The Hurt Locker di Kathryn Bigelow

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Giulio Sangiorgio dice che Io e te è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 03:00.

Cinema e potere, un rapporto intricato e complesso. Ve ne parliamo su FilmTv n° 50 in uno speciale. Qui trovate la recensione della prima stagione di The Crown​, una delle serie citate nello speciale.

Questo articolo è stato scritto dopo la strage al Bataclan di Parigi, nel novembre 2015. Lo riproponiamo dedicandolo a Johnny Hallyday, scomparso il 6 dicembre scorso a 74 anni, e alla sua idea di rock...

Sarà proiettata al #TFF35 la serie d'autore Tokyo Vampire Hotel , ma Sion Sono è un habitué della rubrica Scanners. Vi proponiamo Himizu e vi consigliamo di scoprire tutti gli altri inediti.

Mentre Sky Atlantic HD trasmette la terza stagione di Gomorra - La serie, riproponiamo la riflessione che il giornalista-scrittore fece in esclusiva per Film TV sull’importanza di una fiction televisiva che a trent'anni dalla prima Piovra ha di nuovo il coraggio di raccontare la criminalità organizzata. Un “sistema” che anche il suo libro ZeroZeroZero, a sua volta destinato a ispirare un'altra serie tv diretta da Stefano Sollima, ha saputo descrivere nei suoi connotati transnazionali.

Visconti e il lato positivo della censura, ovvero quando Gianni Amelio vide per la prima volta Rocco e i suoi fratelli .

La citazione

«Scrivere è anche non parlare (Marguerite Duras)»

scelta da
Marianna Cappi

cinerama
7553
cineteca
2407
servizi
2298
opinionisti
1511
locandine
952
serialminds
635
scanners
452
Pubblicato su FilmTv 22/2017

The Hurt Locker


Regia di Kathryn Bigelow

Una squadra speciale di artificieri dell’esercito statunitense è in Iraq. Il loro compito è quello di disinnescare esplosivi. Ma il pericolo è dovunque. Le nuove frontiere del cinema di guerra. Kathryn Bigelow realizza un altro film bellico a sei anni dall’ottimo e troppo dimenticato K-19. Dalla claustrofobia del sottomarino sovietico si passa a uno spazio ugualmente oppressivo, dove ogni inquadratura sembra intrappolare i personaggi. Il cinema della Bigelow si immerge nella guerra in Iraq. Senza freni. Con un corpo oltre il limite di ogni possibilità, con un coraggio quasi fisico che sembra arrivare da Herzog. Non c’è respiro. La guerra come una missione. Ma anche come una droga, una dipendenza come lo squid di Strange Days. Il montaggio frenetico dove ogni stacco sembra nascondere la sensazione dell’esplosione imminente dell’ordigno. La luce malata. Il giallo sporco di The Hurt Locker come quello di Point Break. Con la terra invece dell’acqua. In un inferno sonoro senza precedenti, almeno nel recente cinema statunitense. Dove non c’è nessun filtro dai reportage del fotogiornalista Mark Boal (anche autore della sceneggiatura). Dove la mdp scende negli inferi, ci si butta dentro. Dove l’auto incendiata, le fiamme, la polvere delle dune di sabbia ci arrivano quasi addosso come l’acqua dello sbarco in Normandia di Salvate il soldato Ryan. Il cinema non ripara più dalla guerra. Anzi, ci lascia ancora tutti i rumori in testa. E da qui il cinema bellico ha aperto una nuova frontiera. Lo strepitoso Redacted e The Hurt Locker lo hanno cambiato. Quello di prima, appartiene già al passato. Sei Oscar tra cui miglior film e regia.

Salvato in Hollywood o morte! da Simone Emiliani
Messa in onda: 04/06/2017 - 22:55 - RaiMovie
The Hurt Locker (2008)
Titolo originale: The Hurt Locker
Regia: Kathryn Bigelow
Genere: Guerra - Produzione: USA - Durata: 131'
Cast: Ralph Fiennes, Guy Pearce, David Morse, Jeremy Renner, Anthony Mackie, Christian Camargo, Brian Geraghty, Kristoffer Ryan Winters, Malcolm Barrett, Sam Redford, Evangeline Lilly
Articolo inserito in Speciale Detroit

Articoli consigliati


The Hurt Locker» Cineteca (n° 34/2014)
Crolla in 18 minuti la cultura di...» Servizi (n° 02/2011)
The Hurt Locker» Cinerama (n° 41/2008)

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy