Mare chiuso di Andrea Segre, Stefano Liberti - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Ilaria Feole dice che Impiccalo più in alto è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 21:10.

Se vi sono piaciuti Forza maggiore e The square , c'è un invisibile di Ruben Östlund che vi consigliamo di recuperare, presentato alla Quinzaine 2011.

Gianni Amelio racconta I nuovi mostri e riflette sull'Italia e sulla commedia all'italiana. Rileggete la locandina del 2005, il film è in streaming su RaiPlay.

Il 3 dicembre arrivano su Prime Video le prime 5 stagioni di questa serie Marvel. Curiosi? Scoprite di che parla nella nostra recensione.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Guardatevi da tutte le imprese che richiedono vestiti nuovi (H.D. Thoreau)»

scelta da
Carolina Crespi

cinerama
8332
servizi
2865
cineteca
2679
opinionisti
1794
locandine
1004
serialminds
763
scanners
479
Recensione pubblicata su FilmTv 13/2012

Mare chiuso


Regia di Andrea Segre, Stefano Liberti

La necessità di un controcampo: questo rivendica Mare chiuso. Di fronte alle pseudo verità dette in mantra automatici dalle Tv, la voce di un piccolo documentario. Che si oppone alle dichiarazioni dei Maroni di turno e affronta, vis à vis, le conseguenze degli accordi bilaterali tra Italia e Libia. Ovvero: le imbarcazioni di migranti intercettate in acque internazionali nel Mediterraneo dovevano, fino alla condanna della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo di Strasburgo, essere ricondotte in territorio libico. Dove gli uomini erano accolti da abusi e torture. Nessuna questione, cenno di comprensione: riportati ai carnefici da nuovi carnefici d'occasione. Italiani, dipendenti dello Stato. Mentre lo Stato abbracciava (tentando di edulcorarne la figura mediata) il dittatore Gheddafi. Il cinema di Andrea Segre (accompagnato dal giornalista Stefano Liberti) continua pervicacemente a trattare l'immigrazione, rifiutandosi a riflessioni teoriche o populiste, ma cibandosi di una concreta dimensione umana. Interviste frontali, video dell'attraversamento, riprese del processo concorrono a restituire una verità negata e, infine, riconosciuta dalle istituzioni europee. Gli si conceda qualche lirismo, una struttura opinabile, mutuata a tratti da certa Tv (la deriva narrativa alla Carramba che sorpresa!), l'estetizzazione di certi quadri. Risibili nei, eccessi d'amore di un'opera militante, di un controcanto necessario.

Mare chiuso (2012)
Titolo originale: -
Regia: Andrea Segre, Stefano Liberti
Genere: Documentario - Produzione: Italia, Francia, Tunisia - Durata: 60'

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Il rumore del mare - Intervista ad...» Interviste (n° 13/2012)

Giulio Sangiorgio

Nasce su quel ramo del lago di Como e, quando non guarda, scrive. Gli piace il cinema comico - Buster Keaton, Jerry Lewis, Charlie Bowers, Pierre Etaix - quindi non può che diffidare della facile ironia. Pretende che i film sfidino le convinzioni del suo sguardo, per questo preferisce, sempre, ciò che eccede. Lo guida Chris Marker, piange Alain Resnais e, ingenuamente, crede che non esista correlazione tra l'r moscia e la voglia costante di cinema francese. Dirige Film Tv, sceglie film per Filmmaker, edita libri per Bietti Heterotopia. Non è in grado di stendere un suo profilo, ma sa che l'anagramma del suo nome è Luigio Nasogrigio. «E di me dico "egli"; – uno che non mi riguarda». Solo per ora, però.


Giulio Sangiorgio

Nasce su quel ramo del lago di Como e, quando non guarda, scrive. Gli piace il cinema comico - Buster Keaton, Jerry Lewis, Charlie Bowers, Pierre Etaix - quindi non può che diffidare della facile ironia. Pretende che i film sfidino le convinzioni del suo sguardo, per questo preferisce, sempre, ciò che eccede. Lo guida Chris Marker, piange Alain Resnais e, ingenuamente, crede che non esista correlazione tra l'r moscia e la voglia costante di cinema francese. Dirige Film Tv, sceglie film per Filmmaker, edita libri per Bietti Heterotopia. Non è in grado di stendere un suo profilo, ma sa che l'anagramma del suo nome è Luigio Nasogrigio. «E di me dico "egli"; – uno che non mi riguarda». Solo per ora, però.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy