La cosa di John Carpenter

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che L'aquila solitaria è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 07:40.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Alice Harford: I do love you and you know there is something very important we need to do as soon as possible. - Dr. Bill Harford: What's that? - Alice Harford: Fuck.»

scelta da
Fabrizio Tassi

cinerama
8222
cineteca
2996
servizi
2802
opinionisti
1759
locandine
997
serialminds
747
scanners
473
Pubblicato su FilmTv 42/2015

La cosa


Regia di John Carpenter

La tranquillità degli scienziati di un centro di ricerche dell’Alaska viene minata da un’equipe norvegese che cerca in tutti i modi, apparentemente senza alcuna giustificazione, di abbattere un cane lupo. I ricercatori americani raccolgono l’animale e lo mettono nel canile mentre due di loro si recano nella base dei colleghi scandinavi, trovandola abbandonata e piena di cadaveri. Inoltre, sul posto scoprono i resti di quello che sembra un disco volante. In breve tempo, il cane viene posseduto da una strana forza che lo trasforma in una belva feroce. Il panico si diffonde nella base. Uno dei più celebrati film di John Carpenter, uno dei capisaldi teorici dello splatter (il teratomorfismo come territorio di sperimentazione visiva). Ma anche una grande opera di fantascienza, genere che è l’altra faccia del pianeta western («Spazio, ultima frontiera»), con una minaccia “dal cielo” che costringe l’avamposto degli uomini perduti alla più classica situazione nella dialettica cowboyindiani: l’assedio. Con una differenza: gli alieni/sioux/brigate della morte non cavalcano intorno alla base immersa nei ghiacci lanciando frecce e saette al laser. La minaccia è una piaga che viene da dentro. L’assedio è quello delle identità, con un nemico che può prendere le sembianze del tuo collega più vicino e spappolarti in tre secondi. Finale cupissimo, carpenteriano DOC, nonostante il film sia il rifacimento di La “Cosa” da un altro mondo firmato da Christian Nyby nel 1951, ma in realtà ampiamente “supervisionato” da Howard Hawks.

Salvato in Cineteca da Mauro Gervasini
Messa in onda: 31/10/2015 - 10:00 - IRIS
La cosa (1982)
Titolo originale: The Thing
Regia: John Carpenter
Genere: Fantascienza - Produzione: USA - Durata: 108'
Cast: T.K. Carter, Kurt Russell, Wilford Brimley, David Clennon

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Articoli consigliati


Prigionieri di un libro - Intervista...» Interviste (n° 04/2016)
Otto bastardi per un posto all'...» Interviste (n° 05/2016)
La cosa» Cineteca (n° 34/2012)
Speciale Lost Highway Carpenter -...» Speciale (n° 26/2018)

Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.


Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy