Sfida senza regole

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che I gioielli di Madame de... è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 02:20.

Dove sono finite le sex symbol? Dal nostro archivio, una riflessione del 2012 di Roy Menarini.

Rick Alverson (in concorso a #Venezia75 con The Mountain ) è un comico da prendere decisamente sul serio. Lo avevamo segnalato negli Scanners.

Manca poco per la quinta stagione (su Netflix dal 14 settembre). Il cavallo più (o meno) famoso di Hollywoo sta per tornare.

Tra i 30 registi italiani più votati del nostro sondaggio pubblicato su FilmTv n° 34 c'è lui. Noi lo conosciamo bene, e voi?

Per festeggiare David Cronenberg che verrà premiato con il Leone alla carriera a Venezia 75 abbiamo pensato di rendere disponibili tutti gli articoli archiviati nella nostra collezione Locandine. A partire da La zona morta.

La citazione

«Un colpo solo (Michael Cimino - Il cacciatore)»

cinerama
8155
cineteca
2939
servizi
2701
opinionisti
1720
locandine
993
serialminds
739
scanners
471
Servizio pubblicato su FilmTv 06/2018

Sfida senza regole


Mentre si contano i giorni all’inizio della 68ª edizione del Festival di Sanremo, esce la notizia della sospensione, da parte del TAR Liguria, di una regola del comune sanremese volta a proibire le esibizioni, in città, di alcuni artisti di strada. Secondo la norma, avrebbero potuto suonare solo musicisti che, in mancanza di requisiti accademici, fossero almeno iscritti - come autori - alla SIAE.

Mentre si contano i giorni all’inizio della 68ª edizione del Festival di Sanremo, esce la notizia della sospensione, da parte del TAR Liguria, di una regola del comune sanremese volta a proibire le esibizioni, in città, di alcuni artisti di strada. Secondo la norma, avrebbero potuto suonare solo musicisti che, in mancanza di requisiti accademici, fossero almeno iscritti - come autori - alla SIAE. La decisione del tribunale è stata invece subito ripresa, con favore, dalla società indipendente Soundreef, che l’ha vista come una vittoria per gli autori (che ora possono scegliere a quale ente iscriversi) e come segno tangibile della fine - con il 2018 - del monopolio SIAE sulla tutela dei diritti d’autore in Italia. Decisivo il decreto fiscale collegato alla legge di stabilità in vigore da gennaio, con il quale il governo si adegua alla direttiva Barnier (del 2014): incoraggiata dall’Europa ad armonizzare un libero mercato del diritto d’autore, e quindi un’indiretta, graduale limitazione dei monopoli di stato. In Italia, la concorrenza di Soundreef alla SIAE è iniziata nel 2011, con una piattaforma all’insegna della trasparenza economica e dei pagamenti equi e proporzionati agli artisti. Non potendo operare come pieno competitor, si è dedicata inizialmente alle radio dei centri commerciali e ai concerti live, ottenendo nel 2016 l’adesione di Fedez e Gigi D’Alessio. Proprio a Sanremo, lo scorso anno, erano cinque i musicisti non più associati al monopolio; mentre quest’anno tocca a Ruggeri (con i Decibel), affiliatosi a Soundreef assieme a 99 Posse, Dark Polo Gang e altri 11 mila nomi. Soundreef opera ora in libertà, grazie all’apertura di una no profit - LEA - che riscuote per essa. Se, almeno sul piano formale, rimane sfuggente come una società di questo tipo possa accumulare proventi per conto di una profit, è innegabile la forza innovativa portata da Soundreef: un pungolo di concorrenza e innovazione per un colosso come la SIAE, di centenaria attività nella tutela della proprietà intellettuale, ma ormai enormemente esposta a critiche d’eccessiva burocrazia e iniquità economica. Oltre alle battaglie legali, la SIAE guarda ora giocoforza al rinnovamento, in un mercato che vedrà forse l’ascesa di nuove realtà (come l’italiana Patamu). Una tensione inedita per il nostro settore, dove ancora non sarà tutto rose e fiori (sanremesi).


Matteo Bailo

Una laurea in filosofia e una passione per la musica che lo porta a inseguire concerti in giro per la regione, e a procurarsi strumenti troppo impegnativi rispetto alla sua chitarra.
Lavora per Film Tv dall'agosto 2012, per il quale cura la rubrica Muzik - L'impero dei suoni, e redige i listini dei palinsesti.


Matteo Bailo

Una laurea in filosofia e una passione per la musica che lo porta a inseguire concerti in giro per la regione, e a procurarsi strumenti troppo impegnativi rispetto alla sua chitarra.
Lavora per Film Tv dall'agosto 2012, per il quale cura la rubrica Muzik - L'impero dei suoni, e redige i listini dei palinsesti.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy