Oops!... We did it again

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Mariuccia Ciotta dice che Francisca è il film da salvare oggi in TV.
Su Rai3 alle ore 01:20.

Avventure da vedere e rivedere, capolavori dell’animazione e lezioni sul rapporto tra uomo e natura: sono i film dello Studio Ghibli, (quasi) tutti disponibili su Netflix.

È una questione di intesa. Lo sguardo di Jonah Hill su Stevie è simile a quello di Jodie Foster su Fred in Il mio piccolo genio . Entrambi con lo stesso provvisorio smarrimento, la stessa solitudine. Con una differenza: l’attrice, nel suo esordio nella regia, era anche protagonista. Jonah Hill no: si affida anima e corpo al bravissimo protagonista, Sunny Suljic, già sorprendente in Il sacrificio del cervo sacro . E poi ancora strani incroci: Scott Rudin, tra i produttori di Mid90s e anche di Il mio piccolo genio .

Il miglior film hollywoodiano dell’anno l’ha fatto la HBO, naturalmente è una miniserie e non un film, ma della Hollywood perduta (non necessariamente quella classica) riprende l’impostazione e la tradizione di trarre da un bestseller un’opera d’autore colta e insieme popolare, come un tempo erano film quali Ragtime , La scelta di Sophie o Il colore viola .

«Continuare a vivere significa continuare a fare film» dice Máximo Espejo, il regista di Légami! È paralizzato sulla sedia a rotelle, in preda a pulsioni fisiche voraci e inappagabili per la bella protagonista, ma non importa: importa il cinema, che si fa «con il cuore e con i coglioni», e quelli funzionano. Il cinema si deve , anche se non si vede : il cinema si fa anche da ciechi, ed è il caso di Mateo Blanco, che perde la vista e l’amore in un incidente ma torna alla celluloide per ricomporre Gli abbracci spezzati .

Sperimentatore eccentrico con l’umiltà del mestierante o dell’artigiano, Nobuhiko Ôbayashi è divenuto un culto per caso, per la sua instancabile volontà di immaginare, al di fuori da ogni schema. Al nome del regista giapponese in genere viene associato un solo titolo: House (1977). Un caso difficilmente superabile di follia su pellicola, in cui l’immaginazione sale al potere senza che nessun limite - di budget, buon gusto o buon senso - la possa rallentare.

La citazione

«Life... don't talk to me about life...»

scelta da
Alice Cucchetti

cinerama
9766
servizi
4437
cineteca
3462
opinionisti
2350
serialminds
1149
locandine
1127
scanners
527

Editoriale


Pubblicato su FilmTv 09/2021

Oops!... We did it again

Come già guardando Amy di Asif Kapadia, anche davanti a Framing Britney Spears - il chiacchieratissimo doc realizzato dal “New York Times”, in Italia disponibile sulla nuova piattaforma Discovery+ - sembra di assistere a qualcosa di drammaticamente inevitabile: un’ascesa fulminea, un successo accecante, e poi un (neanche troppo) lento andare in pezzi, davanti agli occhi di tutti, sotto i flash dei paparazzi. È uno spazio in cui la prevedibilità della realtà e la reiterazione delle narrazioni sulla celebrità (tra plurimi remake di A Star Is Born e la formuletta fatta a stampo di quasi ogni biopic musicale) s’incontrano, si fondono, e determinare cos’è venuto prima e cosa dopo diventa impossibile. Framing Britney Spears attira la curiosità del pubblico con uno spunto “true crime”: è vero che il padre di Britney, Jamie Spears, cui oltre un decennio fa è stata affidata da un giudice la custodia totale della cantante, la tiene “prigioniera” contro la sua volontà, sfruttandola economicamente e privandola di ogni libertà? Ma il vero tema del doc è un altro (anche perché di verità assodate sulla questione conservatorship non ce ne sono, e nessun membro della famiglia o attuale collaboratore di Spears ha accettato di farsi intervistare per il film): la “parabola evolutiva” raccontata in Framing Britney Spears è quella dei media e, di conseguenza, di noi spettatori. Sotto accusa diretta è il giornalismo a cavallo tra anni 90 e nuovo millennio, particolarmente sgradevole nei confronti delle giovani donne (uno dei reporter intervistati si premura di ricordare che «erano i tempi dello scandalo Lewinsky», e non è un caso), costrette dentro aspettative contraddittorie e irrisolvibili - e Britney Spears è forse l’esempio più calzante di questa schizofrenia pruriginosa che la voleva contemporaneamente ultima vergine d’America e Lolita iper sessualizzata. Una riflessione indubbiamente innescata dal #MeToo, checché ne pensino i suoi detrattori, che c’interroga anche su quanto siamo disposti a tollerare in cambio del nostro diritto all’intrattenimento. Ma Framing Britney Spears rivela ancora altro, cogliendo la mutazione della figura del fan: alla “cultura da tabloid” intrinsecamente misogina degli anni zero, rappresentata dall’inconsapevole strafottenza dei paparazzi intervistati, si sostituisce oggi un fandom grassroot (cioè dal basso), mentre la rilevanza della carta stampata e dei media tradizionali cede il posto ai social. Sono gli animatori del movimento #FreeBritney, molti dei quali nemmeno erano nati ai tempi di Baby One More Time, e oggi devoti alla causa di “liberare” la popstar. A motivarli, dichiarano, è proprio ciò di cui ai tabloid non frega nulla, cioè il benessere e la salute mentale della diva. Ma - sebbene i dubbi sulla legittimità del caso legale Spears siano fondati, e gli allarmi lanciati da fonti più che autorevoli - le modalità con cui si muovono gli adepti di #FreeBritney non sono dissimili da quelle di QAnonisti o altri sostenitori di fantasticherie cospirazioniste: Britney Spears non è più un idolo da adorare o infangare, ma un enigma da sciogliere - e una battaglia da combattere -, decifrando i suoi post su Instagram, individuando “indizi” nei suoi generici messaggi motivazionali, scambiandosi teorie su Reddit o nei podcast. È, di nuovo, una narrazione, questa volta reticolare e interattiva; è ancora intrattenimento, ancora - e sempre di più - indissolubile dalla nostra percezione della realtà.


Alice Cucchetti

Nasce a Busto Arsizio, studia a Bologna, vive a Milano. I suoi genitori le hanno sempre detto di non guardare i telefilm, inevitabilmente indirizzandola verso un consumo appassionato e compulsivo di serialità televisiva. Tra gli autori storici di Serialmente.com e co-fondatrice di Mediacritica.it, ha curato la rubrica Cinetv di "Nocturno" e ha collaborato, tra gli altri, con Best Movie, Best Serial, Abbiamoleprove, Grazia.it, Osservatorio Tv. Ama le canzoni con i finali tristi, gli androidi paranoici, i paradossi temporali, i gatti e il cioccolato. Oltre che sulle pagine di Film Tv, dove cura le rubriche Serial Minds e Telepass, chiacchiera ai microfoni di "Pilota - Un podcast sui telefilm", il programma sulle serie tv di Querty.it.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy