Starship Troopers - Fanteria dello spazio di Paul Verhoeven

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Adriano Aiello dice che Nikita è il film da salvare oggi in TV.
Su Cielo alle ore 21:15.

Dal primo luglio sarà interamente disponibile su TIMVision l’ottima serie crime western che Graham Yost ha costruito attorno al personaggio inventato dallo scrittore Elmore Leonard. Vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

Quest'anno la regista argentina Lucrecia Martel sarà la presidentessa di giuria alla Mostra del cinema di Venezia. Ne approfittiamo per riproporre la recensione di Zama , suo capolavoro.

Una delle sezioni del Cinema Ritrovato si chiama Le serate in Piazza Maggiore: proiezioni di capolavori della storia del cinema su uno schermo gigante. Quest'anno tra i film proiettati ci sarà il capolavoro di Francis Ford Coppola, di cui vi riproponiamo la locandina di Mariuccia Ciotta.

Dopo l’elezione di Donald Trump del 2016, Mauro Gervasini realizza una ricognizione sui film e i cambiamenti a Hollywood durante i due mandati del primo presidente americano nero, Barack Obama. Vi riproponiamo le sue riflessioni.

Siamo gli Oscar, e per rispondere a #OscarsSoWhite ora sì che ci preoccupiamo di dare visibilità agli artisti Neri e Donna! Ma in modo meccanico, superficiale e tutto sommato dannoso. Un'analisi di Ilaria Feole del 2018, pienamente attuale.

La citazione

«Alice Harford: I do love you and you know there is something very important we need to do as soon as possible. - Dr. Bill Harford: What's that? - Alice Harford: Fuck.»

scelta da
Fabrizio Tassi

cinerama
8717
servizi
3140
cineteca
2841
opinionisti
1930
locandine
1033
serialminds
833
scanners
491
Pubblicato su FilmTv 48/2017

Starship Troopers - Fanteria dello spazio


Regia di Paul Verhoeven

In un futuro non lontano, il nostro pianeta combatte una terribile battaglia contro una razza aliena di insetti giganti, rispondendo all’invasione di un gruppo di mormoni. Johnny Rico, terminato il liceo, decide di arruolar si nella fanteria dello spazio. Pura gioia del doppio segno. Un inno al militarismo, una cavalcata esaltante tra Barbie & barbarie, un elogio all’imperialismo, alla propaganda esclamativa, a un mondo di bellissimi modelli, decerebrati di plastica, armati e pronti a morire nel nome della patria. Tutto questo, e il suo esatto opposto, punto per punto: una parodia ghignante, una satira folle dello spettacolo, della retorica, del sogno, del cinema americano. Insieme. Versione acida e caricaturale della fantascienza anni 50, non è solo un cocainico canto di guerra, e non è nemmeno, semplicemente, il suo carnevale. Pensateci: questa società militare che rappresenta lo straniero come un insetto ripugnante si fonda sulla tabula rasa di ogni discriminazione, etnica o sessuale che sia. E garantisce a chi non è cresciuto nell’esercito, a chi non crede nella fede laica della guerra, una vita agiata, borghese e serena. Nulla è semplice, tutto è vertigine provocatoria. Qui, tra il serio e il suo faceto, si mette lo spettatore di fronte all’ambiguità del desiderio cinematografico, agli elementi del cinema hollywoodiano che ci ammaliano, alienano, eccitano: il bisogno ottuso di movimento action, la bramosia di corpi perfetti, l’ebbrezza del sadismo, il fascismo del tifo manicheo. Starship Troopers, dunque, è il Funny Games di Paul Verhoeven.

Salvato in Cineteca da Giulio Sangiorgio
Messa in onda: 04/12/2017 - 23:10 - Paramount Channel
Starship Troopers - Fanteria dello spazio (1997)
Titolo originale: Starship Troopers
Regia: Paul Verhoeven
Genere: Fantascienza - Produzione: USA - Durata: 128'
Cast: Casper Van Dien, Denise Richards, Michael Ironside, Dina Meyer

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Sfoglia lo speciale



Articoli consigliati


Starship Troopers. Fanteria dello...» Cineteca (n° 18/2012)

Giulio Sangiorgio

Nasce su quel ramo del lago di Como e, quando non guarda, scrive. Gli piace il cinema comico - Buster Keaton, Jerry Lewis, Charlie Bowers, Pierre Etaix - quindi non può che diffidare della facile ironia. Pretende che i film sfidino le convinzioni del suo sguardo, per questo preferisce, sempre, ciò che eccede. Lo guida Chris Marker, piange Alain Resnais e, ingenuamente, crede che non esista correlazione tra l'r moscia e la voglia costante di cinema francese. Dirige Film Tv, sceglie film per Filmmaker, edita libri per Bietti Heterotopia. Non è in grado di stendere un suo profilo, ma sa che l'anagramma del suo nome è Luigio Nasogrigio. «E di me dico "egli"; – uno che non mi riguarda». Solo per ora, però.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy