2000 Light Years NYC

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Matteo Marelli dice che Blackhat è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 02:35.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«sarà mica la maniera di lavorare… non si lavora così dai… ogni lavoro anche il più banale necessita di un minimo di regia»

scelta da
Andrea Bellavita

cinerama
8277
servizi
2826
cineteca
2656
opinionisti
1776
locandine
1000
serialminds
755
scanners
477

2000 Light Years NYC


Shine a Light di Martin Scorsese

Locandina pubblicata su FilmTv 51/2008

La scelta di Martin Scorsese di avvicinarsi il più possibile ai Rolling Stones sembra quasi il tentativo di svelarne un’identità segreta, se non proprio un’anima misteriosa. Lo stesso titolo, Shine a Light (disponibile da questo mese in dvd Feltrinelli Real Cinema) suggerisce l’idea di illuminarne gli angoli e le sfumature più remote, anche se alla fine le uniche luci che si accendono sono quelle di New York, splendide e sfrontate nei titoli di coda. Essere la più grande rock’n’roll band del mondo per quasi mezzo secolo comporta un’attenzione ai dettagli all down the line, come direbbero gli stessi Rolling Stones, su tutta la linea, ed è proprio il meticoloso amore per il proprio lavoro, come lo descrive Keith Richards, che alla fine rimane impresso nello schermo di Martin Scorsese. Ai suoi obiettivi non sfugge niente, e sono quei minuscoli particolari a rendere possibile la longevità, la straripante energia, il carisma di una rock’n’roll band inimitabile: Keith Richards che suona la chitarra solo e dove serve, Mick Jagger che balla, salta e canta e poi di spalle al pubblico fa esercizi di respirazione, Ron Wood che s’incastra solo dove è necessario e l’inimitabile Charlie Watts che riduce la sua batteria allo sforzo di un battito costante e perfetto. Tutti i personaggi di contorno e l’orchestra rhythm and blues con tanto di fiati e di coristi che sorregge e riempie lo spettacolo (e qui sono compresi gli ospiti di riguardo: Jack White, Buddy Guy e Christina Aguilera nel torbido duetto per Live With Me), vivono di esperienza e abilità certosine, ma per scatenare l’entusiamo o soltanto l’ennesimo esaurimento nervoso (come quello che stava per venire a Martin Scorsese in attesa della scaletta del concerto) bisogna essere fuori dagli schemi, dalle rotte e dalle mappe già tracciate. Shine a Light è la celebrazione della loro essenza: dal trionfo danzante di Mick Jagger, uno spettacolo nello spettacolo, alle bizzarre movenze di Keith Richards (sempre più vicino all’amico Tom Waits), un uomo attorcigliato alla chitarra, non è chiaro (nonostante gli sforzi di Martin Scorsese) se i Rolling Stones vivano soltanto per il rock’n’roll o per se stessi. Le due serate al Beacon Theatre, storica location nel cuore di New York che è servita da sfondo al film, non semplificano affatto il mistero gaudente dei Rolling Stones: anzi, come se il regista avesse imparato dalla sua rock’n’roll band preferita l’arte di ribaltare il tavolo (questa è la natura del loro gioco) usa i primi piani per sottolineare le maschere (persino le rughe), tutti i luoghi comuni delle pose e delle gestualità inondandole di riflessi, alternando sequenze dello show in corso con reperti del passato. In uno di questi frammenti qualcuno chiede a un Keith Richards visibilmente alterato: «Come ti senti?» e lui, non senza sfoderare un ghigno sardonico, risponde: «Fantastico». Ecco, la storia del gruppo in generale e di Shine a Light in particolare sta tutta in quella battuta: gli Stones sono un gruppo “fantastico”, e non solo per l’epidermica eccitazione dei riff, del ritmo, delle canzoni e di quell’alchimia che sanno generare da un palco o da un disco (o dal dvd: è impossibile restare fermi). Questa è la parte “reale” degli Stones, quella più esplosiva e in cui si immergono, da quarant’anni a questa parte, fino a trasfigurarsi, viaggiando a 2000 anni luce da casa, in un mondo a parte: a bordo di un’astronave che funziona solo con quella meravigliosa energia che è il rock’n’roll.

Shine a Light (2008)
Titolo originale: Shine a Light
Regia: Martin Scorsese
Genere: Documentario - Produzione: USA/Gran Bretagna - Durata: 122'
Cast: Mick Jagger, Keith Richards, Ron Wood, Charlie Watts, Martin Scorsese, Christina Aguilera, Jack White, Bill Clinton, Rebecca Merle, Kimberly Magness
Montaggio: David Tedeschi
Fotografia: Robert Richardson

Articoli consigliati


Shine a Light» Cinerama (n° 16/2008)
Bussando alle porte di Graceland» Lost Highway (n° 08/2008)
Il sorriso del grande tentatore» Servizi (n° 15/2008)

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy