I migliori 10 videoclip italiani dell’anno

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che Salvate il soldato Ryan è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 09:05.

Dal 1° aprile sbarca su Netflix una delle comedy più stratificate e divertenti degli anni dieci: dal Dan Harmon che poi creerà Rick & Morty, la vicenda di sette outsider diversissimi che stringono amicizia formando un gruppo di studio nella scalcagnata università pubblica di Greendale. Qui vi riproponiamo la recensione della quinta stagione, che ne ripercorre la faticosa e altalenante vicenda produttiva.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo di carriera pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

Un ricordo di Emir Kusturica e di un equivoco lungo un festival e oltre.

La citazione

«Un ingenuo e stupido film americano può insegnarci qualcosa “per mezzo” della sua scempiaggine. Ma non ho imparato mai niente da uno scaltrito film inglese. (Ludwig Wittgenstein)»

cinerama
9170
servizi
3566
cineteca
3066
opinionisti
2121
locandine
1073
serialminds
927
scanners
505
Servizio pubblicato su FilmTv 53/2019

I migliori 10 videoclip italiani dell’anno


§

  • AK77 LINEA 77 FEAT. SALMO & SLAIT, DIRETTO DA ANDREA FOLINO
    Video che riproduce la parte dell’addestramento di Full Metal Jacket di Kubrick. Ci sono tutti: Joker, Palla di lardo e il terribile sergente (è Salmo). Non pura e semplice mimesi, ma utilizzo di una forma nota per aderire, con immagini riconoscibili e di significato sedimentato, alla forza del brano.
     
  • AL TELEFONO CESARE CREMONINI, DIRETTO DA GJ SQUARCIA
    Cremonini, uno che crede da sempre a una via italiana al video, mette a segno uno struggente clip narrativo. GJ Squarcia, intersecando a ritmo livelli di tempo e memoria, unisce coerentemente il racconto per immagini al senso delle liriche: il telefono documenta una verità parziale che la realtà completa.
     
  • BLUSH BEAT CLUB DOMANI & EMMANUELLE FEAT. STEPHANIE GLITTER, DIRETTO DA MARCO GRADARA
    Che meraviglia il turbine vintage tirato a lucido di Gradara: estetica pubblicitaria, venature queer e ammicchi subliminali (un pizzico di Sophie Muller: penso al delirio domestico di Beethoven (I Love to Listen To) degli Eurythmics, ma non solo). Art direction da sturbo e maniera pop di rara coscienza. Il mio preferito.
     
  • CALYPSO MÒN, DIRETTO DA GIACOMO SPACONI
    Quando un delirio sconfina nella realtà circostante. Spaconi mette in scena una quotidianità qualunque invasa dai fantasmi della mente e dalle sue ossessioni: lo fa, sì, rispettando la leggerezza grafica dell’assunto, ma anche la drammaticità del presupposto. E con un’inventiva che non perde mai quota.
     
  • DOMENICA COEZ, DIRETTO DA LUCA LUMACA
    La domenica vissuta come da bambini, una parentesi serena: così la storia d’amore (omosessuale e interrazziale) è fatta, come il giorno festivo, solo di libertà e spensieratezza. Lo stile e il carattere di Lumaca sono noti, e dipingono in forma di delicato idillio le immagini mentali evocate da Coez.
     
  • HIT SANTA MANU, DIRETTO DA SIMONE BOZZELLI
    I santi si venerano oggi per successo e danaro: l’icona votiva di questa sacra famiglia in salsa dreamy è incollata in una teca televisiva. Bozzelli se ne frega delle tendenze video e guarda al cinema degli enfant sauvage Mandico e Gonzalez: facile arrendersi al fascino anomalo di questo clip marziano.
     
  • NUOVA REGISTRAZIONE 402 MARA SATTEI, DIRETTO DA ENEA COLOMBI
    Enea Colombi, tra i nostri giovani migliori, dietro l’esibizione di Mara Sattei nasconde una narrazione che parla attraverso i luoghi. E, tra zoom e split screen, con uno sguardo al rapporto tra figura e paesaggio che tiene conto della lezione di Pedro Martín-Calero, apre all’astratto gioco di forme.
     
  • PURO DESIDERIO TERESA DE SIO, DIRETTO DA MICHELE BERNARDI
    Videomusica italiana e animazione costituiscono un binomio che ha sempre garantito lavori di qualità. Michele Bernardi, poi, ha dalla sua non solo tecnica e tratto riconoscibili, ma anche un’originale forza poetica: così il bel brano di Teresa De Sio si trasforma in un’evocativa favola adulta.
     
  • ROLLS ROYCE ACHILLE LAURO, DIRETTO DA SEBASTIANO BONTEMPI
    Se Achille Lauro è ormai un artista mainstream, allora questo è il miglior video italiano di categoria. Con una freschezza che ha pochi riscontri in quel panorama, e con una coreografia che parte dal bianco e nero delle scenografie optical dei primi anni 70, Bontempi fa un viaggio nel tempo (della tv).
     
  • SHADOW OF A GUN INUDE, DIRETTO DA ACQUASINTETICA
    Il cowboy corre nella prateria e balla, sensuale, nella nuvola allucinogena: l’orizzonte è sempre lì. Il naufragare è dolce in questo western lisergico-erotico di AcquaSintetica che, facendo dialogare due immaginari, viaggia sull’onda di un’idea, senza forzarla mai, e di un brano musicale, assecondandolo sempre. 

Luca Pacilio

Posseduto dalla diabolica Torino, vicedirettore della rivista cinematografica online Gli Spietati, per Film TV cura la sua malattia (la videomusica) e (dunque) la rubrica Videostar, dedicata agli autori e ai protagonisti del video musicale contemporaneo. Amando perdere, e non seguendo il calcio, coltiva le enciclopedie fallimentari di Peter Greenaway.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy