Il seme della follia di John Carpenter

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che Diabolicamente tua è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 16:00.

Ma quanto era comico Alfred Hitchcock? Roy Menarini racconta. Di aule universitarie, cadute nel vuoto, vendette "trasversali".

Arrivano in sala Ilegitim e Fixeur di Adrian Sitaru, espressione di un cinema rumeno a cui spesso abbiamo dato spazio. Un esempio? Cristi Puiu.

Noah Hawley debutterà alla regia. Cosa ci possiamo aspettare? Intanto vi riproponiamo la recensione di una delle sue creazioni migliori.

Dal 22 marzo nelle sale Pacific Rim 2 - La rivolta , seguito di Pacific Rim 3D di Guillermo Del Toro che riportò in auge il genere dei “robottoni”. Ecco una piccola galleria dei più celebri e indimenticabili automi animati del piccolo schermo...

16 marzo 1978. Ricordiamo Aldo Moro con Buongiorno, notte .

La citazione

«Se una rana avesse le ali non sbatterebbe tante volte il culo per terra (John McCabe)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
7822
cineteca
2504
servizi
2501
opinionisti
1616
locandine
972
serialminds
688
scanners
463
Pubblicato su FilmTv 11/2015

Il seme della follia


Regia di John Carpenter

Rinchiuso in manicomio dopo un’acuta crisi di panico, un uomo racconta al medico di essere John Trent, investigatore dell’assicurazione incaricato di ritrovare Sutter Cane, autore di bestseller horror scomparso. Trent lo ha cercato a Hobb’s End, un paese non segnato sulle carte in cui Cane ha ambientato il precedente romanzo. Ma da lì è tornato in preda alla follia, in seguito a un viaggio che si è consumato ben oltre i confini del mondo razionale come Trent lo conosceva. Tra i pochi registi a non deludere mai, John Carpenter è stato tra gli ultimi baluardo del cinema di genere “d’autore”. Il seme della follia (ma quanto suona più efficace il titolo originale, In the Mouth of Madness) è una delle sue opere più belle e radicali, una riflessione rivolta al concetto di “finzione” risolta individuando un mondo infernale nascosto dietro l’invenzione letteraria. Come se i libri di Lovecraft, in pratica, descrivessero una realtà e non una mitologia (quella di Chtulu). Persino la riflessione kinghiana sullo scrittore e la sua “dissociazione” poetica viene risolta in maniera visionaria: il creatore di mondi, colui che se li inventa e poi li evoca sulla pagina scritta, diventa un sacerdote assoluto dell’immaginario. Sceneggiatura di Michael De Luca, uno dei boss della potente New Line, un tempo paladino degli horror di serie B e ormai appiattito sui gusti delle major. Alle musiche, come quasi sempre, Carpenter confeziona partiture al sintetizzatore che ci fanno tremare ancor prima che inizino a scorrere le immagini.

Salvato in Cineteca da Mauro Gervasini
Messa in onda: 27/03/2015 - 08:30 - IRIS
Il seme della follia (1994)
Titolo originale: In the Mouth of Madness
Regia: John Carpenter
Genere: Horror - Produzione: USA - Durata: 94'
Cast: Sam Neill, Julie Carmen, Jürgen Prochnow, Charlton Heston

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo
Articolo inserito in Speciale John Carpenter

Articoli consigliati


I tenebrosi ultimi Dèi» Locandine (n° 03/2018)

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy