Star Wars: Episodio VII - Il risveglio della forza di J.J. Abrams - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Giulio Sangiorgio dice che Il mistero della camera gialla è il film da salvare oggi in TV.
Su TV2000 alle ore 21:05.

È cominciata anche in Italia l'ottava stagione di Il trono di spade , che sarà l'ultima. La settima stagione, se vi ricordate, ci aveva diviso: qui trovate il Perché no di Fiaba Di Martino.

Il 24 aprile è la data in cui usciranno in Francia dvd e bluray di High Life di Claire Denis, con Robert Pattinson e Juliette Binoche. Ancora non è prevista un'uscita nelle sale italiane, ma per l'occasione rispolveriamo la recensione di un altro film invisibile della stessa regista.

State già seguendo su TIMVision la seconda stagione di Killing Eve ? Vi riproponiamo l'intervista doppia alle due attrici protagoniste realizzata per l'arrivo della prima stagione, l'anno scorso.

Remake, reboot, prequel, sequel. E degli adattamenti, non possiamo proprio fare a meno? L'opinione di Roy Menarini.

Michelle Yeoh è appena stata scelta da James Cameron per i tre sequel previsti di Avatar. Vi riproponiamo allora la locandina di Emanuela Martini scritta per il film del 2009.

La citazione

«La televisione è meglio del cinema. Sai sempre dov'è la toilette. (Dino Risi)»

scelta da
Pedro Armocida

cinerama
8590
servizi
3060
cineteca
2790
opinionisti
1889
locandine
1024
serialminds
811
scanners
487
Recensione pubblicata su FilmTv 51/2015

Star Wars - Il risveglio della Forza


Regia di J.J. Abrams

Riannodare le fila di un immaginario collettivo complesso, stratificato e longevo senza perdere la misura del mito, oppure riprogrammarne prospettive e assunti? Cimentandosi nella titanica impresa di Star Wars, Abrams sceglie la prima via con umiltà, rigore filologico ed entusiasmo feticista. Il suo primo atto reillumina, non reinventa, ma in fondo è giusto così perché quel mondo è stato impossibile da reinventare persino per Lucas, che ne è stato il padre e ha ripetutamente fallito sulla via della (ri)creazione. Allora è entusiasmante perdersi tra pianeti desertici solcati dalle macerie tecnologiche di Il ritorno dello Jedi (le astronavi distrutte, i bipedi e quadrupedi corazzati dell’Impero come fossili inerti), oppure sussultare di fronte alla scacchiera virtuale del Millennium Falcon, o ancora immergersi nell’aria viziata di squallidi festini - con feccia intergalattica e cacciatori di taglie dall’armamentario steampunk - che agganciano quelli consumati su Tatooine in Una nuova speranza. Ma quando il Falcon viene ridestato dal suo sonno, Abrams è chiamato a svestire i panni dell’archeologo, indossare quelli dell’avventuriero e tracciare le coordinate del nuovo corso, sviluppato adottando una partitura drammaturgica identica a quella di Il ritorno dello Jedi con un primo segmento decentrato e un secondo - ritmato dal montaggio parallelo - giocato sulla triplice pista che affianca all’assalto stellare la disattivazione di uno scudo e lo sviluppo Jedi. Se anche il retroterra culturale (dall’epica bretone a quella omerica, da Sofocle a Shakespeare) resta identico a quello della prima trilogia, ai soli personaggi è affidato il vento del rinnovamento. Vecchi e nuovi volti entrano in dialogo, rispettivamente portatori di saggezza e timore reverenziale nei confronti di figure assurte al rango di icone. Rey, Finn, Poe: sono loro i primi fan di Star Wars, emozionati al cospetto di Han, Chewbacca, Leia e Luke. Ma se Finn e Poe restano figurine schiacciate dal peso di modelli ingombranti (complici le interpretazioni anonime di Boyega e Isaac e una scrittura priva di baricentro), è Rey il cuore emotivo femminile (mai femminista) da consegnare al futuro della saga, assieme al correlativo negativo Kylo Ren. Due personaggi in via di costruzione, imperfetti in quanto apprendisti, ma potenti come la Forza che è in loro. Il resto è contorno, tra “spalle” finalmente centrate (il droide BB-8), specchietti per le allodole da destinare ai manifesti (l’anonimo generale Hux, la quota rosa pagata al Nuovo ordine in forma di capitan Phasma) e un leader supremo di ascendenza fantasy. Ci sarà tempo per sviluppare anche loro. Per il momento, Abrams ha vinto la sua sfida, pur giocandola solo in parte. La Forza è con lui.

I 400 colpi

PA
8
CB
7
MCA
6
AC
8
SE
7
IF
7
AF
5
MG
7
AG
7
RM
6
GAN
7
GS
6
MS
6
FT
7
media
6.7
Star Wars - Il risveglio della Forza (2015)
Titolo originale: Star Wars: The Force Awakens
Regia: J.J. Abrams
Genere: Fantascienza - Produzione: Usa - Durata: 135'
Cast: Daisy Ridley, Mark Hamill, Carrie Fisher, Billie Lourd, Harrison Ford, Oscar Isaac, Adam Driver, Gwendoline Christie, Peter Mayhew, Domhnall Gleeson

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Star Wars - Il risveglio della saga» Interviste (n° 50/2015)
Mulholland Drive n° 50/2015» Mulholland Drive (n° 50/2015)
W il 2016!» Editoriale (n° 52/2015)
In cerca di guai» Editoriale (n° 03/2016)
Visioni dal fondo n° 11/2016» Visioni dal fondo (n° 11/2016)

Claudio Bartolini

Codirettore della collana di cinema Bietti Heterotopia e direttore della rivista monografica quadrimestrale INLAND. Quaderni di cinema, è critico e redattore di Film Tv e collabora con il mensile Nocturno Cinema. Ha pubblicato i volumi Il gotico padano. Dialogo con Pupi Avati (Le Mani, 2010), Nero Avati. Visioni dal set (Le Mani, 2011), Thriller italiano in 100 film (Le Mani, 2011), Videocronenberg (Bietti, 2012), Macchie solari. Il cinema di Armando Crispino (Bloodbuster, 2013). Ha inoltre pubblicato saggi in numerose pubblicazioni collettive.


Claudio Bartolini

Codirettore della collana di cinema Bietti Heterotopia e direttore della rivista monografica quadrimestrale INLAND. Quaderni di cinema, è critico e redattore di Film Tv e collabora con il mensile Nocturno Cinema. Ha pubblicato i volumi Il gotico padano. Dialogo con Pupi Avati (Le Mani, 2010), Nero Avati. Visioni dal set (Le Mani, 2011), Thriller italiano in 100 film (Le Mani, 2011), Videocronenberg (Bietti, 2012), Macchie solari. Il cinema di Armando Crispino (Bloodbuster, 2013). Ha inoltre pubblicato saggi in numerose pubblicazioni collettive.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy