Grosso guaio a Chinatown di John Carpenter

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che L'aquila solitaria è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 07:40.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Un ingenuo e stupido film americano può insegnarci qualcosa “per mezzo” della sua scempiaggine. Ma non ho imparato mai niente da uno scaltrito film inglese. (Ludwig Wittgenstein)»

cinerama
8222
cineteca
2996
servizi
2802
opinionisti
1759
locandine
997
serialminds
747
scanners
473
Pubblicato su FilmTv 19/2017

Grosso guaio a Chinatown


Regia di John Carpenter

Nella Chinatown più sommersa di San Francisco, per ritrovare una cinese dagli occhi verdi il camionista Jack Burton deve combattere suo malgrado contro forze soprannaturali e stregoni. Fra la fantascienza umanista del magnifico Starman (1984) e gli orrori urbani del capolavoro Il signore del male (1987), Grosso guaio a Chinatown può sembrare una “vacanza”. Alla faccia delle ferie! Il pastiche postmoderno secondo Carpenter: l’amore per il cinema quale “arte creativa” e incanto si rivela in purezza, nella costruzione di un mondo dove la meraviglia detta le regole. Ma non c’è nessuna esibizione, nessun vanto, perché Carpenter è sempre un passo indietro all’espressione accademica, sempre lontano dall’ammiccamento. Peccato sia stato un flop al botteghino, perché avrebbe meritato quanto e più di I predatori dell’arca perduta. Gli anni però hanno fatto il loro dovere: è diventato un cult ed uno dei titoli più amati dell’intera filmografia carpenteriana, capitolo fondamentale di un immaginario autoriale che negli anni 80 ha trovato il suo zenit, capace di articolare la contemporaneità attraverso il metodo della serie B e uno sguardo in anticipo sui tempi. Rivedetelo oggi, e lo troverete ancora irresistibile, travolgente, stupefacente nelle invenzioni e nel ritmo, una gioia per gli occhi piena di creature, battaglie, fulmini, laser, voli ed esplosioni, cunicoli e passaggi segreti. Un film che fa bene soprattutto allo spirito della cinefilia, la lanterna magica di uno sguardo di cui ormai s’è persa la matrice.

Salvato in Gli amori che restano da Pier Maria Bocchi
Messa in onda: 19/05/2017 - 21:20 - RaiMovie
Grosso guaio a Chinatown (1986)
Titolo originale: Big Trouble in Little China
Regia: John Carpenter
Genere: Fantasy - Produzione: USA - Durata: 99'
Cast: Kurt Russell, Kim Cattrall, Dennis Dun, James Hong, Victor Wong

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Articoli consigliati


Grosso guaio a Chinatown» Cineteca (n° 02/2011)
Grosso guaio a Chinatown» Cineteca (n° 36/2017)
Grosso guaio a Chinatown» Cineteca (n° 01/2018)
Speciale Lost Highway Carpenter -...» Speciale (n° 26/2018)

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy