Sfida senza regole

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Matteo Marelli dice che Mamma Roma è il film da salvare oggi in TV.
Su Rete4 alle ore 03:20.

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno.

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«Povero pensiero... finisce sempre per sfracellarsi contro il muro dei fatti. (Lev Troskij)»

scelta da
Adriano Aiello

cinerama
9425
servizi
3895
cineteca
3240
opinionisti
2222
locandine
1097
serialminds
1028
scanners
514
Servizio pubblicato su FilmTv 06/2018

Sfida senza regole


Mentre si contano i giorni all’inizio della 68ª edizione del Festival di Sanremo, esce la notizia della sospensione, da parte del TAR Liguria, di una regola del comune sanremese volta a proibire le esibizioni, in città, di alcuni artisti di strada. Secondo la norma, avrebbero potuto suonare solo musicisti che, in mancanza di requisiti accademici, fossero almeno iscritti - come autori - alla SIAE.

Mentre si contano i giorni all’inizio della 68ª edizione del Festival di Sanremo, esce la notizia della sospensione, da parte del TAR Liguria, di una regola del comune sanremese volta a proibire le esibizioni, in città, di alcuni artisti di strada. Secondo la norma, avrebbero potuto suonare solo musicisti che, in mancanza di requisiti accademici, fossero almeno iscritti - come autori - alla SIAE. La decisione del tribunale è stata invece subito ripresa, con favore, dalla società indipendente Soundreef, che l’ha vista come una vittoria per gli autori (che ora possono scegliere a quale ente iscriversi) e come segno tangibile della fine - con il 2018 - del monopolio SIAE sulla tutela dei diritti d’autore in Italia. Decisivo il decreto fiscale collegato alla legge di stabilità in vigore da gennaio, con il quale il governo si adegua alla direttiva Barnier (del 2014): incoraggiata dall’Europa ad armonizzare un libero mercato del diritto d’autore, e quindi un’indiretta, graduale limitazione dei monopoli di stato. In Italia, la concorrenza di Soundreef alla SIAE è iniziata nel 2011, con una piattaforma all’insegna della trasparenza economica e dei pagamenti equi e proporzionati agli artisti. Non potendo operare come pieno competitor, si è dedicata inizialmente alle radio dei centri commerciali e ai concerti live, ottenendo nel 2016 l’adesione di Fedez e Gigi D’Alessio. Proprio a Sanremo, lo scorso anno, erano cinque i musicisti non più associati al monopolio; mentre quest’anno tocca a Ruggeri (con i Decibel), affiliatosi a Soundreef assieme a 99 Posse, Dark Polo Gang e altri 11 mila nomi. Soundreef opera ora in libertà, grazie all’apertura di una no profit - LEA - che riscuote per essa. Se, almeno sul piano formale, rimane sfuggente come una società di questo tipo possa accumulare proventi per conto di una profit, è innegabile la forza innovativa portata da Soundreef: un pungolo di concorrenza e innovazione per un colosso come la SIAE, di centenaria attività nella tutela della proprietà intellettuale, ma ormai enormemente esposta a critiche d’eccessiva burocrazia e iniquità economica. Oltre alle battaglie legali, la SIAE guarda ora giocoforza al rinnovamento, in un mercato che vedrà forse l’ascesa di nuove realtà (come l’italiana Patamu). Una tensione inedita per il nostro settore, dove ancora non sarà tutto rose e fiori (sanremesi).


Matteo Bailo

Una laurea in filosofia e una passione per la musica che lo porta a inseguire concerti in giro per la regione, e a procurarsi strumenti troppo impegnativi rispetto alla sua chitarra.
Lavora per Film Tv dall'agosto 2012, per il quale cura la rubrica Muzik - L'impero dei suoni, e redige i listini dei palinsesti.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy