Oltre lo specchio

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che Qualcosa è cambiato è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 21:10.

Avventure da vedere e rivedere, capolavori dell’animazione e lezioni sul rapporto tra uomo e natura: sono i film dello Studio Ghibli, (quasi) tutti disponibili su Netflix.

È una questione di intesa. Lo sguardo di Jonah Hill su Stevie è simile a quello di Jodie Foster su Fred in Il mio piccolo genio . Entrambi con lo stesso provvisorio smarrimento, la stessa solitudine. Con una differenza: l’attrice, nel suo esordio nella regia, era anche protagonista. Jonah Hill no: si affida anima e corpo al bravissimo protagonista, Sunny Suljic, già sorprendente in Il sacrificio del cervo sacro . E poi ancora strani incroci: Scott Rudin, tra i produttori di Mid90s e anche di Il mio piccolo genio .

Il miglior film hollywoodiano dell’anno l’ha fatto la HBO, naturalmente è una miniserie e non un film, ma della Hollywood perduta (non necessariamente quella classica) riprende l’impostazione e la tradizione di trarre da un bestseller un’opera d’autore colta e insieme popolare, come un tempo erano film quali Ragtime , La scelta di Sophie o Il colore viola .

«Continuare a vivere significa continuare a fare film» dice Máximo Espejo, il regista di Légami! È paralizzato sulla sedia a rotelle, in preda a pulsioni fisiche voraci e inappagabili per la bella protagonista, ma non importa: importa il cinema, che si fa «con il cuore e con i coglioni», e quelli funzionano. Il cinema si deve , anche se non si vede : il cinema si fa anche da ciechi, ed è il caso di Mateo Blanco, che perde la vista e l’amore in un incidente ma torna alla celluloide per ricomporre Gli abbracci spezzati .

Sperimentatore eccentrico con l’umiltà del mestierante o dell’artigiano, Nobuhiko Ôbayashi è divenuto un culto per caso, per la sua instancabile volontà di immaginare, al di fuori da ogni schema. Al nome del regista giapponese in genere viene associato un solo titolo: House (1977). Un caso difficilmente superabile di follia su pellicola, in cui l’immaginazione sale al potere senza che nessun limite - di budget, buon gusto o buon senso - la possa rallentare.

La citazione

«Povero pensiero... finisce sempre per sfracellarsi contro il muro dei fatti. (Lev Troskij)»

scelta da
Adriano Aiello

cinerama
10127
servizi
4781
cineteca
3609
opinionisti
2429
serialminds
1230
locandine
1148
scanners
531

Editoriale


Pubblicato su FilmTv 02/2020

Oltre lo specchio

Proviamo a orientarci. Comincia con un doppio, Hammamet. Come ci fosse uno specchio, sulla soglia tra paratesto e testo. Tra fuori e dentro il film. Un bimbo tira un sasso con una fionda, verso il fuoricampo: è la sigla animata della produzione di Agostino Saccà, la Pepito. Quel sasso, letteralmente, produce le immagini che seguono. Poi, come se il primo bimbo avesse attraversato lo specchio e ora si trovasse in carne, costume e ossa, un altro sasso, lanciato da un’altra fionda, rompe il vetro d’una finestra: è la prima scena di Hammamet. Il suo controcampo, la finestra infranta inquadrata dall’interno è l’ultima scena del film. Quel secondo sasso, dunque, produce le immagini che seguono, le immagini contenute tra quelle due finestre rotte. Mi seguite? È come se il film fosse un ambiente. Un interno aggredito. E infatti è Hammamet, non Craxi. Un luogo, non una persona. Uno spazio, non un tempo. Uno spazio che sta dentro troppe cornici, un sasso dopo l’altro, oltre lo specchio, dietro il vetro infranto. Un luogo che sta a troppi gradi dalla realtà per essere vero. Un luogo dove il tempo non scorre, si accumula. Frantumato il vetro, la macchina da presa, e dunque il cinema, di quel sasso, di quei sassi, segue la traiettoria, entra nella finestra, e dentro troviamo il re-enactment del 45° Congresso del PSI, con Pierfrancesco Favino che non solo interpreta Craxi, ma ne è una versione superbamente iperrealista, replicata nell’osceno spettacolo delle piramidi di Panseca. Dentro, dunque, siamo in un museo (non solo delle cere, come suggeriva Alberto Pezzotta su Film Tv n. 51/2019). Sono passati pochissimi minuti. A Hammamet, nella casa vera di Craxi, non ci siamo ancora arrivati. Dal surrealismo siamo passati all’iperrealismo: il realismo, qui, è sempre sbagliato, richiede un prefisso, è irrequieto, instabile. A Craxi, o meglio, C. si avvicina un uomo, interpretato da Giuseppe Cederna: uno che sente che l’apocalisse, Tangentopoli, sta arrivando. Si chiama Vincenzo Sartori, potrebbe stare per Vincenzo Balsamo. Ma non può non essere anche Francesco Saverio Borrelli, colui che a Craxi mandò il primo avviso di garanzia: non può non esserlo perché Cederna, lo stesso attore, lo interpreta, contemporaneamente, in 1994. Campo/controcampo. Oltre lo specchio. Il realismo non c’è. I nomi non tornano. Il simbolico prende il posto del reale (Anita come la moglie di Garibaldi, non Stefania; Fausto il doppio del personaggio di Colpire al cuore, che entra in casa come fosse uscito da Apocalypse Now; il dramma della moglie, che è detto da una scena di Secondo amore di Sirk; Bobo, che per comunicare canta Piazza grande...). Hammamet è dentro. Il realismo fuori. Craxi come lo conosciamo noi, anche. Quella è l’immagine mancante. E Hammamet è un film che sta intorno a quell’immagine, la nostra immagine di Craxi. I fotografi, quando C. li convoca, non ci sono. Il presidente la sente, quell’immagine mancante, la porta con sé, la misura insistere come una forma nostalgica, come una colpa (Le catene della colpa...), e a essa reagisce. E il film è tutto lì, fuori da quell’immagine, è tutto nel rapporto con questo lutto, nel confronto traumatico con esso, nei gesti minimali e familiari e nello spettacolaccio morente che non erano inclusi nel nostro Craxi realistico, nel suo carisma, nel suo banditismo, nel suo priapismo. In Hammamet - ed è una mancanza fondante, non un difetto - non c’è la cronaca storica: perché è un sentito, acutissimo melodramma (ovvero il genere della separazione) su un uomo di potere separato dalla sua immagine, dal suo e nostro realismo, da una verosimile, plausibile anche se deprecabile, immagine pubblica e dunque politica. Ed è questa, andando oltre il finissimo ritratto che il film fa di quest’uomo e dei suoi rapporti, la dimensione politica del film: oggi, quel realismo, nel bene e nel male, non c’è. Surrealismo e spettacolo iperrealista sì.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy