Black Book di Paul Verhoeven

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che L'aquila solitaria è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 07:40.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«La televisione è meglio del cinema. Sai sempre dov'è la toilette. (Dino Risi)»

scelta da
Pedro Armocida

cinerama
8222
cineteca
2996
servizi
2802
opinionisti
1759
locandine
997
serialminds
747
scanners
473
Pubblicato su FilmTv 48/2010

Black Book


Regia di Paul Verhoeven

In molti non perdonano a Paul Verhoeven spudorata ed estrema volontà di esagerare. Sempre trasudante carnalità, fieramente plastico, il regista di Robocop è evidentemente cresciuto negli anni 80. Eppure la sua estetica - nonostante il pasticciaccio brutto Showgirl - va di pari passo con la sua etica. Gli hanno dato del fascista, del pervertito, del sadico. Ipocrisia: c’è sempre qualcosa di profondamente femminile e femminista nelle sue eroine fatali. Vedere Black Book per credere. Mentre la dolce Rachel si trasforma (ma solo esternamente) nella fredda spia Ellis, tutte le maschere intorno a lei crollano, mostrandoci come non fossero mai esistite. C’è solo la natura umana, il basic instinct fomentato dagli orrori della guerra. Si può essere ebrei e carogne, nazisti e innamorati. È l’ipocrisia il male del mondo: la scelta, più semplice, di scambiare il personaggio per la persona. Rachel - una donna - guarda oltre e vede la verità. Perché l’orrore non è “semplicemente” l’Olocausto, ma la devastazione di ogni ragione umana.

Salvato in Cineteca da Sara Sagrati
Messa in onda: 11/12/2010 - 21:05 - IRIS
Black Book (2006)
Titolo originale: Zwartboek
Regia: Paul Verhoeven
Genere: Spionaggio - Produzione: Olanda/Germania/Gran Bretagna - Durata: 135'
Cast: Carice van Houten, Sebastian Koch, Thom Hoffman, Halina Reijn, Derek de Lint

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Sfoglia lo speciale



Articoli consigliati


Black Book» Cinerama (n° 06/2007)

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy