L'ora più buia

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Giulio Sangiorgio dice che Birdman o (l'imprevedibile virtù dell'ignoranza) è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 21:00.

A voi la fantascienza di Netflix piace? A Filippo Mazzarella no.

Arrivano in sala Ilegitim e Fixeur di Adrian Sitaru, espressione di un cinema rumeno a cui spesso abbiamo dato spazio. Un esempio? Cristi Puiu.

Noah Hawley debutterà alla regia. Cosa ci possiamo aspettare? Intanto vi riproponiamo la recensione di una delle sue creazioni migliori.

Dal 22 marzo nelle sale Pacific Rim 2 - La rivolta , seguito di Pacific Rim 3D di Guillermo Del Toro che riportò in auge il genere dei “robottoni”. Ecco una piccola galleria dei più celebri e indimenticabili automi animati del piccolo schermo...

16 marzo 1978. Ricordiamo Aldo Moro con Buongiorno, notte .

La citazione

«Noi siamo orfani della Rivoluzione. E spesso pensiamo che non c'è più una vittoria possibile, che il mondo è disincantato e alla fine ci rassegniamo. Il cinema, al contrario, ci dice, a suo modo, che ci sono vittorie possibili anche nel mondo peggiore.... Non bisogna disperarsi. È quel che il cinema ci racconta, io credo. Ed è per questo che dobbiamo amarlo. (Alain Badiou)»

scelta da
Mariuccia Ciotta

cinerama
7807
cineteca
2497
servizi
2493
opinionisti
1611
locandine
971
serialminds
685
scanners
462

L'ora più buia


Zero Dark Thirty di Kathryn Bigelow

Locandina pubblicata su FilmTv 11/2015

Dieci anni: dall’11 settembre 2001 al 2 maggio 2011, il tempo trascorso tra l’attacco alle Torri gemelle e l’uccisione di Osama bin Laden da parte di una squadra speciale dei Navy Seals. Dieci anni di indagini, interrogatori (spesso, cioè, torture), appostamenti, false piste, altri attentati sanguinosi, come quello alla stazione Atocha di Madrid (2004), a un autobus nel centro di Londra (2005), al Marriott Hotel di Islamabad (2008), alla stessa base Chapman della CIA in Afghanistan (2009). Nel 2012 Kathryn Bigelow affronta con coraggio un’impresa difficilissima: raccontare la storia recente, descrivere il trauma che ha aperto il nuovo millennio, affrontare il pasticcio culturale, geografico, ideale nel quale oggi (nel 2015) siamo più che mai immersi. Quello che l’autrice ci racconta non è una vittoria, non è la fine di una caccia all’uomo: è solo un inizio, l’inizio di un mondo nuovo e irriconoscibile, come si riflette nelle pulsioni contrastanti e nello sguardo di Maya (Jessica Chastain), protagonista ostinata e assoluta (che la narrazione non molla mai) e specchio di tutti i dubbi morali e le certezze culturali che, dall’11 settembre, non hanno smesso di tormentarci. Maya è Kathryn Bigelow, è l’America (di Bush e Obama), è il mondo occidentale di fronte a una sfida per la quale non è equipaggiato. I codici di giustizia, l’umanità, persino la razionalità laica cozzano contro un furore ideale che non conosce sfumature, un arcaismo che non sappiamo interpretare, un sistema di valori che non possiamo condividere, una serie pressoché infinita, “storica”, di errori commessi. Non sappiamo più che pesci prendere. Maya anche meno: perché è una donna. Zero Dark Thirty (termine militare che significa più o meno “dopo mezzanotte e mezzo”, le ore più buie della notte) è uno straordinario film femminile sulla guerra e sul presente, dove la parola chiave è proprio “femminile”. Accompagnato da polemiche pretestuose (sulla faccenda Afghanistan e sulla tortura, che la Bigelow mostra con durezza e pietà, senza compiacimenti), sostenuto dalla sceneggiatura perfetta di Mark Boal, che prende spunto da dati reali e non si sposta mai dall’obiettivo principale, non si concede mai (né concede alla protagonista) deviazioni romanzate, il film ha il nerbo, l’onestà e il coraggio dei grandi film di guerra (che comunque un punto di vista, una soggettiva, una “parte” dalla quale stare devono averla) e il puntiglio nervoso di un reportage, di un file segreto, di una sventagliata di news. Dai primi minuti di buio nei quali echeggiano le voci e le telefonate (vere) che s’intrecciarono quell’11 settembre, alla lunga sequenza finale dell’incursione nel fortino di Abbottabad e dell’uccisione di Bin Laden, i 157 minuti di Zero Dark Thirty scorrono con velocità secca e disadorna, con scene per lo più brevi, stacchi e cambi di location frequenti, date e luoghi a scandire il passaggio del tempo e il procedere o lo stallo delle ricerche. E Maya è sempre là, all’inizio una figura nera e incappucciata che assiste, appena arrivata in Pakistan, a un interrogatorio, poi a viso scoperto, decisa ad affrontare apertamente, con i propri sfacciati capelli rossi, qualsiasi scelta orribile le si pari davanti, ostinata sulla pista che condurrà alla preda maggiore. Sempre più provata, e isolata, lontana dalla logica maschile, spesso dolorante, tesse e delinea un percorso nell’angoscia morale. Alla fine del quale c’è ancora il nero di un suo sguardo interrogativo, il buio di un aereo che la riporta a casa. Sola.

Zero Dark Thirty (2012)
Titolo originale: Zero Dark Thirty
Regia: Kathryn Bigelow
Genere: Guerra - Produzione: USA - Durata: 157'
Cast: Jessica Chastain, Reda Kateb, Jason Clarke, Kyle Chandler, Jennifer Ehle, Harold Perrineau, Jeremy Strong, J.J. Kandel, Wahab Sheikh, Alexander Karim
Sceneggiatura: Mark Boal
Musiche: Alexandre Desplat
Montaggio: William Goldenberg, Dylan Tichenor
Fotografia: Greig Fraser
Articolo inserito in Speciale Detroit

Articoli consigliati


Zero Dark Thirty» Cineteca (n° 15/2017)
Sulla cresta dell’onda» Locandine (n° 02/2013)
Una rossa tutta d’oro» Servizi (n° 05/2013)
Zero Dark Thirty» Cinerama (n° 06/2013)

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy