The Aviator di Martin Scorsese - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Emanuele Sacchi dice che Distretto 13 - Le brigate della morte è il film da salvare oggi in TV.
Su 7 Gold alle ore 23:45.

State già seguendo su TIMVision la seconda stagione di Killing Eve ? Vi riproponiamo l'intervista doppia alle due attrici protagoniste realizzata per l'arrivo della prima stagione, l'anno scorso.

Remake, reboot, prequel, sequel. E degli adattamenti, non possiamo proprio fare a meno? L'opinione di Roy Menarini.

Michelle Yeoh è appena stata scelta da James Cameron per i tre sequel previsti di Avatar. Vi riproponiamo allora la locandina di Emanuela Martini scritta per il film del 2009.

Sulla seconda stagione abbiamo pareri discordi (cfr. il Perché sì / Perché no di FilmTv n° 16). Ma la prima stagione di The OA ci era piaciuta molto: la recensione di Giulio Sangiorgio.

La seconda stagione di Big Little Lies , che era nata come miniserie, uscirà a giugno ed è diretta non più da Jean-Marc Vallée ma da una regista americana di cui abbiamo parlato spesso nelle nostre pagine. Questo è il primo film suo che abbiamo recensito nella rubrica Scanners.

La citazione

«Quando chiesero a Marx cos’è la dittatura del proletariato rispose: ”la Comune di Parigi, perché ha abolito l’esercito e la polizia”. Poi vennero i Soviet e Solidarnosc. Questo è il movimento. Non nacquero per caso. (C.L.R. James)»

cinerama
8577
servizi
3051
cineteca
2784
opinionisti
1885
locandine
1023
serialminds
809
scanners
486
Recensione pubblicata su FilmTv 05/2005

The Aviator


Regia di Martin Scorsese

Dalle acrobatiche ricostruzioni delle sequenze aeree di Gli angeli dell'inferno al caos lussureggiante delle première hollywoodiane e delle lunghe notti al Coconut Grove; dal colore desaturato del cinema anni '30 alla sfacciataggine del technicolor dei tardi anni '40; dal piglio secco delle udienze governative contro Howard Hughes al fuoco e al gelo che si susseguono nell'inferno privato del miliardario. The Aviator di Martin Scorsese ci trascina attraverso venti e più anni della mirabile invenzione alla quale Hughes contribuì (più come produttore che come regista), rinnovandosi costantemente nello stile delle riprese, nelle tonalità cromatiche, persino nell'impostazione della recitazione. Ci sono dentro, non solo Katharine Hepburn, Ava Gardner, Errol Flynn, Jean Harlow, Louis B. Mayer e naturalmente lui, Hughes (un Leonardo DiCaprio che meriterebbe davvero l'Oscar), ma anche la commedia sofisticata e George Cukor, l'overlapping dialogue e Howard Hawks, il noir e Jacques Tourneur, la profondità di campo e Orson Welles, il mélo e Vincente Minnelli (per citare solo i riferimenti più visibili, la partita a golf, i battibecchi al ristorante e il volo notturno con la Hepburn, le ombre che si addensano sulle inquadrature nella parte centrale del film, l'autodifesa e il gigantismo di Hughes, l'apertura e la chiusura del film, che riportano immediatamente alla memoria il "Rosebud" wellesiano). In pratica, attraverso la storia di Howard Hughes e delle sue due passioni (gli aerei e il cinema), delle sue sfide ininterrotte e dei suoi amori troncati, delle sue ossessioni e delle sue fobie (i germi, il contagio), Scorsese tratteggia uno straordinario percorso in una delle sue personali ossessioni, quella che probabilmente gli ha salvato la vita, il cinema (americano classico). Un atto d'amore e di strabiliante perizia tecnica; talmente tanta che il gelo della ricostruzione filologica spegne le fiamme delle passioni. A differenza di qualsiasi altro film di Scorsese (anche su commissione, come Il colore dei soldi, anche in parte sbagliato e rimaneggiato, come Gangs of New York), The Aviator non ha cuore, non ha dolore. Ha una stringente e inattaccabile logica scorsesiana (l'inevitabile crollo dell'individuo davanti al sistema) e una regia mirabile. Ma l'energia nervosa su cui si costruisce e che trasmette, l'adrenalina che divora la vita di Hughes, sono del tutto cerebrali, non riecheggiano nella pancia e nell'anima. E dall'autore più fiammeggiante del cinema contemporaneo vogliamo di più, vogliamo che attraverso gli occhi ci penetri nella pelle.

The Aviator (2004)
Titolo originale: The Aviator
Regia: Martin Scorsese
Genere: Biografico - Produzione: Usa/Giappone/Germania - Durata: 170'
Cast: Leonardo DiCaprio, Cate Blanchett, Kate Beckinsale, John C. Reilly, Alec Baldwin

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


The Aviator» Cineteca (n° 25/2015)
The Aviator» Cineteca (n° 46/2017)
The Aviator» Cineteca (n° 45/2018)

Emanuela Martini

Capelli rossi, lettrice forte, brutto carattere (dicono). La prima volta mi hanno portata al cinema che avevo tre anni. Ci stavo dalle 2 alle 8, orario continuato. Praticamente, non ne sono più uscita: adesso ci sto anche dalle 8 alle 20, e a volte pesa. Ma la passione resta e non mi annoio (quasi mai). Onnivora: mi piace tutto (quando mi piace). Autori di culto: Michael Powell e Robert Altman. Serie: Twin Peaks e I Soprano forever. Rimpiango il cinema americano anni ’70 e il metabolismo dei trent’anni. Vivo in un disordine "escheriano", tra libri, oggetti, dvd, foto, abiti e scarpe, con Lucrezia, gatta petulante di 19 anni. Credo allo Stregatto (quello di Alice): qui in giro aleggia il sorriso di Blimp, Sibella e Oreste.


Emanuela Martini

Capelli rossi, lettrice forte, brutto carattere (dicono). La prima volta mi hanno portata al cinema che avevo tre anni. Ci stavo dalle 2 alle 8, orario continuato. Praticamente, non ne sono più uscita: adesso ci sto anche dalle 8 alle 20, e a volte pesa. Ma la passione resta e non mi annoio (quasi mai). Onnivora: mi piace tutto (quando mi piace). Autori di culto: Michael Powell e Robert Altman. Serie: Twin Peaks e I Soprano forever. Rimpiango il cinema americano anni ’70 e il metabolismo dei trent’anni. Vivo in un disordine "escheriano", tra libri, oggetti, dvd, foto, abiti e scarpe, con Lucrezia, gatta petulante di 19 anni. Credo allo Stregatto (quello di Alice): qui in giro aleggia il sorriso di Blimp, Sibella e Oreste.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy