Shutter Island di Martin Scorsese - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Matteo Marelli dice che Blackhat è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 02:35.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Life... don't talk to me about life...»

scelta da
Alice Cucchetti

cinerama
8277
servizi
2826
cineteca
2656
opinionisti
1776
locandine
1000
serialminds
755
scanners
477
Recensione pubblicata su FilmTv 09/2010

Shutter Island


Regia di Martin Scorsese

Con Gangs of New York, Martin Scorsese ha intrapreso un percorso di normalizzazione culminato poi con The Departed, il peggior film della sua carriera. Sempre più simile a Woody Allen per come accumula un progetto dietro l'altro, perde mordente anche se prova a ricordarci il cineasta che è stato. Come nel caso di The Aviator, in Shutter Island non mancano momenti evocativi e potenti. L'incipit cupo e minaccioso e gli inserti onirici che omaggiano il cinema fantastico di Michael Powell sembrano preludere a un altro film. Non quello che si accartoccia in una spiegazione verbosa dietro l'altra per mettere in scena il dramma psicotico dell'ennesimo uomo che non c'era. Più che ai maestri del noir, citati sovente senza cognizione di causa, o al Sam Fuller di Il corridoio della paura, Scorsese pare guardare al Welles incompreso (e poco visto) di Il processo, che evoca in maniera calligrafica nella sequenza in cui DiCaprio si smarrisce nelle segrete del manicomio. Come Welles, anche Scorsese vuole evocare il dramma di un uomo posto davanti a una Legge imperscrutabile. Indeciso tra disubbidienza e rispetto della norma, preferisce rientrare nei ranghi hollywoodiani prima ancora che la sentenza sia emessa. Come un Uovo del serpente che non si schiude, Shutter Island offre piccoli pezzi di bravura assediati da un blockbuster in crisi d'identità. Curioso infine il confronto con Adam Resurrected di Paul Schrader, ancora inedito da noi, la cui ambientazione psichiatrica, invece, vola altissima. E se fosse stato sempre Schrader il regista e Scorsese lo sceneggiatore?

Shutter Island (2009)
Titolo originale: Shutter Island
Regia: Martin Scorsese
Genere: Noir - Produzione: USA - Durata: 138'
Cast: Leonardo DiCaprio, Mark Ruffalo, Ben Kingsley, Emily Mortimer, Michelle Williams, Max Von Sydow, Jackie Earle Haley, Patricia Clarkson, Elias Koteas, Ted Levine

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Shutter Island» Cineteca (n° 47/2013)
Shutter Island» Cineteca (n° 20/2011)
Martin da (s)legare» Servizi (n° 09/2010)

Giona A. Nazzaro

Delegato generale Settimana Internazionale della Critica di Venezia. Programmatore Visions du Réel di Nyon (Svizzera). Collaboratore Festival del Film di Locarno. Autore di libri e saggi. Dischi, libri, gatti, i piaceri. Il resto, in divenire.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy