No volveremos a la normalidad porque la normalidad era el problema

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Francesco Foschini dice che Jane Eyre è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 17:00.

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo di carriera pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«Un colpo solo (Michael Cimino - Il cacciatore)»

cinerama
9277
servizi
3734
cineteca
3168
opinionisti
2183
locandine
1086
serialminds
993
scanners
511

Editoriale


Pubblicato su FilmTv 19/2020

No volveremos a la normalidad porque la normalidad era el problema

«Un tempo, i film e i romanzi distopici erano esercizi di immaginazione in cui i disastri agivano come pretesto narrativo per l’emersione di modi di vivere nuovi e differenti. Con I figli degli uomini questo non avviene: il mondo che prefigura sembra un’estrapolazione o un’esacerbazione del nostro, più che una realtà alternativa vera e propria».
(Mark Fisher, Realismo capitalista)

 

Il futuro non è più quello di una volta, recita il titolo di una raccolta di poesie di Mark Strand. E tantomeno le distopie. Seguitemi: il termine, sostiene la leggenda, fu coniato dal filosofo John Stuart Mill, per tacciare l’utopia del socialismo rivoluzionario di cattiva attitudine. Il suo maestro, Jeremy Bentham, ideatore del panopticon, anni prima usò un altro termine: cacotopia. Sono due parole, distopia e cacotopia, che implicano il fallimento di un ideale utopico. Come a dire: «Pensavate a un mondo alternativo migliore, ne è risultato uno peggiore». Pensate a The Village di M. Night Shyamalan, un classico della filosofia contemporanea in immagini: quel che per i padri era un’utopia, per i figli è una tragica distopia. Il punto che Mark Fisher, nel brano qui sopra, coglie perfettamente è che oggi le distopie non raccontano il fallimento di un pensiero alternativo al mondo come lo conosciamo, la caduta di uno slancio verso un futuro migliore, con regole diverse. No. Le distopie raccontano il mondo così com’è (chissà cosa ne avrebbero detto i liberali e utilitaristi Mill e Bentham), basato su un sistema che nessuno mette in dubbio, neoliberista e mercificato, iperconnesso e tracciato, fatto di Realpolitik e fake news: ne accelerano delle componenti, ne accrescono delle caratteristiche, mettono in guardia su sviluppi possibili o, meglio, probabili. Ma non c’è nessuno che immagina un’alternativa a questo sistema. Sono distopie al presente, non al futuro. Non sono i fallimenti di un’utopia: sono possibili crisi di caratteri di oggi, pensieri negativi sul nostro presente. Sono qui, ora, anche se riportano date futuribili. Se cercate online, troverete tantissimi articoli dedicati a quali previsioni della serie distopica Black Mirror si sono (o meglio: si erano) già verificate nella realtà. Non è (mai stata) distopia, questa: è cronaca, al limite caricatura. La distopia è quello che c’è già perché oggi nessuno prova a immaginarla, l’utopia, il luogo del bene, il luogo che non c’è. È una questione politica. È questo, il realismo capitalista di cui parla Fisher. L’impossibilità di pensare a un’alternativa. L’idea di essere in un cul de sac da cui è implausibile uscire. Provate a pensarci: i maggiori produttori di distopie contemporanee, oggi, sono Netflix e Amazon. Sappiamo benissimo come funzionano. Sappiamo benissimo come usano i nostri dati. E noi acconsentiamo, per guardare film e serie distopiche che ci mettono in guardia su scenari del tutto simili a quelli messi in gioco, sul serio, proprio da Netflix e Amazon. È quello che una serie Apple (ehm ehm) come Servant (ovviamente prodotta da M. Night Shyamalan) o un film come Il buco, su Netflix, indicano come l’ideologia del contemporaneo: i protagonisti sanno benissimo che quello che fanno è sbagliato, ma lo fanno comunque. Perché? Perché pensano non ci sia un’alternativa. Questo numero, dunque, è una guida al genere distopico: ma il suo augurio, fiero e ingenuo, è quello di ritrovare, prima o poi, lo slancio di un’inimmaginabile utopia. Buona lettura.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy