Grosso guaio a Chinatown di John Carpenter

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che Diabolicamente tua è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 16:00.

Ma quanto era comico Alfred Hitchcock? Roy Menarini racconta. Di aule universitarie, cadute nel vuoto, vendette "trasversali".

Arrivano in sala Ilegitim e Fixeur di Adrian Sitaru, espressione di un cinema rumeno a cui spesso abbiamo dato spazio. Un esempio? Cristi Puiu.

Noah Hawley debutterà alla regia. Cosa ci possiamo aspettare? Intanto vi riproponiamo la recensione di una delle sue creazioni migliori.

Dal 22 marzo nelle sale Pacific Rim 2 - La rivolta , seguito di Pacific Rim 3D di Guillermo Del Toro che riportò in auge il genere dei “robottoni”. Ecco una piccola galleria dei più celebri e indimenticabili automi animati del piccolo schermo...

16 marzo 1978. Ricordiamo Aldo Moro con Buongiorno, notte .

La citazione

«Scrivere è anche non parlare (Marguerite Duras)»

scelta da
Marianna Cappi

cinerama
7822
cineteca
2504
servizi
2501
opinionisti
1616
locandine
972
serialminds
688
scanners
463
Pubblicato su FilmTv 19/2017

Grosso guaio a Chinatown


Regia di John Carpenter

Nella Chinatown più sommersa di San Francisco, per ritrovare una cinese dagli occhi verdi il camionista Jack Burton deve combattere suo malgrado contro forze soprannaturali e stregoni. Fra la fantascienza umanista del magnifico Starman (1984) e gli orrori urbani del capolavoro Il signore del male (1987), Grosso guaio a Chinatown può sembrare una “vacanza”. Alla faccia delle ferie! Il pastiche postmoderno secondo Carpenter: l’amore per il cinema quale “arte creativa” e incanto si rivela in purezza, nella costruzione di un mondo dove la meraviglia detta le regole. Ma non c’è nessuna esibizione, nessun vanto, perché Carpenter è sempre un passo indietro all’espressione accademica, sempre lontano dall’ammiccamento. Peccato sia stato un flop al botteghino, perché avrebbe meritato quanto e più di I predatori dell’arca perduta. Gli anni però hanno fatto il loro dovere: è diventato un cult ed uno dei titoli più amati dell’intera filmografia carpenteriana, capitolo fondamentale di un immaginario autoriale che negli anni 80 ha trovato il suo zenit, capace di articolare la contemporaneità attraverso il metodo della serie B e uno sguardo in anticipo sui tempi. Rivedetelo oggi, e lo troverete ancora irresistibile, travolgente, stupefacente nelle invenzioni e nel ritmo, una gioia per gli occhi piena di creature, battaglie, fulmini, laser, voli ed esplosioni, cunicoli e passaggi segreti. Un film che fa bene soprattutto allo spirito della cinefilia, la lanterna magica di uno sguardo di cui ormai s’è persa la matrice.

Salvato in Gli amori che restano da Pier Maria Bocchi
Messa in onda: 19/05/2017 - 21:20 - RaiMovie
Grosso guaio a Chinatown (1986)
Titolo originale: Big Trouble in Little China
Regia: John Carpenter
Genere: Fantasy - Produzione: USA - Durata: 99'
Cast: Kurt Russell, Kim Cattrall, Dennis Dun, James Hong, Victor Wong

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo
Articolo inserito in Speciale John Carpenter

Articoli consigliati


Grosso guaio a Chinatown» Cineteca (n° 02/2011)
Grosso guaio a Chinatown» Cineteca (n° 36/2017)
Grosso guaio a Chinatown» Cineteca (n° 01/2018)

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy