The Hurt Locker di Kathryn Bigelow

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Giulio Sangiorgio dice che Birdman o (l'imprevedibile virtù dell'ignoranza) è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 21:00.

A voi la fantascienza di Netflix piace? A Filippo Mazzarella no.

Arrivano in sala Ilegitim e Fixeur di Adrian Sitaru, espressione di un cinema rumeno a cui spesso abbiamo dato spazio. Un esempio? Cristi Puiu.

Noah Hawley debutterà alla regia. Cosa ci possiamo aspettare? Intanto vi riproponiamo la recensione di una delle sue creazioni migliori.

Dal 22 marzo nelle sale Pacific Rim 2 - La rivolta , seguito di Pacific Rim 3D di Guillermo Del Toro che riportò in auge il genere dei “robottoni”. Ecco una piccola galleria dei più celebri e indimenticabili automi animati del piccolo schermo...

16 marzo 1978. Ricordiamo Aldo Moro con Buongiorno, notte .

La citazione

«You Cannot Be Serious! (John McEnroe)»

scelta da
Rinaldo Censi

cinerama
7807
cineteca
2497
servizi
2493
opinionisti
1611
locandine
971
serialminds
685
scanners
462
Pubblicato su FilmTv 22/2017

The Hurt Locker


Regia di Kathryn Bigelow

Una squadra speciale di artificieri dell’esercito statunitense è in Iraq. Il loro compito è quello di disinnescare esplosivi. Ma il pericolo è dovunque. Le nuove frontiere del cinema di guerra. Kathryn Bigelow realizza un altro film bellico a sei anni dall’ottimo e troppo dimenticato K-19. Dalla claustrofobia del sottomarino sovietico si passa a uno spazio ugualmente oppressivo, dove ogni inquadratura sembra intrappolare i personaggi. Il cinema della Bigelow si immerge nella guerra in Iraq. Senza freni. Con un corpo oltre il limite di ogni possibilità, con un coraggio quasi fisico che sembra arrivare da Herzog. Non c’è respiro. La guerra come una missione. Ma anche come una droga, una dipendenza come lo squid di Strange Days. Il montaggio frenetico dove ogni stacco sembra nascondere la sensazione dell’esplosione imminente dell’ordigno. La luce malata. Il giallo sporco di The Hurt Locker come quello di Point Break. Con la terra invece dell’acqua. In un inferno sonoro senza precedenti, almeno nel recente cinema statunitense. Dove non c’è nessun filtro dai reportage del fotogiornalista Mark Boal (anche autore della sceneggiatura). Dove la mdp scende negli inferi, ci si butta dentro. Dove l’auto incendiata, le fiamme, la polvere delle dune di sabbia ci arrivano quasi addosso come l’acqua dello sbarco in Normandia di Salvate il soldato Ryan. Il cinema non ripara più dalla guerra. Anzi, ci lascia ancora tutti i rumori in testa. E da qui il cinema bellico ha aperto una nuova frontiera. Lo strepitoso Redacted e The Hurt Locker lo hanno cambiato. Quello di prima, appartiene già al passato. Sei Oscar tra cui miglior film e regia.

Salvato in Hollywood o morte! da Simone Emiliani
Messa in onda: 04/06/2017 - 22:55 - RaiMovie
The Hurt Locker (2008)
Titolo originale: The Hurt Locker
Regia: Kathryn Bigelow
Genere: Guerra - Produzione: USA - Durata: 131'
Cast: Ralph Fiennes, Guy Pearce, David Morse, Jeremy Renner, Anthony Mackie, Christian Camargo, Brian Geraghty, Kristoffer Ryan Winters, Malcolm Barrett, Sam Redford, Evangeline Lilly

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo
Articolo inserito in Speciale Detroit

Articoli consigliati


The Hurt Locker» Cineteca (n° 34/2014)
Crolla in 18 minuti la cultura di...» Servizi (n° 02/2011)
The Hurt Locker» Cinerama (n° 41/2008)

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy