Basic Instinct di Paul Verhoeven

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che L'aquila solitaria è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 07:40.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Solo chi lascia il labirinto può essere felice, ma solo chi è felice può uscirne (Michael Ende - Lo specchio nello specchio)»

cinerama
8222
cineteca
2996
servizi
2802
opinionisti
1759
locandine
997
serialminds
747
scanners
473
Pubblicato su FilmTv 37/2015

Basic Instinct


Regia di Paul Verhoeven

Il detective Nick Curran indaga su un omicidio compiuto con un punteruolo da ghiaccio. Principale sospettata è Catherine Tramell, una scrittrice di successo disibinita, promiscua, bisessuale. Tra i due nasce anche una contorta relazione, che si complica a causa della presenza di Beth, una psicologa del Distretto legata a Nick. Tracciare linee oblique, ammaliare con quel che vorremmo respingere. Sedurci con l’acume manipolatorio di Catherine, la mantide assassina, con quell’accavallamento di gambe che non nasconde nulla, con quel linguaggio secco («Conosceva il defunto?» «Sì, mi piaceva scoparlo») che brutalizza il mistero di ogni femme fatale precedente. Catherine Tramell s’emancipa da tutte le figure femminili conosciute da Hollywood, le indossa per spogliarle, usa e abusa delle logiche dello sguardo maschile che le hanno prodotte, definite, sottomesse. Gioca con il cinema e il suo desiderio, un desiderio che, da sempre, è maschile. Lei lo tratta come se fosse pateticamente già dato, gli toglie il respiro, lo sfinisce in un loop ottuso di eros & thanatos, in un film che si risolve in una sciocca girandola hitcockiana di donne che vissero due volte: e lei, tutte quelle donne immaginate dal maschio, le vuole solo umiliare. Film misogino solo perché odia le donne pensate dall’uomo, Basic Instinct non è solo un fumettone noir di prurigine e gioia del depistaggio (non sono né la Stone né il suo doppio a interpretare l’assassina nella prima scena, ma un’altra attrice ancora): è una mascherata liberatoria. Al - e per il - femminile. 

Salvato in Cineteca da Giulio Sangiorgio
Messa in onda: 20/09/2015 - 21:00 - IRIS
Basic Instinct (1992)
Titolo originale: Basic Instinct
Regia: Paul Verhoeven
Genere: Thriller - Produzione: USA - Durata: 123'
Cast: Michael Douglas, Sharon Stone, George Dzundza, Jeanne Tripplehorn, Dorothy Malone, Stephen Tobolowsky

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Sfoglia lo speciale



Giulio Sangiorgio

Nasce su quel ramo del lago di Como e, quando non guarda, scrive. Gli piace il cinema comico - Buster Keaton, Jerry Lewis, Charlie Bowers, Pierre Etaix - quindi non può che diffidare della facile ironia. Pretende che i film sfidino le convinzioni del suo sguardo, per questo preferisce, sempre, ciò che eccede. Lo guida Chris Marker, piange Alain Resnais e, ingenuamente, crede che non esista correlazione tra l'r moscia e la voglia costante di cinema francese. Dirige Film Tv, sceglie film per Filmmaker, edita libri per Bietti Heterotopia. Non è in grado di stendere un suo profilo, ma sa che l'anagramma del suo nome è Luigio Nasogrigio. «E di me dico "egli"; – uno che non mi riguarda». Solo per ora, però.


Giulio Sangiorgio

Nasce su quel ramo del lago di Como e, quando non guarda, scrive. Gli piace il cinema comico - Buster Keaton, Jerry Lewis, Charlie Bowers, Pierre Etaix - quindi non può che diffidare della facile ironia. Pretende che i film sfidino le convinzioni del suo sguardo, per questo preferisce, sempre, ciò che eccede. Lo guida Chris Marker, piange Alain Resnais e, ingenuamente, crede che non esista correlazione tra l'r moscia e la voglia costante di cinema francese. Dirige Film Tv, sceglie film per Filmmaker, edita libri per Bietti Heterotopia. Non è in grado di stendere un suo profilo, ma sa che l'anagramma del suo nome è Luigio Nasogrigio. «E di me dico "egli"; – uno che non mi riguarda». Solo per ora, però.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy