Alle spalle dei giganti

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Alberto Pezzotta dice che La sottile linea rossa è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 21:10.

Detroit di Kathryn Bigelow è in streaming su Netflix

Fra alti e bassi, fra neorealismo, critofilm e prodotti calligrafici, il rapporto tra pittura e cinema nei film italiani.

Al Sudestival, il festival lungo un inverno che si tiene tutti i fine settimana dal 10 gennaio al 13 marzo 2020 a Monopoli (Ba), anche l'omaggio a Dino Risi nell'ambito di un "laboratorio" sulla commedia all'italiana con gli studenti, organizzato in collaborazione con Film Tv, media partner della manifestazione. Come film più rappresentativo, Mauro Gervasini ha scelto Il giovedì , che era anche il preferito dal regista milanese. Riproponiamo la locandina con il commento.

Avete già scoperto le due nuove piattaforme di cui stiamo recensendo serie originali, di recente? Una di queste è StarzPlay, su cui vi suggeriamo di cercare questa commedia.

Il numero 50 di Film Tv è tutto dedicato alle donne, in uno speciale che attraversa ruoli e media diversi. Uno dei nomi femminili fondamentali per il cinema è Chantal Akerman, di cui vi riproponiamo questo inedito.

La citazione

«Il motivo per cui Dio ci ha dato due orecchie e una bocca è per permetterci di ascoltare il doppio di quanto parliamo (Quincy Jones)»

scelta da
Emanuele Sacchi

cinerama
9011
servizi
3381
cineteca
2969
opinionisti
2046
locandine
1056
serialminds
883
scanners
500
Servizio pubblicato su FilmTv 45/2019

Alle spalle dei giganti


§

Molte cose sono state dette di questi tempi su Franco Battiato, sulle sue condizioni di salute e sull’uscita, il 18 ottobre 2019, per Sony Music, dell’album Torneremo ancora: l’ultimo della carriera. 14 tra le sue canzoni più rappresentative, da La cura a Povera patria a E ti vengo a cercare, e un inedito, omonimo, in apertura. La voce del maestro è accompagnata dalla Royal Philharmonic Concert Orchestra di Londra, con la quale Battiato fece un breve tour nel 2017 dalle cui prove sono nate le tracce del disco. Ciò che si sa, oggi, di Battiato è il debilitante incidente di due anni fa, con frattura del femore e del bacino, il suo desiderio di ritirarsi dalle scene e una stanchezza artistica che - come confermato da Juri Camisasca, co-autore di Torneremo ancora e uomo vicino al maestro - non lo invoglia a riprendere a scrivere. Una scelta e un riserbo in linea con l’uomo, che meriterebbero rispetto a prescindere, e che hanno invece esposto il cantautore a ogni sorta di speculazione. L’ultimo album sarebbe, per certi opinionisti, un testamento, con riferimenti, nel brano di apertura, alla trasmigrazione delle anime, al sonno e alla veglia che sarebbero in realtà metafore delle sue vere condizioni di salute. Come se di misticismo, di religioni orientali, di germogli culturali applicati alla vita e al pop Battiato non si fosse occupato per un’intera carriera. Torneremo ancora è un lavoro debole, guidato da una voce esile e stanca, messa in relazione con l’orchestra con effetto straniante: dalla dolente apertura all’impietoso confronto con il passato (I treni di Tozeur), fino alla riscoperta di una cover come Te lo leggo negli occhi. Un’operazione commerciale come continuamente se ne vedono, giunta a cinque anni dal precedente lavoro in studio, che non giustifica però le accuse di sciacallaggio rivolte all’entourage del cantautore. «Cercano di tenere in vita qualcosa che è già morto»: queste le eleganti parole di Roberto Ferri, collaboratore e sedicente amico di Battiato, rilasciate alla testata online Fanpage.it e assurte a chiave del dibattito. Un’intervista autoindulgente e di scarsa rilevanza giornalistica, in cui Ferri denuncia lo sfruttamento di Battiato finendo lui stesso, curiosamente, per parteciparvi. Quel che resta, nel rispetto della vita privata di una grande figura, della sua musica, del suo invecchiare, è l’amore di chi lo segue, che ha già fatto del suo disco uno degli album più venduti in Italia. In tempi in cui si discute se Achille Lauro possa legittimamente partecipare al premio Tenco - sì, per chi scrive -, il miglior traguardo a cui ambire, per i nuovi autori, è lo straordinario talento di Battiato nel coniugare pop e sperimentazione, kitsch e cultura alta, disorientando, da sempre, chi non è avanti come lui.


Matteo Bailo

Una laurea in filosofia e una passione per la musica che lo porta a inseguire concerti in giro per la regione, e a procurarsi strumenti troppo impegnativi rispetto alla sua chitarra.
Lavora per Film Tv dall'agosto 2012, per il quale cura la rubrica Muzik - L'impero dei suoni, e redige i listini dei palinsesti.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy