RoboCop di Paul Verhoeven

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che I cento cavalieri è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 18:10.

Hirokazu Kore-eda torna a Venezia dopo due anni: il suo La vérité aprirà infatti #Venezia76. Il film presentato in concorso a Venezia 74 era stato The Third Murder, tuttora inedito in Italia, fatta eccezione per una proiezione allo Spazio Oberdan di Milano del mese di febbraio 2019. Ne riproponiamo qui la recensione.

Nel 2011, in occasione dell’uscita in sala del film di Jean-Jacques Annaud Il principe del deserto , con Antonio Banderas e Tahar Rahim, avevamo voluto ripercorrere la storia del Sahara al cinema. Vi riproponiamo oggi questo percorso.

Il cibo, la tradizione, il vino... ma la birra? Piccolo excursus su una bevanda popolare, ma non così tanto al cinema.

Al cinema da giovani è una raccolta di scritti di Maurizio Ponzi, appena uscita, da cui abbiamo tratto l'intervista che Ponzi fece a Jean-Pierre Melville negli anni '60, pubblicata su FilmTv n° 33. Per accompagnare quella lettura vi proponiamo il testo di Emanuela Martini su Lo spione .

Il 21 agosto arriva su Sky Atlantic la settima e ultima stagione di Veep . Riprendiamo il filo con la recensione della stagione 6.

La citazione

«Tutti i travestimenti del mondo non coprono la puzza di marcio. (Zatōichi)»

scelta da
Nicola Cupperi

cinerama
8787
servizi
3215
cineteca
2884
opinionisti
1971
locandine
1040
serialminds
850
scanners
494
Pubblicato su FilmTv 42/2015

RoboCop


Regia di Paul Verhoeven

Drogati, maniaci, stupratori e assassini imperversano in una Detroit prossima ventura. Un automa costruito per essere invincibile tutore dell’ordine fallisce la prova. Utilizzando il corpo mutilato dell’agente Murphy, ridotto in fin di vita dalla più micidiale banda della città, viene costruito un altro robot dalle fattezze antropomorfe. Ma la macchina conserva qualche sottile filamento di memoria e quindi anche la capacità di emozionarsi. Non c’è più scampo per i malvagi, mentre il sentimento riaffiora nella mente di Robocop. Il corpo dell’agente Alex Murphy viene martirizzato da proiettili di armi a ripetizione. Il corpo esanime e crivellato di Murphy risorge sotto forma di una creatura ibrida, la cui coscienza è stretta nella morsa artificiale di un’armatura che la priva del naturale respiro vitale. Biologicamente a metà tra carne e tecnologia, questo eroe della (post)modernità è il simbolo di tutto ciò che siamo stati, siamo e probabilmente diventeremo: residuati di un’umanità i cui connotati sono sempre più latenti e meno manifesti. Ciò non bastasse è anche il prototipo del nuovo poliziotto modello da imporre in via pubblicitaria sul mercato della sicurezza urbana, in un futuro/presente dove tutto è commercio, comunicazione instancabile oltre la morale. Verhoeven, intorno al suo personaggio forse più tragico, costruisce un mondo impersonale, chiuso sotto un cielo d’acciaio che sembra comunicare tutta l’impotenza di una nuova razza, nella quale il più umano tra gli uomini è un cyborg. Triste destino. 

Salvato in Cineteca da Claudio Bartolini
Messa in onda: 30/10/2015 - 21:10 - Rai4
RoboCop (1987)
Titolo originale: Robocop
Regia: Paul Verhoeven
Genere: Fantascienza - Produzione: USA - Durata: 101'
Cast: Peter Weller, Nancy Allen, Daniel O'Herlihy, Ronny Cox

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Articoli consigliati


Robocop» Cineteca (n° 28/2012)
Cuore e acciaio» Servizi (n° 05/2014)
RoboCop» Cineteca (n° 27/2018)

Claudio Bartolini

Codirettore della collana di cinema Bietti Heterotopia e direttore della rivista monografica quadrimestrale INLAND. Quaderni di cinema, è critico e redattore di Film Tv e collabora con il mensile Nocturno Cinema. Ha pubblicato i volumi Il gotico padano. Dialogo con Pupi Avati (Le Mani, 2010), Nero Avati. Visioni dal set (Le Mani, 2011), Thriller italiano in 100 film (Le Mani, 2011), Videocronenberg (Bietti, 2012), Macchie solari. Il cinema di Armando Crispino (Bloodbuster, 2013). Ha inoltre pubblicato saggi in numerose pubblicazioni collettive.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy