Max Cooper: il sound visivo di un extraterrestre

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Ilaria Feole dice che Due per la strada è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 10:10.

Dove sono finite le sex symbol? Dal nostro archivio, una riflessione del 2012 di Roy Menarini.

Rick Alverson (in concorso a #Venezia75 con The Mountain ) è un comico da prendere decisamente sul serio. Lo avevamo segnalato negli Scanners.

Manca poco per la quinta stagione (su Netflix dal 14 settembre). Il cavallo più (o meno) famoso di Hollywoo sta per tornare.

Tra i 30 registi italiani più votati del nostro sondaggio pubblicato su FilmTv n° 34 c'è lui. Noi lo conosciamo bene, e voi?

Per festeggiare David Cronenberg che verrà premiato con il Leone alla carriera a Venezia 75 abbiamo pensato di rendere disponibili tutti gli articoli archiviati nella nostra collezione Locandine. A partire da La zona morta.

La citazione

«Lui adesso vive ad Atlantide / con un cappello pieno di ricordi / ha la faccia di uno che ha capito / e anche un principio di tristezza in fondo all'anima / nasconde sotto il letto barattoli di birra disperata / e a volte ritiene di essere un eroe. (Francesco De Gregori - Atlantide)»

scelta da
Matteo Bailo

cinerama
8138
cineteca
2934
servizi
2687
opinionisti
1714
locandine
992
serialminds
738
scanners
471
Articolo pubblicato esclusivamente su questo sito

Max Cooper: il sound visivo di un extraterrestre


L'affascinante dialogo tra musica elettronica e videoarte "orchestrato" da Max Cooper, produttore e dj irlandese che in un concerto della rassegna torinese #Soundframes ha spalancato orizzonti visivi accompagnati da beat alieni...

Su due grandi schermi sono proiettate linee sottili e concentriche. Forme geometriche si confondono veloci, mentre lucine che sembrano costellazioni si alternano a punti bianchi su sfondo nero. Si scompone lentamente la forma di una conchiglia, così che un tratteggio in linea retta corra ora a formare, morbido come un filo, la sagoma di un volto. I suoni, nel frattempo, si addensano nella Sala del tempio della Mole Antonelliana di Torino; i beat accennano la ripetizione - intervallati da interferenze metalliche cristalline - mentre i visual si rendono più complessi e compaiono alle spalle dell’artista Max Cooper, e sull’altissimo soffitto. Il concerto del 7 aprile scorso, promosso da Seeyousound Festival e Artemide Torino, per la rassegna #Soundframes, all’interno dell’edificio simbolo della città, ha visto all’opera il dj e producer irlandese - classe 1980, residente a Londra - in un dialogo aperto tra musica elettronica e videoarte. Attivo da diversi anni, Cooper ha esordito con il suo primo album nel 2014, intitolato: Human. L’essere umano e la natura, sono al centro della sua poetica: i suoni generati da beat alieni, gli orizzonti visivi proiettati durante la serata, possono evocare mondi spersonalizzanti, disperdere l’individuo - in riferimento al suo rapporto con il futuro- nell’avanzare oscuro della tecnologia. Cooper utilizza la techno con algida precisione e calore timbrico. La sua “Intelligence Dance Music” (IDM) lascia che la danza sia misurata, lavorando con pazienza sulle sensazioni emotive di chi ascolta. Esse sono immerse nella ripetizione, assumono un significato solamente nelle minime variazioni melodiche che agiscono su di noi, lentamente, nel tempo che scorre. Il concerto è anticipato dalla sonorizzazione live del film I nibelunghi: Sigfrido (1924), di Fritz Lang, da parte dell’artista torinese Mana, conosciuto, in passato, come Vaghe Stelle. Quando è il turno di Max Cooper, le persone sono sdraiate sulle comode poltrone del salone; altre, numerose, s’inframezzano in piedi impedendo alle prime la stessa, costante, posizione di quiete. Luci e suoni investono anche la lunga fila di coloro in attesa dei cocktail a base di rum. Si può dunque ballare, o entrare in uno stato di sospensione rilassante. Si può guardare una parete multicolore per concedersi al gioco distratto del riconoscimento delle forme. Fedele al suo passato di dottore in biologia, Cooper inserisce suggestive immagini in rimando alle cellule, alle stringhe di DNA, alla metamorfosi delle piante. Mentre i battiti costanti, il riverbero dei suoni concreti, chiedono agli umani in ascolto il tacito controllo dei loro neuroni. Non c’è alcuna fretta in questo intento: le immagini si replicano sui due schermi, e su quelli piccoli di tutti i cellulari pronti a fotografare, mentre la suggestione avvinghia la mente con piccole note che vengono da lontano.


Matteo Bailo

Una laurea in filosofia e una passione per la musica che lo porta a inseguire concerti in giro per la regione, e a procurarsi strumenti troppo impegnativi rispetto alla sua chitarra.
Lavora per Film Tv dall'agosto 2012, per il quale cura la rubrica Muzik - L'impero dei suoni, e redige i listini dei palinsesti.


Matteo Bailo

Una laurea in filosofia e una passione per la musica che lo porta a inseguire concerti in giro per la regione, e a procurarsi strumenti troppo impegnativi rispetto alla sua chitarra.
Lavora per Film Tv dall'agosto 2012, per il quale cura la rubrica Muzik - L'impero dei suoni, e redige i listini dei palinsesti.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy