Il seme della follia di John Carpenter

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che Acid - Delirio dei sensi è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 02:50.

Quanto vale l’altra metà del cielo, sul grande schermo? Quanto potere hanno le registe e le maestranze al femminile a Hollywood? Uno sguardo alle cifre e ai nomi, resistenti o emergenti, del gentil sesso al cinema.

Tempi duri per i grandi della nuova Hollywood. Quando essere un autore di culto tipo Brian De Palma non basta come garanzia per partire con una nuova produzione. Un'analisi di Giulia D'Agnolo Vallan.

Film di culto, pilastro della storia del cinema, capolavoro assoluto. E... Mel Gibson si prepara a rifarlo. Con un ricco cast, come vi raccontiamo nella prossima newsletter. Rileggiamo le parole di Gianni Amelio.

Arriva il 31 maggio su Prime Video una delle nuove serie più attese dell'anno. Si chiama Good Omens, ed è tratta dal romanzo di Neil Gaiman e Terry Pratchett Buona Apocalisse a tutti! Impossibile non ripensare a American Gods , egualmente tratta da un romanzo dello scrittore inglese.

Tra i film che abbiamo già visto dell'edizione 2019 del Festival di Cannes c'è La Gomera di Corneliu Porumboiu, che non ci ha convinto. Vi invitiamo a confrontare le parole di Roberto Manassero con quelle di Sangiorgio, che con questa recensione, qualche anno fa, nella rubrica Scanners, presentava quest'autore della Nuova onda rumena.

La citazione

«Certainly it constitutes bad news when the people who agree with you are buggier than batshit.»

scelta da
Lorenza Negri

cinerama
8659
servizi
3093
cineteca
2811
opinionisti
1906
locandine
1028
serialminds
820
scanners
488
Pubblicato su FilmTv 11/2015

Il seme della follia


Regia di John Carpenter

Rinchiuso in manicomio dopo un’acuta crisi di panico, un uomo racconta al medico di essere John Trent, investigatore dell’assicurazione incaricato di ritrovare Sutter Cane, autore di bestseller horror scomparso. Trent lo ha cercato a Hobb’s End, un paese non segnato sulle carte in cui Cane ha ambientato il precedente romanzo. Ma da lì è tornato in preda alla follia, in seguito a un viaggio che si è consumato ben oltre i confini del mondo razionale come Trent lo conosceva. Tra i pochi registi a non deludere mai, John Carpenter è stato tra gli ultimi baluardo del cinema di genere “d’autore”. Il seme della follia (ma quanto suona più efficace il titolo originale, In the Mouth of Madness) è una delle sue opere più belle e radicali, una riflessione rivolta al concetto di “finzione” risolta individuando un mondo infernale nascosto dietro l’invenzione letteraria. Come se i libri di Lovecraft, in pratica, descrivessero una realtà e non una mitologia (quella di Chtulu). Persino la riflessione kinghiana sullo scrittore e la sua “dissociazione” poetica viene risolta in maniera visionaria: il creatore di mondi, colui che se li inventa e poi li evoca sulla pagina scritta, diventa un sacerdote assoluto dell’immaginario. Sceneggiatura di Michael De Luca, uno dei boss della potente New Line, un tempo paladino degli horror di serie B e ormai appiattito sui gusti delle major. Alle musiche, come quasi sempre, Carpenter confeziona partiture al sintetizzatore che ci fanno tremare ancor prima che inizino a scorrere le immagini.

Salvato in Cineteca da Mauro Gervasini
Messa in onda: 27/03/2015 - 08:30 - IRIS
Il seme della follia (1994)
Titolo originale: In the Mouth of Madness
Regia: John Carpenter
Genere: Horror - Produzione: USA - Durata: 94'
Cast: Sam Neill, Julie Carmen, Jürgen Prochnow, Charlton Heston

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Articoli consigliati


I tenebrosi ultimi Dèi» Locandine (n° 03/2018)
Speciale Lost Highway Carpenter -...» Speciale (n° 25/2018)

Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.


Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy