Terraferma di Emanuele Crialese - la recensione di FilmTv

La citazione

«Il motivo per cui Dio ci ha dato due orecchie e una bocca è per permetterci di ascoltare il doppio di quanto parliamo (Quincy Jones)»

scelta da
Emanuele Sacchi

cinerama
10359
servizi
4996
cineteca
3687
opinionisti
2470
serialminds
1277
locandine
1160
scanners
535
Recensione pubblicata su FilmTv 36/2011

Terraferma


Regia di Emanuele Crialese

«Una storia sospesa tra realtà e mito, raccontata con il linguaggio lieve e potente delle fiabe»: Emanuele Crialese confessa le ambizioni del suo quarto lungometraggio (in 14 anni), che poi altro non sono che i vestiti della sua originale cifra stilistica. Il risultato di Terraferma, diciamolo subito, non è all'altezza di Nuovomondo: il meraviglioso gioco tra onirico e reale, tra il cinema di Coppola e Tornatore da un lato e il Neorealismo estremo alla Terra trema viscontiana, è qui frenato da altre urgenze. O forse solo da una vena creativa leggermente in ribasso. Tuttavia, la forza dirompente delle immagini della cinepresa del regista romano di origini siciliane riesce a regalare a chi guarda più d'una emozione. Anche perché dove si concludeva il suo (a tutt'oggi) capolavoro, ovvero Respiro, comincia Terraferma, titolo provocatorio, antitesi a un chiaro sottotesto: mare largo. È lì che Crialese si muove meglio (difficile, nel cinema contemporaneo, trovare un "regista pesce" come lui), è lì che le onde del destino dei suoi film si infrangono inesorabilmente. E se in Respiro Grazia, nel finale, trovava aria per i suoi sogni proprio inabissandosi nei silenzi marini, in Terraferma è la macchina da presa ad averne immediatamente bisogno. D'altronde - ci dice da oltre tre lustri Crialese - tutti veniamo dal mare. Se il cinema non avesse la necessità di raccontare storie, Terraferma sarebbe un capolavoro. Perché le immagini che irradia bagnano i corpi e i pensieri come in una vacanza che non conosce la sua data di ritorno. E anche se Crialese tiene a sottolineare che il suo non è un film sulla tragedia dell'immigrazione, risulta difficile abbandonarsi (come in Respiro) ad altre suggestioni. Non a caso i suoi personaggi rimangono travolti dai drammi umani dei clandestini che raggiungono l'isola immaginaria dove Crialese ambienta il film (troppi i buchi e i conti narrativi che non tornano). E, parallelamente, proprio perché Crialese non è un regista del quotidiano ma un inventore di nuovocinema, memorabile è la sequenza notturna in cui un gruppo di africani nuota disperatamente per raggiungere la barca guidata da Filippo a fini turistici (una scena che pare uscita da La notte dei morti viventi di Romero). Filippo è lo stesso Pucillo che era in Nuovomondo: grazie alla baldanza temporale del cinema è riuscito davvero a tornare in Sicilia. È questa l'ultim'ora che molti (tra cui noi) auspicavano.

Terraferma (2011)
Titolo originale: Terraferma
Regia: Emanuele Crialese
Genere: Drammatico - Produzione: Italia/Francia - Durata: 88'
Cast: Donatella Finocchiaro, Filippo Pucillo, Mimmo Cuticchio, Beppe Fiorello, Tiziana Lodato, Martina Codecasa, Francesco Casisa, Timnit T., Filippo Luna

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Articoli consigliati


Voce ferma - Intervista a Donatella...» Interviste (n° 36/2011)

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy