A Star Wars Story: Rogue One di Gareth Edwards - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che I giovani leoni è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 07:20.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«All work and no play makes Jack a dull boy»

cinerama
8291
servizi
2833
cineteca
2663
opinionisti
1780
locandine
1001
serialminds
758
scanners
477
Recensione pubblicata su FilmTv 51/2016

A Star Wars Story: Rogue One


Regia di Gareth Edwards

Lanciato come una sorta di Quella sporca dozzina dell’universo di Star Wars e preceduto da interviste in cui il regista e il direttore della fotografia citavano La battaglia di Algeri e Apocalypse Now, Rogue One vuole portare davvero la guerra in Guerre stellari. La regia di forte impatto visivo di Gareth Edwards, che peraltro rimane tra i migliori su piazza nell’avvalersi del 3D, regala diverse scene memorabili tra un’imboscata in un quartiere arabeggiante, una missione sotto la pioggia battente e una lunga battaglia in un atollo tropicale. Difficile chiedergli di più, purtroppo però la sceneggiatura azzoppa spesso il ritmo del film e lo riempie di amenità, come tutta quella sequela di azioni da videogame del tipo tira la leva, collega il cavo, tira un’altra leva, che rende sfiancante la parte finale, oltre che prosaica nel ruotare intorno a un voluminoso e ben poco fantascientifico hard disk. Proprio quella che dovrebbe essere la prima grande scena di guerra di Star Wars, una sorta di sbarco a Guadalcanal, finisce così per somigliare a una sessione di Star Wars: Battlefront subita senza controller, e questo nonostante l’esito aspiri alla tragedia. Il rilancio della serie conferma inoltre di avere un problema con i cattivi, perché dopo il nevrotico Kylo Ren e l’inqualificabile Snoke, anche Krennic, interpretato dal pur buon Ben Mendelsohn, si ricorda più per il look biancovestito che per le azioni. La colpa è di un imperdonabile fan service (l’inserimento di elementi a uso e consumo dei seguaci della saga): la resurrezione in computer grafica di Peter Cushing, un mostro non morto dagli occhi vitrei che toglie ogni peso a Krennic. Tremiamo all’idea che la stessa sorte tocchi in qualche futuro capitolo ad Alec Guinness… Naturalmente più facile, per via dell’armatura, e molto più felice l’inserimento di Darth Vader, che ha una splendida scena finale, ma è quel che si dice troppo poco e troppo tardi. Se l’idea di Rogue One era di sporcare la serie con le ambiguità della guerra, raccontando una resistenza che compie anche azioni criminose, tutto non va oltre le parole (tolto per il personaggio di Saw Gerrera, che però è il meno convincente dell’intero film). Gli eroi sono nobili, magari disillusi e all’inizio riluttanti, ma alla prova dei fatti disobbediscono a ordini di dubbia moralità e non si danno per vinti. Edwards mostra scontri più violenti che in passato, ma solo fino a un certo punto, per esempio i civili non ci vanno mai davvero di mezzo, e per quanto si evochi la Seconda guerra mondiale, si assiste comunque a battaglie a colpi di luce e dove i nemici sono senza volto, coperti da un’armatura utile solo a disumanizzarli. Dove Edwards, invece, riesce nell’impresa è con la Morte nera, che scatena incubi di nucleare memoria, molto più spaventosi del fuoco d’artificio cosmico della Starkiller di Episodio VII. A tratti godibile, a tratti farraginoso, Rogue One ci lascia con la paura che, visti l’eccellenza del cast e del regista, la saga di Star Wars e il cinema che rappresenta non possano ormai essere meglio di così.

I 400 colpi

PA
8
CB
7
MCA
7
MC
5
AC
7
SE
8
IF
7
AF
6
MG
7
FM
9
GAN
8
RS
6
FT
6
media
7.0
A Star Wars Story: Rogue One (2016)
Titolo originale: A Star Wars Story: Rogue One
Regia: Gareth Edwards
Genere: Fantascienza - Produzione: Usa - Durata: 133'
Cast: Felicity Jones, Diego Luna, Alan Tudyk, Ben Mendelsohn, Forest Whitaker, Mads Mikkelsen, Donnie Yen, Wen Jiang
Sceneggiatura: Chris Weitz, Tony Gilroy

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


La forza degli elementi» Servizi (n° 50/2016)
Scienziato stellare - Intervista a...» Interviste (n° 51/2016)

Andrea Fornasiero

Andrea Fornasiero (Mortara, 8 maggio 1976), dottorato in Culture della Comunicazione presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, è stato autore televisivo per due trasmissioni di Rai4, Wonderland e Mainstream. Collabora con il settimanale “Film Tv” dal 2006. Collabora inoltre con il distributore cinematografico Officine Ubu nel settore Acquisitions. È autore di Terrence Malick. Cinema della classicità e della modernità (Le Mani, 2008) e ha partecipato a vari volumi collettanei e convegni sul cinema. Scrive o ha scritto per “Fumo di China”, “Chili Blog”, “The Cinema Show”, “Nocturno”, “Rumore”, “Lo Spazio Bianco”, “Filmidee”, “Andersen”, “Movieplayer”, “Rumori fuori scena”, “Otto e mezzo”, inoltre ha curato la rubrica CoseSerie, dedicata al mondo della serialità, per FilmTv.it. Ha collaborato a due edizioni del Roma Fiction Fest ed è stato autore e conduttore delle emissioni italiane delle cerimonie di premiazione degli Emmy Awards 2014 e 2015.
Su FilmTv.press si occupa della sezione News.


Andrea Fornasiero

Andrea Fornasiero (Mortara, 8 maggio 1976), dottorato in Culture della Comunicazione presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, è stato autore televisivo per due trasmissioni di Rai4, Wonderland e Mainstream. Collabora con il settimanale “Film Tv” dal 2006. Collabora inoltre con il distributore cinematografico Officine Ubu nel settore Acquisitions. È autore di Terrence Malick. Cinema della classicità e della modernità (Le Mani, 2008) e ha partecipato a vari volumi collettanei e convegni sul cinema. Scrive o ha scritto per “Fumo di China”, “Chili Blog”, “The Cinema Show”, “Nocturno”, “Rumore”, “Lo Spazio Bianco”, “Filmidee”, “Andersen”, “Movieplayer”, “Rumori fuori scena”, “Otto e mezzo”, inoltre ha curato la rubrica CoseSerie, dedicata al mondo della serialità, per FilmTv.it. Ha collaborato a due edizioni del Roma Fiction Fest ed è stato autore e conduttore delle emissioni italiane delle cerimonie di premiazione degli Emmy Awards 2014 e 2015.
Su FilmTv.press si occupa della sezione News.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy