Il cinema e nient'altro

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che Keoma è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine34 alle ore 22:55.

Avventure da vedere e rivedere, capolavori dell’animazione e lezioni sul rapporto tra uomo e natura: sono i film dello Studio Ghibli, (quasi) tutti disponibili su Netflix.

È una questione di intesa. Lo sguardo di Jonah Hill su Stevie è simile a quello di Jodie Foster su Fred in Il mio piccolo genio . Entrambi con lo stesso provvisorio smarrimento, la stessa solitudine. Con una differenza: l’attrice, nel suo esordio nella regia, era anche protagonista. Jonah Hill no: si affida anima e corpo al bravissimo protagonista, Sunny Suljic, già sorprendente in Il sacrificio del cervo sacro . E poi ancora strani incroci: Scott Rudin, tra i produttori di Mid90s e anche di Il mio piccolo genio .

Il miglior film hollywoodiano dell’anno l’ha fatto la HBO, naturalmente è una miniserie e non un film, ma della Hollywood perduta (non necessariamente quella classica) riprende l’impostazione e la tradizione di trarre da un bestseller un’opera d’autore colta e insieme popolare, come un tempo erano film quali Ragtime , La scelta di Sophie o Il colore viola .

«Continuare a vivere significa continuare a fare film» dice Máximo Espejo, il regista di Légami! È paralizzato sulla sedia a rotelle, in preda a pulsioni fisiche voraci e inappagabili per la bella protagonista, ma non importa: importa il cinema, che si fa «con il cuore e con i coglioni», e quelli funzionano. Il cinema si deve , anche se non si vede : il cinema si fa anche da ciechi, ed è il caso di Mateo Blanco, che perde la vista e l’amore in un incidente ma torna alla celluloide per ricomporre Gli abbracci spezzati .

Sperimentatore eccentrico con l’umiltà del mestierante o dell’artigiano, Nobuhiko Ôbayashi è divenuto un culto per caso, per la sua instancabile volontà di immaginare, al di fuori da ogni schema. Al nome del regista giapponese in genere viene associato un solo titolo: House (1977). Un caso difficilmente superabile di follia su pellicola, in cui l’immaginazione sale al potere senza che nessun limite - di budget, buon gusto o buon senso - la possa rallentare.

La citazione

«Se una rana avesse le ali non sbatterebbe tante volte il culo per terra (John McCabe)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
9743
servizi
4401
cineteca
3447
opinionisti
2343
serialminds
1140
locandine
1125
scanners
526

Editoriale


Pubblicato su FilmTv 13/2021

Il cinema e nient'altro

Con la scomparsa di Bertrand Tavernier - a 79 anni lo scorso 25 marzo - si chiude un pertugio della storia del cinema. Cineasti così eclettici sono rari. Tavernier cominciò giovanissimo come critico e giornalista, a 20 anni fu assistente di Jean-Pierre Melville sul set di Léon Morin, prete (1961) ma è l’ultimo nome dei generici del film successivo Lo spione (1962) con la qualifica di addetto stampa. Sua professione ufficiale per circa dieci anni, anche per Stanley Kubrick. Nel frattempo, insieme a Jean-Pierre Coursodon, pubblica il monumentale 30 ans de cinéma américain aggiornato poi nel 1995 (50 ans de cinéma américain), due volumi a 135 euro, imperdibili. Tavernier amava molto anche il cinema italiano. Fu amico di Riccardo Freda che contribuì a rivalutare, finché i rapporti diventarono tumultuosi all’epoca di Eloise - La figlia di D’Artagnan (1994), antico progetto del regista italiano (fu Tavernier a sostenere che Freda sul set amasse più i cavalli degli uomini). Nel 2015 la Mostra del cinema di Venezia gli assegnò il Leone d’oro alla carriera. Il cinema di Tavernier come autore è conservatore, non bisogna avere timore di dirlo. Del resto da critico fu il primo a rivalutare Jean Aurenche e Pierre Bost, gli sceneggiatori esecrati dai giovani turchi negli anni 50 perché emblema del cinema francese accademico e polveroso. Alla loro storia ai tempi della Continental dedicherà uno dei suoi titoli migliori, Laissez-passer (2002), ma questo “conservatorismo” stilistico sarà emblematico soprattutto nel rapporto con le trasposizioni letterarie, a partire dall’esordio dietro la macchina da presa di L’orologiaio di Saint-Paul (1974), da Simenon, fedele a un testo reso ancora più contemporaneo da una sceneggiatura perfetta alla quale collaborarono proprio Aurenche e Bost. Così come è sorprendente Colpo di spugna (1981) da Jim Thompson. Il film che considerava il suo capolavoro però è La vita e niente altro (1989) da un soggetto originale suo e di Jean Cosmos, ambientato durante la Prima guerra mondiale che fu un po’ una sua ossessione da storico (sottovalutato, in questo senso, il successivo Capitan Conan del 1996) e proprio questi titoli apparentemente letterari restano i migliori e meno obsoleti della sua produzione, che invece quando si fa moralista, come per gli osannati La morte in diretta del 1980 (al netto di Romy Schneider, magnifica) e L’esca (quest’ultimo addirittura Orso d’oro a Berlino nel 1995) convince meno. Nel 1992 realizza un bel documentario sull’Algeria “francese” inedito in Italia: La guerre sans nom. Da qualche anno era diventato presidente dell’Institut Lumière di Lione, la sua città, occupandosi di promozione del cinema francese soprattutto delle origini e di conservazione e restauro.


Mauro Gervasini

Firma storica di Film Tv, che ha diretto dal 2013 al 2017, è consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia e insegna Forme e linguaggi del cinema di genere all'Università degli studi dell'Insubria. Autore di Cuore e acciaio - Le arti marziali al cinema (2019) e della prima monografia italiana dedicata al polar (Cinema poliziesco francese, 2003), ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare su cinema francese e di genere.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy