Ne ho vedute tante da raccontar

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Pier Maria Bocchi dice che Sensi è il film da salvare oggi in TV.
Su Rai3 alle ore 03:45.

Cosmopolis di David Cronenberg è in streaming su PrimeVideo

Anni '80 un po' ovunque, ma quasi sempre da un punto di vista maschile. E le icone femminili? Una riflessione di Marianna Cappi.

The Guardian ha pubblicato alcune immagini del backstage di Il cacciatore , tratte dall'archivio personale di Robert De Niro e destinate a un libro di prossima pubblicazione. Vi riproponiamo la locandina di questo film cult, pubblicata nel 2009.

Dal primo dicembre è disponibile su Netflix la quinta stagione di questa serie. Se non la conoscete o se volete saperne di più, qui trovate la recensione delle prime due stagioni.

Il 28 novembre arriva in sala Un giorno di pioggia a New York , l'ultimo film di Woody Allen, a cui dedichiamo uno speciale su FilmTv n° 48. Ne è coprotagonista Elle Fanning, che ha interpretato anche questo film di Sally Potter, inedito in Italia, di cui vi riproponiamo la recensione.

La citazione

«Un ingenuo e stupido film americano può insegnarci qualcosa “per mezzo” della sua scempiaggine. Ma non ho imparato mai niente da uno scaltrito film inglese. (Ludwig Wittgenstein)»

cinerama
9006
servizi
3368
cineteca
2964
opinionisti
2042
locandine
1055
serialminds
881
scanners
500

Editoriale


Pubblicato su FilmTv 48/2019

Ne ho vedute tante da raccontar

Ai milioni di abbonati del nuovo servizio streaming Disney+ (in Italia dal 31/3 2020), in apertura di alcuni classici animati, è comparso il cartello: «L’opera è presentata così come è stata originariamente creata. Potrebbe contenere rappresentazioni culturali obsolete». Il riferimento è a personaggi modellati su cliché negativi o caricature offensive di determinate etnie: come i corvi (stereotipo afroamericano) di Dumbo, o i gatti siamesi (stereotipo asiatico) di Lilli e il vagabondo. Molto ci sarebbe da dire sull’ipocrisia di Disney, a partire dalla scelta delle parole: Warner Bros. aveva adottato simili disclaimer per Tom & Jerry, parlando più chiaramente di «pregiudizi razziali». Ma quel che ci colpisce è la reazione, di là e soprattutto di qua dell’Atlantico, di persone mature, acculturate e non appartenenti ad alcuna delle minoranze coinvolte dai cliché disneyani: sdegno e derisione. Stai a vedere che bisogna giustificarsi per aver inserito decenni fa la caricatura della cultura afroamericana in un innocuo cartoon! Quanto buonismo, quanta ipocrisia, quanta temibile dittatura del politicamente corretto! Di questo passo non si potrà più parlare di niente! E via dicendo. Il fatto che lamentele di questo tenore arrivino da individui appartenenti alla categoria che detiene il potere economico e l’egemonia culturale nel mondo occidentale - maschi bianchi eterosessuali cinquantenni - ci fa venire in mente una delle più becere argomentazioni contro le lotte della comunità LGBTQI, quella che recita «allora ci vuole anche l’Etero Pride!» (che peraltro già esiste). O anche la pervicacia con cui la succitata categoria sbertuccia le istanze delle «streghe» del #MeToo, colpevoli di minacciare la libertà personale e artistica degli uomini. Il fatto è che no, non ci vuole l’Etero Pride, perché la comunità eterosessuale non ha mai dovuto rivendicare il proprio diritto ad amarsi e sposarsi; e no, le donne che chiedono ambienti di lavoro esenti da molestie sessuali non vogliono castrare il maschio bianco (rubiamo le parole della fondatrice di Women Who, Otegha K. Uwagba: «Gli uomini dovrebbero essere contenti che le donne pretendano equità e non vendetta»). Similmente, non è la maggioranza caucasica a essere “bersagliata” dai (pur blandi e paraculi) disclaimer disneyani. La pretesa sottesa alle derisioni ci pare quella di godersi il film senza il cartello che ne denota il razzismo. Ricapitolando, è più rilevante il diritto di un maturo uomo bianco di vedere in santa pace il numero Siam siamesi rispetto a quello di, poniamo, un bimbo thailandese di essere avvisato che quella è una presa per i fondelli della sua etnia di appartenenza ed è «obsoleta» (che poi lo sia davvero, è un altro paio di maniche). I succitati corvi ne avevan vedute tante, da raccontar; giammai l’uomo bianco tremar, sentendosi minacciato da chi ha infinitamente meno potere di lui.


Ilaria Feole

Ilaria Feole è nata nell’anno di Il grande freddo, Il ritorno dello Jedi e Monty Python – Il senso della vita e tutto quello che sa l’ha imparato da questi tre film. Scrive di cinema e televisione per Film Tv e  Spietati.it. È autrice della monografia Wes Anderson - Genitori, figli e altri animali edita da Bietti Heterotopia.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy