Jazz e altri suoni che abbiamo intorno

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che American Hustle - L'apparenza inganna è il film da salvare oggi in TV.
Su Rai5 alle ore 21:15.

Arriva in sala Burning - L'amore brucia di Lee Chang-dong, per noi uno dei migliori film dell'edizione 2018 del Festival di Cannes. Nella sua recensione Pier Maria Bocchi lo accosta a Bong Joon-ho e a Park Chan-wook, di cui vi riproponiamo questo film invisibile realizzato insieme al fratello.

Quando Filippo Mazzarella incontrò David Lynch, qualche parola, del silenzio.

Julie Andrews, una voce leggendaria e una serie di ruoli iconici scolpiti nella storia del cinema, ha ricevuto il Leone d'oro alla carriera a Venezia76. Riproponiamo qui la locandina di Victor Victoria .

Esattamente un anno fa esordiva su Netflix l'attesa serie creata da Matt Groening. A breve sarà disponibile la seconda stagione. Possibile competere con I Simpson e Futurama ? Dobbiamo proprio farlo?

Nel 2011, in occasione dell’uscita in sala del film di Jean-Jacques Annaud Il principe del deserto , con Antonio Banderas e Tahar Rahim, avevamo voluto ripercorrere la storia del Sahara al cinema. Vi riproponiamo oggi questo percorso.

La citazione

«Solo chi lascia il labirinto può essere felice, ma solo chi è felice può uscirne (Michael Ende - Lo specchio nello specchio)»

cinerama
8853
servizi
3251
cineteca
2901
opinionisti
1987
locandine
1044
serialminds
855
scanners
494
Articolo pubblicato esclusivamente su questo sito

Jazz e altri suoni che abbiamo intorno


Si è da poco conclusa l'11ª edizione di Jazz:Re:Found. Festival di richiamo internazionale che da anni avvicina il genere all'elettronica e alle nuove tendenze. Dal borgo di Cella Monte (AL), nelle colline del Monferrato, musica di ricerca e intrattenimento.

Le immagini e i suoni scorrono sullo schermo senza soluzione di continuità: ragazzi vestiti di rosso che ballano nei sobborghi di una città caraibica, il fruscio delle onde del mare, frasi rap pronunciate da un volto che emerge dal buio, file di alberi riprese da un’auto di passaggio.

IMG_2994.JPG

Sono visioni proiettate dietro al palco, mentre le tastiere del francese Christophe Chassol e la batteria di Mathieu Edward eseguono dal vivo idee musicali in movimento, ritmi incalzanti, pause che assecondano il canto dolce e incerto di una donna ritratta di profilo. Il live di Chassol – affermato produttore in ambito pop, grazie alle collaborazioni con Phoenix, Frank Ocean e Solange, oltre che compositore in grado di orientarsi tra musica classica, jazz ed elettronica – ha chiuso degnamente l’ultima edizione di Jazz:Re:Found, un festival sperimentale e itinerante, tenutosi quest’anno, per la prima volta, nel bel borgo di Cella Monte, tra le colline del Monferrato (in provincia di Alessandria), dal 20 al 23 giugno.

IMG_3012.jpg

Christophe Chassol.jpg(foto di Lorena Florio)

Un concerto immersivo, dicevamo, capace di affascinare e condurre il pubblico dell’antica piazzetta situata nel cuore del paese in un fitto dialogo fatto di ritmo, tastiere e una varietà di rumori, esotici o familiari, provenienti dalla lunga serie di frammenti video proiettati alle spalle dei musicisti. Chassol definisce questo progetto Ultrascores, dal nome dato a due dei suoi album. Frasi di pianoforte seguono così le parole di una donna che parla al mercato, rumori di clacson sono assorbiti nel suono, frasi concitate si uniscono a tempi hip hop, mentre le riprese che spaziano da New Orleans, all’India, all’isola caraibica di Martinica (luogo nativo del musicista) compongono una sinfonia urbana. La musica suonata dal vivo è quindi un vispo corredo alle immagini e al loro sottofondo; un messaggio armonico che si eleva di fronte al respiro caotico del mondo, riconoscendo però, al tempo stesso, i propri limiti. Questo live, per la capacità di porre la musica al servizio di quei suoni contrastanti che caratterizzano spesso il nostro intorno, può forse ben rappresentare l’idea stessa di Jazz:Re:Found.

cover-primo-lancio-1560806972.jpg

Un festival che pone al centro della propria ricerca la contaminazione e la contemporaneità, scontentando al massimo chi intende la musica jazz secondo canoni già ampiamente costituiti. Un’attitudine che guarda anche al mondo del pop, cercando un equilibrio tra richiamo e ricerca, tenendo saldo il filone della musica black e i suoni degli strumenti a fiato; dialogando con l’elettronica, l’hip hop e il blues. Inaugurato nel 2008, organizzato per diverse edizioni a Vercelli, ha ritrovato quest’anno la dimensione di evento estivo, dopo essersi svolto per alcuni anni, con alterne fortune organizzative, nei locali di Torino (e con appuntamenti anche a Milano). La scelta di Cella Monte, inserito nella lista de I borghi più belli d’Italia, è il chiaro intento di instaurare un dialogo tra musica e territorio, grazie anche ai cortili delle aziende locali, rimasti aperti agli utenti per permettere la degustazione di prodotti tipici rimirando le colline. La musica, anche in questa cornice, è rimasta però il vero punto di forza. Il palco di Chassol ha visto esibirsi, il giorno prima, gli Area Open Project, a 40 anni dalla scomparsa di Demetrio Stratos, in un concerto guidato da antichi temi mediorientali, dalla voce di Claudia Tellini e dalla perizia alle tastiere del leader Patrizio Fariselli. Sul palco principale, tra gli altri, il dj set acido e pulsante di Gilles Peterson, icone vecchie e nuove dell’hip hop romano come Colle der Fomento e Noyz Narcos, il live torrenziale di I hate my village: Alberto Ferrari (Verdena) alla voce, Fabio Rondanini (Afterhours, Calibro 35) alla batteria e Adriano Viterbini (Bud Spencer Blues Explosion) alla chitarra, per un blues dilagante, tra le influenze di Bombino e una cover lisergica di Don’t Stop ‘Til You Get Enough di Michael Jackson.

I hate my village.jpg(foto di Lorena Florio)

La serata di sabato 22 si è chiusa invece con l’attesa esibizione del collettivo di giovani musicisti londinesi Kokoroko: un solo ep all’attivo, il singolo Abusey Junction che ha superato i 30 milioni di ascolti su Youtube, e una resa live più ballabile che malinconica, grazie all’energia di un trio femminile che è sia comparto voci che sezione di fiati. Il jazz non è certo un genere che necessita d’essere ridefinito. Porlo in dialogo con realtà vicine e lontane può però rivelarsi un esercizio fruttuoso.

 

kokoroko 2 2.jpg
(questa foto e quella di copertina sono di Lorena Florio)

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy