di una concreta dimensione umana. Interviste frontali, video dell'attraversamento, riprese del processo concorrono a restituire una verità negata e, infine, riconosciuta dalle istituzioni europee. Gli si conceda qualche lirismo, una struttura opinabile, mutuata a tratti da certa Tv (la deriva narrativa alla Carramba che sorpresa!), l'estetizzazione di certi quadri. Risibili nei, eccessi d'amore di un'opera militante, di un controcanto necessario.

Mare chiuso (2012)
Titolo originale: -
Regia: Andrea Segre, Stefano Liberti
Genere: Documentario - Produzione: Italia, Francia, Tunisia - Durata: 60'

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Il rumore del mare - Intervista ad...» Interviste (n° 13/2012)

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy